Home » MUSICA, PRIMO PIANO » Giancarlo Passarella conduce la nuova striscia del format radio “Il re del Gancio” proponendo giovani artisti accanto a quelli più noti

Giancarlo Passarella conduce la nuova striscia del format radio “Il re del Gancio” proponendo giovani artisti accanto a quelli più noti

Firenze. Il format radio “Il Re del Gancio”, ideato e condotto dal super giornalista musicale Giancarlo Passarella (e dallo stesso autoprodotto), prosegue di settimana in settimana a proporre con successo giovani artisti (senza chiedere loro di pagare alcun contributo) che pone accanto ai big italiani e stranieri.

E’ una striscia di dieci minuti, originale e propositiva, che è messa in programmazione da emittenti radiofoniche italiane e straniere (adesso sono oltre cento e il numero aumenta di giorno in giorno…) che ne hanno fatta richiesta e alle quali è spedito gratuitamente. Uno show, “Il Re del Gancio”, che si è rivelato di grande aiuto per le piccole radio che faticano a rimanere vive! Non c’è dubbio, Giancarlo Passarella fa proprio servizio pubblico come la Rai. E’ stato il primo talent scout radiofonico. Basta ricordare che nel biennio 1986/87 a Rai Stereo Uno, una storica gloriosa realtà del servizio pubblico, vi collaborava con la rubrica “Ululati dall’Underground”. Assieme a lui, conduttori erano Luca De Gennaro, Serena Dandini, Eleonora Mensi e Rupert Bottaro. Il responsabile della rete era Eodele Belisario e Marina Mancini la regista.

Tra gli artisti che Giancarlo ha mandato in onda (e che erano sconosciuti al grande pubblico) c’erano i Rats, i Goppions (alla voce Irene Grandi allora 17enne), i Fleurs du Mal, i Crazy Mama & gli E.S.P. (con membri dei futuri Bandabardò) e gli OraZero, dove cantava Ligabue. E proprio a Ligabue nel 2013 Giancarlo Passarella ha dedicato (Editore Arcana) “Con questa faccia qui – Le canzoni che hanno fatto la storia di Ligabue”, un libro sulle 30 migliori canzoni del Liga. Tra gli altri suoi libri da ricordare “Dolore No-te”, scritto aa favore dell’associazione “Vincere il Dolore onlus”, stampato da Romano Editore, che contiene 22 interviste rock a musicisti che hanno avuto esperienze dolorose).

Inoltre Giancarlo è conosciuto anche come il Pippo Baudo del Rock per gli oltre 400 festival che ha presentato, compreso il più lungo in Italia, certificato dal Guiness dei Primati (Genova, Agosto 1988, 7 giorni di musica continuata con oltre 120 gruppi sul palco!). Da ricordare anche che ha curato l’ufficio stampa per vari artisti, tra i quali Vasco Rossi, Guccini, Toto, Sting, Deep Purple, Eugenio Finardi, Simple Minds…

Sempre in primo piano anche a dare voce al nuovo che avanza.

Ecco gli artisti che ci presenta questa settimana facendoci ascoltare due pezzi di ognuno di loro.

Lunedì 22 agosto

Primo artista: Neil Young, cantautore e chitarrista.

Neil Percival Young (questo il suo nome completo), è nato a Toronto nel 1945. Ha all’attivo 29 album in studio e 8 live: a 6 anni venne colpito dalla poliomielite (cammina ancora zoppicando) ma questo non gli ha impedito una fulgida carriera. Il 16 ottobre 1992 partecipò a New York al concerto con cui si festeggiavano i primi 30 anni di carriera, creatività e poesia, del grande Robert Zimmermann in arte Bob Dylan. In tale occasione ebbe a cantare “All along the watchtower”. Suo ultimo album dal vivo (2015) “Blunote Cafè”.

Secondo artista: RioMezzanino, band fiorentina

Fondata a Firenze nel 1997, nel 2007 ha vinto il Demo Award Radio Rai1. Nel 2008 pubblicano “Economy with Upgrade” (per Danza Cosmica Recs) e realizzano “The Sky Underground. Songs for the living and the dead”, spettacolo che fonde musica, cinema e teatro. Premiato al Tekfestival 2010 di Roma il film-documentario “Cancelli di fumo” (regia Francesco Bussalai) con la colonna sonora dei Rio Mezzanino. La musica dei Rio Mezzanino “risuona” anche attraverso alcune pagine dei romanzi “Nero ri-flesso” (2009) e “Dopotutto” (2010) scritti da Elias Mandreu e pubblicati da Il Maestrale. La band fiorentina, da sempre in prima linea riguardo ai temi delle pari opportunità e dei diritti lgbt, in seguito all’annuncio di matrimonio in Svezia di Ingrid e Lorenza ha registrato la canzone “I said yes” (anche video). Altri album: “Love is a radio” (2012) e “Rockit Vol. 43” (2012).

Martedì 23 agosto

Primo artista: Sting, cantautore, polistrumentista, attore.

L’artista (suo vero nome Gordon Matthew Thomas Sumner) è stato candidato 3 volte per Oscar alla migliore canzone nel 2001, 2002 e 2004 per i film “Le follie dell’imperatore”, “Kate & Leopold” e “Ritorno a Cold Mountain”. Nel 1977, a Londra, Sting, incontrò il batterista statunitense Stewart Copeland e il chitarrista corso Henry Padovani, con i quali formò il gruppo rock/pop dei The Police. L’ultimo album dei Police è stato “Sinchronicity,” dedicato alla teoria formulata dallo psicanalista svizzero Carl Gustav Jung: nella copertina del disco, si vede Sting che legge proprio il libro di Jung. Il suo primo album in studio da solista è  stato “The Dream of the Blue Turtles“ (1985) che comprende il singolo “If You Love Somebody Set Them Free”. Ultimo album in studio “57th & 9th” (2016).

Secondo artista: Ikara, band catanese.

Qualche anno fa Luca Correnti suonava solo la chitarra: negli Ikara il cantante era Cosimo Di Guardo e “Emozioni Distorte” è uno di quei demo che non sono diventati un cd vero…

Mercoledì 24 agosto

Primo artista: Percy Sledge, musicista e cantante statunitense.

L’anno scorso nella sua casa di Baton Rouge moriva a 74 anni questo grande del soul. Con il suo primo singolo “When a man loves a woman”, inciso nel 1966, ottenne uno straordinario successo in tutto il mondo, giungendo fino alla prima posizione della Billboard Hot 100. Il brano ottenne alla fine degli anni ottanta una nuova popolarità grazie ad uno spot pubblicitario della Levi’s, arrivando persino alla seconda posizione nella classifica dei singoli inglesi, ed è alla posizione 54 della lista delle 500 migliori canzoni secondo Rolling Stone.

Secondo artista: Love Theory, band pescarese.

Era una band di post grunge e alternative rock, scioltasi purtroppo due anni fa. Era composta da Paolo Monteamaro, Riccardo Renzetti, Leo Verrigni e Umberto Cimino. “On a rope” è il titolo dell’album inciso nel 2011 con l’etichetta inglese Watch Out Records.

Giovedì 25 agosto

Primo artista: Simply Red, gruppo musicale pop-soul britannico.

Un brano come “Sunrise” vi fa capire la loro poesia “…vagando attraverso la vita verrà l’amore a casa da te e l’amore che vorrai per sempre, sarà vero con te? / dormiremo e a volte ci ameremo…”. In venticinque anni di carriera hanno venduto circa 55 milioni di dischi (album 2015Big Love”). Nel 2010 si sono sciolti. In occasione del 25esimo anniversario di carriera Mick Hucknall li ha riformati. Nell’ottobre 2015 il ritorno di Mick Hucknall e della band dal vivo con il “Big love tour 2015”.

Secondo artista: Devocka, band rock ferrarese

E’ attiva dal 2003. La prima incisione è stata “Devocka” (ep). Nel 2006 l’album “Non sento quasi più”; il post dark punk si evolve nel 2009 con “Perché sorridere” e nel recente  (2012) “La morte del sole”.  A questi ha fatto seguito la raccolta (2013) “Dieci”. Componenti: Igor Tosi (voce, chitarra, sintetizzatore), Matteo Guandalini (chitarra), Alessandro Graziadei (basso) e Ivan Mantovani (batteria).

Venerdì 26 agosto

Primo artista: Eugenio Finardi, cantautore rock.

Il cantautore guru degli indipendenti, simbolo di libertà artistica, è tornato  dallo scorso aprile sul palco in tutta Italia con lo spettacolo “40 Anni di musica ribelle” a 40 anni dall’uscita di “Sugo”, il disco del 1976 che lo ha portato al successo e in cui sono contenuti, oltre alla canzone-manifesto “Musica Ribelle”, alcuni tra i brani più rappresentativi della sua carriera, come “La Radio”, “Voglio” e “Oggi ho imparato a volare”. Da ricordare il suo cd “Trappole” (1981), dove in alcune canzoni collabora Valerio Negrini, autore dei primi Pooh. Nel suo recente disco “Fibrillante”, collabora invece con lui Max Casacci dei Subsonica. Una curiosità. Il brano “Cinquecento sogni” gli fu commissionato dalla FIAT per la colonna sonora degli spot relativi alla vettura FIAT Cinquecento.

Secondo artista: The King of Silence, band lucana.

Un sogno prog rock e un folle sonno! Nel 2010 pubblicano il disco “Il sogno di Andy”, una suite di 12 brani (tra Porcupine Tree e PFM), confezionati in modo elegante, alla ricerca del re dei folli…

Se gli artisti giovani proposti ti sono sconosciuti, cerca su MusicalNews.Com altre notizie su di loro: scrivi pertanto RioMezzanino, Ikara, Love Theory, Devocka e The King of Silence nel motore di ricerca che si trova in alto a destra. Scrivi uno di questi nomi accanto alla parola CERCA: se invece volete che la vostra radio del cuore mandi in onda gratuitamente il format Il Re del Gancio, manda una e-mail a info@ilredelgancio.it.

Nelle foto: Giancarlo Passarella (dx) con Paolo Scarsella, organizzatore del organizzatore convegno sulla sincronicità; The Police. Copertina “Sinchronicity”; band RioMezzanino.
(Nino Bellinvia)


Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!