Home » MUSICA, PRIMO PIANO » Giancarlo Passarella ci fa ascoltare successi di ieri e di oggi con il format radio “Il Re Gancio” da lui stesso ideato e prodotto

Giancarlo Passarella ci fa ascoltare successi di ieri e di oggi con il format radio “Il Re Gancio” da lui stesso ideato e prodotto

Firenze. Giancarlo Passarella ci presenta l’inimitabile radio format “Il Re del Gancio”, ideato, prodotto e condotto da lui stesso. E non solo. Lo spedisce gratuitamente alle piccole emittenti italiane e anche straniere (sono oltre 110). Come la Rai, anche lui fa servizio pubblico… Da una parte i giovani artisti italiani che non hanno occasioni concrete per promuovere la loro musica, dall’altra le piccole radio che faticano tanto a rimanere vive!

Queste emittenti devono continuare ad esistere, così da fare quel prezioso lavoro di collante con la realtà della provincia italiana: “E’ una di quelle peculiarità (dice Passarella) di cui noi italiani non siamo coscienti”. Lo show Il Re del Gancio è una piccola idea per aiutare queste due realtà a frequentarsi. Ricordiamo a tutti che storicamente Giancarlo Passarella è il primo talent scout radiofonico. Basta ricordare che nel biennio 1986/87 a Rai Stereo Uno, una storica gloriosa realtà del servizio pubblico (rubrica “Ululati dall’Underground”), ha mandato in onda demo, scoprendo, tra gli altri, Ligabue, Rats, Fleurs du Mal, Bandabardò, Irene Grandi e altri.

Giancarlo è giornalista musicale, conduttore di programmi radio-tv, presentatore, scrittore…. In passato ha curato anche l’ufficio stampa per tanti noti artisti (Vasco Rossi, Guccini, Toto, Sting, Deep Purple, Eugenio Finardi, Simple Minds…). In questo periodo continua ad animare spettacoli e a condurre manifestazioni artistiche. Questi i nuovi appuntamenti con “Il Re del Gancio”.

Lunedì 10 luglio

Primo artista: Gatto Panceri, cantautore, chitarrista.

Uno dei poeti veri che musica leggera italiana ha in dote: prendete ad esempio un brano come “Un qualunque posto fuori e dentro di te”! 55enne il suo nome completo è Luigi Giovanni Maria. Gli amici di scuola gli hanno affibbiato il nomignolo di “Gatto” che poi ha adottato. Ha sempre scritto testi e musiche delle sue canzoni e il suo primo album è stato “Cavoli amari”. Nel 1990 il provino di una sua canzone “Canterò per te” finì tra le mani di Mina che la incise nel suo album “Uiallalla”. Hanno inciso sue canzoni anche tanti altri artisti, tra cui: Mietta, Giorgia, Andrea Bocelli, Gianni Morandi, Orietta Berti, Syria, Massimo Ranieri, Sabrina Salerno, David Hasselhoff, Fausto Leali, Luisa Corna, Riccardo Fogli, Raffaella Carrà e tanti altri.  Il singolo “Vieni a vivere” (2013) ha anticipato l’uscita del suo undicesimo album.

Secondo artista: Veritas. band di San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno).

Punk essenziale con un pizzico hardcore. La band è stata finalista a “Sotterranea 2007”. In quella formazione Francesco Galli (vocals, guitar), Giorgio Ruggeri (vocals, drums), Marco Falaschetti (guitar) Alex J. Leeson (bass, vocals).

Martedì 11 luglio

Primo artista: Pooh. Gruppo musicale italiano.

Passarella ci fa ascoltare “Piccola Katy” dei Pooh. Celebre 45 giri (l’altra canzone era “In silenzio”) pubblicato nel 1968, con in formazione lo scomparso Valerio Negrini con Roby Facchinetti, Mario Goretti e Riccardo Fogli (la canzone venne reincisa nel 1991 con la formazione composta da Roby Facchinetti, Dodi Battaglia, Red Canzian e Stefano D’Orazio). Fu il loro primo singolo a entrare nell’hit-parade e da allora la band l’ha sempre proposta in ogni concerto. Ha festeggiato i 50 anni di carriera con  doppio vinile picture disc “POOH 50”, imperdibile confezione Deluxe da collezione. I Pooh hanno chiuso ufficialmente la loro storia insieme il 30 dicembre 2016 a Bologna con un concerto (con anche Riccardo Fogli – voce, chitarra, basso) che  si è trasformato in un evento irripetibile trasmesso in diretta via satellite nei cinema italiani per un’ultima notte insieme ai Pooh, per unire i fan di tutte le città d’Italia in un momento di gioia e condivisione. Lo scorso mese (6 giugno 2017) i Pooh sono tornati all’Arena di Verona in occasione dei Wind Music Awards. Da ricordare che è la band  tra i più longevi nella storia della musica e quella che ha venduto più di 100 milioni di dischi. I membri della band sono stati nominati Cavalieri dal Presidente della Repubblica. 50 gli album pubblicati.

Secondo artista: Ariema, band fiorentina.

“50 Centesimi” è il brano che ci fa ascoltare Giancarlo (title track dell’album con copertina di Filippo Giunti): i 50 centesimi del titolo non sono altro che il costo del pedaggio autostradale da Prato Est a Firenze Nord di alcune delle varie provenienze della band che si è evoluta nel progetto “Il Carico Dei Suoni Sospesi”. Tra le ultime esibizioni il concerto in Piazza Togliatti a Scandicci trasmesso per intero in diretta radiofonica da Controradio di Firenze e on-line video da Picsi.tv nel giugno del 2005.

Mercoledì 12 luglio

Primo artista: Twisted Sister, gruppo heavy metal statunitense.

Come primo brano ascoltiamo “The price”. Può un gruppo metal farci sognare ed essere sentimentali? “Ascoltate questo brano (consiglia Giancarlo) e fatevi trasportare da una ballad anche dal significato importante e dalle liriche che potremo definire impegnate: grande Dee Snider!”. Oltre alla cantante Dee Snider, della formazione fanno parte: Jay Jay French e Eddie “Fingers” Ojeda alla chitarra elettrica; Mark “The Animal” Mendoza al basso elettrico e Mike Portnoy alla  batteria.

Secondo artista: Scarlatto, gruppo musicale folk-teatrale

“Scarlatto” è il titolo del cd degli Scarlatto con la cantante Carlotta (al secolo Carla Quadraccia con tanto amore per Ella Fitzgerald). Questo con gli Scarlatto è un cd premiato dalla redazione di MusicalNews.Com come disco rivelazione del 2006. Da ricordare che nel 2000 Carlotta è stata rivelazione al Premio Internazionale della Musica e nello stesso anno ha vinto anche Un disco per l’estate. Nel 2001 ebbe a partecipare al Festival di Sanremo, sezione Giovani, con la canzone “Promessa”. Come solista, tra gli altri suoi successi: “Mi chiamano Candy”, “Baciami adesso”, “Frena”, “Sette lavatrici”, “Caresse toi”, “Gelosia” (se dovessi strangolarla allora legami), “L’hai fatto mai l’amore in mezzo al mare?”. Poi con gli Scarlatto ha inciso il cd “Scarlatto” che abbiamo già citato.

Giovedì 13 luglio

Primo artista: Mia Martini, cantante e a volte cantautrice.

Passarella ci fa ascoltare il brano “Chain gang” di Sam Cooke diventato “Non pentirti dopo” che ci porta la primissima Mia Martini (pseudonimo di Domenica Rita Adriana Bertè detta Mimì) che è stata una cantante italiana e in alcune occasioni anche cantautrice. La ricordiamo anche tutta scanzonata tra musica surf e beat, mentre si faceva chiamare ancora Mimì Bertè. Sorella maggiore di Loredana Bertè, morì nel 1995 a soli quarantasette anni in circostanze mai del tutto chiarite. A partire dal 1982, nacque Il Premio della Critica del Festival della canzone italiana “Mia Martini”, originariamente solo Premio della Critica del Festival della canzone italiana e, più informalmente, solo Premio della Critica. E’ un riconoscimento accessorio del Festival della canzone italiana di Sanremo. che viene assegnato  alla canzone e all’interprete che riscuote un giudizio positivo di qualità da parte dei giornalisti e critici musicali.

Secondo artista: The Great Marygoround, gruppo funky bresciano.

Nel 2003 la band produceva “MessAge”, cd che si scrive proprio con la A maiuscola. Originali in modo naturale e funky con slanci istintivi: hanno dato alla luce un cd demo e poi si sono sciolti come neve al sole.

Venerdì 14 luglio

Primo artista: Jerry Lee Lewis, autore, cantante e pianista statunitense.

Dennis Quad e Winona Ryder nel 1989 gli interpreti del film ispirato alla sua vita e alla sua musica “Vampate di fuoco” (Great Balls of Fire!) diretto dal regista Jim McBride. Si racconta dei primi anni alla Sun Records, della nascita del rock’n’roll e di un successo come “Great balls of fire”. Jerry Lee Lewis è riconosciuto tra i padri del rock n’roll con un posto nella Rock and Roll Hall of Fame nel 1986 e uno nella Rockabilly Hall of Fame.

Secondo artista: Funghi Ladri, cantautorato rap sarcastico.

Hip hop sociale e innovativo prima dei vari Rocco Hunt o Clementino. “Vergogna bianca” è un pezzo in memoria delle vittime di Lampedusa. “Vergogna bianca, la storia non m’incanta, il tempo corre troppo in fretta e la memoria alla lunga si sfianca…”. Il ritorno del cantautorato rap sarcastico (maggio 2016) con l’Ep “Iesus”, figlio dell’incontro tra le rime di MD (Funghi Ladri) e la produzione di Caruson: è un progetto musicale che sfugge alle etichette e dalle facili classificazioni.

Se gli artisti giovani proposti vi sono sconosciuti, cercate su MusicalNews.Com altre notizie su di loro: scrivete pertanto Veritas, Ariema, Scarlatto, The Great Marygoround e Funghi Ladri nel motore di ricerca che si trova in alto a destra. Scrivete uno di questi nomi accanto alla parola CERCA: se invece volete che la vostra radio del cuore mandi in onda gratuitamente il format Il Re del Gancio, mandate una e-mail a info@ilredelgancio.it.

Nelle foto: Giancarlo Passarella il 3 luglio 2017 mentre intervista Little Steven; Jerry Lee Lewis con The Great Balls of Fire; copertina album dei Funghi Ladri.
(Nino Bellinvia)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!