Home » GENOVA, SPETTACOLO » Genova, Teatro: al Duse va in scena “La pazza della Porta accanto”

Genova, Teatro: al Duse va in scena “La pazza della Porta accanto”

Genova. Da mercoledì 18 a domenica 22 gennaio al Teatro Duse di Genova va in scena “La pazza della Porta accanto” con Anna Foglietta che, per questa interpretazione, ha vinto la Maschera del Teatro Italiano 2016 come miglior attrice protagonista, con la regia di Alessandro Gassman.

Sul palco insieme a Foglietta, a raccontare questa storia d’amore e reclusione tra Merini e un giovane paziente dell’ospedale psichiatrico nel quale anche lei era ricoverata, Angelo Tosto, Alessandra Costanzo, Sabrina Knaflitz, Liborio Natali, Olga Rossi, Cecilia Di Giuli, Stefania Ugomari di Blas, Giorgia Boscarino, Gaia Lo Vecchio.

Lo spettcolo è un accorato omaggio a una donna dalla straordinaria parabola artistica e umana. È la storia del dramma che ha segnato vent’anni della sua vita, lungo i quali fu rinchiusa in un ospedale psichiatrico, raccontato anche attraverso le sue dolenti e meravigliose poesie, pregne di speranza e di misticismo. È una storia di resistenza alla cattività forzata, alla solitudine ed è, a suo modo, una storia sul bisogno d’amore che resta inascoltato,  in un luogo dove a chi cerca verità vengono dette solo diagnosi.

Lo spettacolo, scritto dal triestino Claudio Fava è anche un testo di denuncia civile contro il maltrattamento dei manicomi italiani prima della legge Basaglia.

Genio e follia, Alda Merini era considerata la più grande poetessa italiana vivente. Una vita, la sua, fuggita via tra ombre e dolori: iniziò a scrivere versi a 16 anni, fu amica di Quasimodo e Pasolini, si sposò due volte.
Tra gli ultimi anni Sessanta e i primi Ottanta visse la drammatica esperienza del nosocomio. Fu internata nella clinica psichiatrica Paolo Pini di Milano: un periodo che ha coinciso con tre lustri di silenzio letterario, dal quale nacquero poi la raccolta di poesie La Terra Santa nel 1984 – il suo capolavoro, secondo molti – e il libro di prosa L’altra verità. Diario di una diversa del 1986. Alda Merini alterna frequenti periodi di salute e malattia, in cui continua la produzione di racconti e poesie.

Tra le sue numerose opere ricordiamo “Folle, folle, folle d’amore per te”,” La vita facile”, “La Terra Santa” e “Tu sei Pietro”. L’ultima produzione risale al 2006, Alda entra nel genere noir con l’opera “La nera novella”. Dalle poesie di Alda Merini è inoltre stato ricavato un disco cantato da Milva.

Nel 1996 fu proposta per il Premio Nobel per la Letteratura dall’Academie Française.
Alda Merini ha vissuto gli ultimi anni nella sua casa sui Navigli in una sorta di indigenza: un apparente disordine che in realtà era noncuranza. Sola, volontariamente isolata dal mondo dove è deceduta il 1°novembre 2009.

Il regista Alessandro Gassman annota: “Conoscevo Claudio Fava, la sua storia, la sua sensibilità e conoscevo anche Alda Merini, la drammaticità della sua esistenza. Dopo aver letto questo ritratto intimo e struggente della grande poetessa, ho avvertito immediatamente la necessità, direi l’urgenza di metterlo in scena”.

“La pazza della porta accanto” è in scena dal mercoledì al sabato alle ore 20.30, domenica alle 16. La recita del giovedì inizia alle ore 19.30.
Lo spettacolo è al Teatro Duse fino a domenica 22 gennaio.
(C.S.)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!