Home » MUSICA, PRIMO PIANO » Giancarlo Passarella e il nuovo format rock radio show “Il Re del Gancio” con successi di Bertoli, Cattaneo, Delirium, Stone Temple Pilots, Inside, Priviero & Bubola, Rife, Fontana, Sferlazzo, Raveggi & Despairs

Giancarlo Passarella e il nuovo format rock radio show “Il Re del Gancio” con successi di Bertoli, Cattaneo, Delirium, Stone Temple Pilots, Inside, Priviero & Bubola, Rife, Fontana, Sferlazzo, Raveggi & Despairs

Firenze. E’ sempre un gran piacere, tutti convinti, ascoltare “Il Re del Gancio”, l’inimitabile radio format ideato, prodotto e condotto da Giancarlo Passarella che lo spedisce gratuitamente alle piccole emittenti italiane e anche straniere (sono oltre 100). Come la Rai, anche lui fa servizio pubblico…

Da una parte i giovani artisti italiani che non hanno occasioni concrete per promuovere la loro musica, dall’altra le piccole radio che faticano tanto a rimanere vive! Queste emittenti devono continuare ad esistere, così da fare quel prezioso lavoro di collante con la realtà della provincia italiana: è una di quelle peculiarità (dice Passarella) di cui noi italiani non siamo coscienti. Lo show “Il Re del Gancio” è una piccola idea per aiutare queste due realtà a frequentarsi. Ricordiamo a tutti che storicamente Giancarlo Passarella è il primo talent scout radiofonico. Basta ricordare che nel biennio 1986/87 a Rai Stereo Uno, una storica gloriosa realtà del servizio pubblico (rubrica “Ululati dall’Underground”), ha mandato in onda demo, scoprendo, tra gli altri, Ligabue, Bandabardò, Irene Grandi.

Lunedì 3 aprile

Primo artista: Pierangelo Bertoli, cantautore rock-folk.

Al Festival di Sanremo 1991 con i Tazenda (accolta da una standing ovation), Bertoli lancia “Spunta la luna dal monte”: ci pensa il figlio Alberto Bertoli, cantautore rock-folk a mantenere vivo il suo insegnamento. Pierangelo Bertoli, scomparso a Modena nel dicembre 2002, come sappiano è stato un vero e proprio “cantastorie“, voce sincera della sua terra (era nato a Sassuolo, autodefinitosi “artigiano della canzone”, egli fu una figura emblematica della canzone d’autore italiana dagli anni settanta ai primi anni 2000, spaziando dalla musica popolare al rock, con testi diretti e densi di riferimenti sociali e politici  (29 gli album incisi). “Spunta la Luna dal monte” che ci fa ascoltare Passarella è la versione italiana della canzone “Disamparados”, scritta da Luigi Marielli, componente dei Tazenda, che la affidarono ancora inedita a Pierangelo Bertoli per il Festival di Sanremo del 1991, ove ebbe ad interpretarla insieme ai Tazenda. Fu un incontro ad alta intensità. Di quelli che restano nella memoria della gara canora sanremese come uno dei momenti più alti di quell’edizione La versione in gara è stata cantata insieme. Da Bertoli e dai Tazenda (con la voce di Marco Parodi). Evento questo dimenticato dall’edizione dell’anno scorso, ma ci pensa il figlio Alberto Bertoli a mantenere vivo il suo insegnamento. Da ricordare, tra l’altro: “A dieci anni da te – 2002-2012″. Tributo a Pierangelo Bertoli” (Sassuolo 6-7 e 8 ottobre 2012). Inoltre, proprio di recente a Fiorano, Modena, è stato dedicato un parco al ricordo e alla memoria di questi due artisti scomparsi: Bertoli e Parodi.

Secondo artista: Delirium, rock jazz.

Band genovese in attività dal 1970 al 1975. E’ poi ritornata in attività nel 1996. Tratto dal cd “Il nome del vento” (quarto album pubblicato nel 2009 da Black Widow) Pasarella ci fa ascoltare “Cuore sacro”, pubblicato nel 2009 dall’ etichetta genovese Black Widow, che nel 2015 ha anche pubblicato “L’era della menzogna”, due LP/CD per un ritorno di una band storica che ha ancora molto da dire, forte anche della raccolta in cd-dvd del 2010 “Il viaggio continua: la storia 1970-2010” e del cd live del 2011 “One Night in Genoa”. Il 16 maggio 2014 hanno ritirato  a Genova presso la Fiera Internazionale della Musica, il FIM Award Premio Italia alla Carriera assegnato da CAPAM, Commissione Artistica per la Promozione dell’Arte e della Musica. Durante l’evento i Delirium hanno interpretato i loro più grandi successi di fronte ad un folto pubblico che li ha lungamente acclamati. Attuale formazioni: Fabio Chighini (basso, voce), Martin Frederick Grice (voce, flauto, sax), Michele Cusato (chitarra solista), Alfredo Vendresi (batteria), Alessandro Corvaglia (voce, chitarra acustica, tastiere), Ettore Vigo (tastiere), Mauro La Luce (paroliere).

Martedì 4 aprile

Primo artista: Stone Temple Pilots, gruppo musicale grunge statunitense.

Formazione statunitense. E’ stata in attività dal 1986 al 2003. Poi vi è rientrata nel 2008 ed è pienamente in attività. “Sex type thing” è la perla registrata dal vivo che ci fa ascoltare Giancarlo Passarella. Scott Weiland (che è stato con il gruppo fino al 2013) ha anche ricoperto il ruolo di cantante dei Velvet Revolver, assieme a Slash, Duff McKagan e Matt Sorum, ex membri dei Guns n’ Roses. Attuale formazione: Dean DeLeo (chitarra), Robert DeLeo (basso, cori)

Eric Kretz (batteria)-


Secondo artista: Inside. Gruppo musicale fiorentino rock.

Una sorpresa il brano che ci fa ascoltare Passarella. Il gruppo aspirava a un genere che piace a chi ascolta rock. La formazione: Raffaello Colli (guitar, backing vocals), Vanni Brighella (drums, percussions), Francesco Gianchino (bass) e Laura Livi (cantante).

Mercoledì 5 aprile

Primo artista: Massimo Priviero & Massimo Bubola, ambedue cantautori, compositori
“Nikolajevka” (che ascoltiamo) viene citata tra le canzoni più pacifiste prodotte dalla musica italiana negli ultimi decenni, anche perché è uscita dalla mente di due valenti e apprezzati autori. Sottotitolo “Gennaio 1943, Lettera Dal Fronte Russo”. Il cd singolo fuori commercio, è stato allegato al periodico “L’Isola che non c’era” Anno IX, Numero 32, Febbraio 2004 / Distribuito da Edel – Milano. “Massimo” è un doppio cd + dvd live (arricchito da 3 inediti e confezionato in uno speciale packaging) che ha inciso nell’ottobre 2015 Massimo Primiero. Numerosi in tutti questi anni i concerti e i riconoscimenti di pubblico e di critica, insieme con i premi (citiamo il Premio Lunezia e il Premio Enriquez). Per tre volte ha vinto come album italiano dell’anno il referendum della rivista musicale Buscadero. Massimo Bubola ha collaborato con molti musicisti italiani sia in fase di scrittura dei testi e delle musiche, sia come arrangiatore; la collaborazione più nota è quella che lo ha visto a fianco di Fabrizio De André.

Secondo brano: Rife, band bolognese.

Durante il colpo di stato in Urss nel 1989, questa band metal di Imola era lassù in tour. Erano Davide Martini (bass), Paolo Zuffi (drums), Simone C. Pirazzoli (guitars) e Gian Marco Gottarelli (vocal). Non si accorsero di nulla: esiste un videoclip sul “Fever and believer”, costruito con i reportage dei tg sovietici.

Giovedì 6 aprile

Primo artista: Jimmy Fontana, cantautore, contrabbassista e attore.

Jimmy Fontana, nome d’arte di Enrico Sbriccoli, cantautore, contrabbassista, appassionato di jazz, partecipò nel 1965 a Un Disco per l’Estate con il brano (che ascoltiamo) “Il mondo” con testo di Gianni Boncompagni, musica scritta in collaborazione con Carlo Pes e l’arrangiamento curato da Ennio Morricone. Fontana Ha inciso ben 69 45 giri!

Secondo brano: Giacomo Sferlazzo, cantautore, chitarrista di Lampedusa.

Un cantautore impegnato, attivista culturale: il suo disco d’ esordio è Il figlio di Abele”, ma ha pubblicato il secondo (intitolato “Lampemusa”) e il terzo (con il titolo di “Quando sono assente mi manco”). Nel 2009 ha co-fondato il collettivo Askavusa con cui organizza il Lampedusainfestival e con cui ha realizzato PortoM uno spazio polifunzionale dove sono in mostra gli oggetti appartenuti alle persone (migranti) passate da Lampedusa e salvati da Askavusa nel corso degli anni. Nel 2016 il suo album “Giostre per giovani vecchi”.

Venerdì 7 aprile

Primo artista: Ivan Cattaneo, cantautore, pittore.

Ivan Cattaneo (suo nome all’anagrafe Ivano) è un tipo atipico (tanto per citare il tributo discografico di cui è stato omaggiato per i suoi primi 40 anni di carriera) che potrebbe tornare al Festival di Sanremo, ma per esporre i suoi quadri. Nel settembre 2015, infatti, la neonata etichetta Soter ha pubblicato un doppio album tributo a lui dedicato: “Un Tipo Atipico” #tributoivancattaneo, nel quale ventinove artisti, fra affermati ed emergenti, rivisitano il suo repertorio d’autore. Il progetto è ideato e prodotto da Salvatore De Falco, attento conoscitore dell’arte di Cattaneo e collaboratore delle testate Raropiù e Musical News. Tra i suoi brani “Polisex” che è diventato uno dei più popolari. Una sorta d’inno dei cosiddetti alternativi nella Milano degli anni ottanta, molto trasmesso da tutte le radio e ben accolto anche dalla critica. Desiderio costante di mettersi in gioco, così come ha raccontato nel nostro tv show (dice Giancarlo): un brano questo che ha cambiato il pensiero italiano sul comune senso del pudore …e sarai uomo e poi comunque sarai / quell’uomo che / fa sempre ciò che non vuoi… “Polisex” è stato il brano di punta, insieme a “Pupa”, per il lancio dell’album “Urlo”, il primo realizzato per la CGD nel 1980. Tra i premi ricevuti: “Premio Italia alla Carriera 2014” (FIM Award),  targa Amnesty al MEI di Faenza 2015, targa “Premio Bruno Lauzi Canzone d’Autore 2016”. Ricordiamo che ha inciso 12 singoli,  11 album in studio e 11 raccolte (le ultime: 2011: “A qualcuno piace Ivan!” (box di 3 cd che include i primi 3 album incisi per l’etichetta Ultima Spiaggia  -Sony Music); 2011: “Ivan Cattaneo”; 2016: “Playlist: Ivan Cattaneo”.


Secondo artista: Alessandro Raveggi & Despairs, trio fiorentino.

Un progetto di poesia elettronica ideato da Francesco Ammannati, Lorenzo Orlandini, Alessandro Raveggi e Giovanni Spadaccini. Nati nel 2006 si sono esibiti in vari festival internazionali. Da non dimenticare “Disney contro le metafisiche”. Poesie 2004-2006 di Alessandro Raveggi + 10 tracce audio del trio di electropoetry Despairs! Con un intervento di Cecilia Bello Minciacchi. Tutto nel libro “con CD musicale “Zona 2008”.

Se gli artisti giovani proposti vi sono sconosciuti, cercate su MusicalNews.Com altre notizie su di loro: scrivete pertanto Delirium, Inside, Rife, Giacomo Sferlazzo e Alessandro Raveggi & Despairs nel motore di ricerca che si trova in alto a destra. Scrivete uno di questi nomi accanto alla parola CERCA: se invece volete che la vostra radio del cuore mandi in onda gratuitamente il format Il Re del Gancio, mandate una e-mail a info@ilredelgancio.it


Nelle foto: Giancarlo Passarella intervista Ivan Cattaneo (dx) nel 2010 a Canale10; Stone Temple Pilots con il brano “Sex Type Thing”; Alessandro Raveggi con i Despairs sulla copertina di “Disney contro le metafisiche”.
(Nino Bellinvia)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!