Home » MUSICA, PRIMO PIANO » Giancarlo Passarella e il suo format radio show “Il Re del Gancio”. I nuovi appuntamenti dal 25 al 29 gennaio

Giancarlo Passarella e il suo format radio show “Il Re del Gancio”. I nuovi appuntamenti dal 25 al 29 gennaio

Firenze. Giovani e big nel format radio “Il Re del Gancio” ideato e condotto come sempre da Giancarlo Passarella. È in onda su 110 emittenti italiane e straniere che ne hanno fatta richiesta e alle quali è spedito gratuitamente. Lo show è della durata di dieci minuti.

Uno show, è bene tornare a precisarlo, che si è rivelato di grande aiuto per le piccole radio che faticano a rimanere vive! Non c’è dubbio, Giancarlo Passarella fa proprio servizio pubblico come la Rai. Ricordiamo che, storicamente, Passarella è stato il primo talent scout radiofonico (nel biennio 1986/87 a Rai Stereo Uno programmava brani tratti da demo su cassetta, scoprendo Ligabue, Banda bardò, Irene Grandi…). Ed ecco le notizie da seguire dal 25 al 29 gennaio.

Lunedì 25 gennaio

Primo brano in scaletta è “Wild world” di Cat Stevens (vero nome è Stephen Demetre Georgiou, nato a Londra il 21 Luglio 1948). Prima della sua conversione all’Islam (così da assumere il nome di Yusuf Islam), nel biennio 1970/71 entrò in classifica con brani come questo… (originariamente contenuto nel famoso album “Tea for the Tillerman” del 1970, quarto album del cantante e compositore). Nel 2014 ha partecipato come ospite alla serata iniziale del Festival di Sanremo ed ha ammaliato ed emozionato cantando “Peace Train, Maybe There´s a World” (con citazione di All You Need Is Love dei Beatles) e “Father and Son”. Ultimo album (2014): “Tell ‘Em I’m Gone”, metà cover e metà scritte da lui.

Secondo brano è “Il testimone” del cantautore folk, rock, new wave genovese Mauro Cipri, tratto dall’album “Il testimone dei ricordi”. Piccole storie di vita vissuta… Il testimone era uno spacciatore con dei precedenti e le sue mani inerti non tremavano di freddo ma dalla paura che fosse lui il movente e dalla paura che il tale confessasse tutto… Diversi i suoi concerti live. Fra l’altro nell’agosto 2010 ha aperto quello di Irene Fornaciari all’Arena di Genova. Nel dicembre dello stesso anno ha vinto il contest “Su la Testa Contest” e suonato come ospite al teatro Ambra di Albenga insieme a John Pointer, i San la Muerte e Raphael Gualazzi. Suo ultimo singolo “Isola di polvere”, composto da due tracce, realizzato il 23 dicembre 2015 nella sua home loop recording Aldila’ del Suono. La musica indipendente è per lui un fattore decisamente importante per poter esprimere liberamente la sua arte musicale

Martedì 26 gennaio

Primo brano: è “Trappole” del cantante, autore, chitarrista e pianista Eugenio Finardi. Nel 1981 esce l’album omonimo “Finardi” dove in alcune canzoni collabora Valerio Negrini, autore dei testi dei Pooh. In quest’album domina la canzone “Trappole”, di cui l’artista milanese scriverà anche la versione in inglese. Le altre canzoni contenute nell’album sono: “MayDay”, “Valeria come stai?”, “Computer”, “Patrizia”, “Prima della guerra”, “Piccola stupida”, “F104”, “Oltre gli anelli di saturno” e “Le stelle stanno ad aspettare”. Da allora non ha mai smesso di stupirci. I suoi più recenti album: “Musica Ribelle Live” (dal vivo, 2013) e “Fibrillante” (2014), prodotto da Max Casacci e registrato a Torino,

Titolo del secondo brano “Oobaye Oobayo” degli Halftones di Reggio Emilia.  Downtempo e funky nu jazz emiliano, ballato in tutto il mondo: “Nebulon” il cd del 2005 che continua a girare sul nostro lettore, prodotto da Alan Iotti e Giulio Vetrone ovvero sia gli Halftones.

Mercoledì 27 gennaio

Primo brano del giorno “Liberi di sangue” di Frankie Hi NRG (ovvero Francesco Di Gesù), grande innovatore rap. Di origini siciliane, è nato a Torino e cresciuto tra Caserta e Città di Castello. Nel 1992 la sua poesia diventa corrosione “… volumi di storia futura, diversa cultura ma identica natura”: e’ inutile negarlo, questi sono i fatti, il prologo e l’epilogo. Nel 2014 ha parteciparo al sessantaquattresimo Festival di Sanremo coi brani “Un uomo è vivo” e “Pedala con la quale si è piazzato all’ottavo posto della classifica finale. Nello stesso anno ha pubblicato il suo sesto album di inediti, “Essere umani”, trainato dal singolo Pedala. Suio primo album è stato “Verba manent” (1993)

Il secondo brano s’intitola “Orientato a Sud” del cosentino Pasquale Nigro. I confini del mondo stravolti da una vibrante fisarmonica per anni con “Il Parto delle Nuvole Pesanti”: un cd dalla copertina emblematica, atmosfere mediterranee ed un solo brano cantato… questo, appunto, presentato da Passarella Un viaggio guidato, dalla Lousiana a Srebrenica, da Buenos Aires a Varsavia. Tutto strumentale, a parte il brano finale, cantato da Cinzia Cerenzia su testo di Mirco Menna (cantante del Parto), che è il manifesto d’intenti: “Quando i giorni del Nord si fanno gabbia di gelo/ una rondine non può che ritornare/ orientata a Sud/ […] è dolce amare e amaro assai e di più/ Sud”.

Giovedì 28 gennaio

Primo brano è “Lay your Hands on Me” dei Bon Jovi. Con oltre 100 milioni di dischi i Bon Jovi (guidati da Giovanni Bongiovanni, naturalizzato americano con il nome di John Frances Bongiovi) sono la storia del rock. Passarella ci fa ascoltare “Lay Your Hands on Me” in una rara versione live … “Because We Can” è il primo singolo estratto dall’album “What About Now”.

Secondo brano: “Soffio leggero” del gruppo pugliese URoss (è di di Monopoli). La loro è una musica terapeutica, ma Giuseppe Giannuzzi è anche un poeta. Come URoss & gli Anartisti (progetto rockautorale) nel 2010 hanno pubblicato l’album “29 febbraio – Lo squilibrista” con 11 brani: “Amaro”, “L’Urlo”, “Psychoman”, “La canzone di Natale(anche quando…) – in due parti, “Godot”, “Un tipo chiamato Destino”, “Sciarrabball”, “Avevo una snake”” e “L’eternauta”.  Il pezzo che ci fa ascoltare Passarella è un vecchissimo demo…

Venerdì 29 gennaio

Ed eccoci agli ultimi due brani della settimana. Il primo brano è “Liar” dei The Queen. Brano tratto dal cd “At the Beeb”, registrato dalla celebre band di Freddie Mercury alla BBC nel 1973  …Liar from Mars to Mercury / Liar I have drunk the wine / Liar time after time / Liar you’re lying to me….

Il secondo brano, e ultimo, è “Dillu de su contribuente” del comico, cabarettista e cantante sardo Giuseppe Masia. Le difficoltà che ognuno di noi deve sistematicamente affrontare ogni mese in campo burocratico, complicato dall’ottusità di una classe politica: talk ben innestato su una tappeto tipico sardo, quello del “Ballu Tundu”. Il brano è tratto dall’album del 2010 “N€uro”. Ultime incisioni  “Bene Meda” (2014), “Legalegallina” (2013),“L’Italia si è rotta” (2011).

Se gli artisti giovani proposti vi sono sconosciuti, cercate su MusicalNews.Com altre notizie su di loro: scriviete pertanto Mauro Cipri, Halftones, Pasquale Nigro, URoss e Giuseppe Masia nel motore di ricerca che si trova in alto a destra. Scrivete uno di questi nomi accanto alla parola CERCA: se invece volete che la vostra radio del cuore mandi in onda gratuitamente il format Il Re del Gancio, mandate una e-mail a in scalewttainfo@ilredelgancio.it.

Nelle foto Giancarlo Passarella con Eugenio Finardi nel marzo 2012; copertina di “Verba manent”, primo album di Frankie Hi NRG; copertina dell’album di Pasquale Nigro “Orientato a sud”.
(Nino Bellinvia)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!