Home » GENOVA, POLITICA, PRIMO PIANO » Genova. Rugby: “Placchiamo” la violenza sulle donne

Genova. Rugby: “Placchiamo” la violenza sulle donne

Genova. Placchiamo la violenza è un torneo benefico di rugby femminile over 35 inserito in un circuito a più tappe nato per dare sostegno alle associazioni che sul territorio si occupano di violenza sulle donne. Cffs Rugby Cogoleto ospiterà una di queste tappe domenica 25 febbraio 2018, alle ore 14, presso il Campo Molinetto di Cogoleto, a fianco dell’ associazione prescelta per questa edizione: l’associazione Usciamo dal silenzio Genova, che ha deciso di devolvere i proventi ricavati nella giornata al Centro Antiviolenza Mascherona.

Gli organizzatori dell’incontro, le atlete, le operatrici del centro Antiviolenza Mascherona insieme all’associazione Usciamo dal silenzio organizzeranno per il mese di marzo dei laboratori specifici per diverse fasce d’età per sensibilizzare i e le componenti della società sportiva, inclusi i genitori, sul tema della violenza di genere e sull’abbattimento di stereotipi, anche nello sport.  Intanto l’Assessore Ilaria Cavo è intervenuta asserendo che: “ Ogni occasione, che sia il palco di Sanremo o un campo da rugby, è importante per dare un segnale contro la violenza sulle donne, un fatto che riguarda  tutti noi. La nostra regione non è indenne: ogni anno sono circa un migliaio le donne che si rivolgono ai nostri centri antiviolenza, senza contare il sommerso. Ed è proprio per farlo emergere che dobbiamo  puntare su iniziative di questo tipo.

Dobbiamo far sapere alle donne che non sono sole, che ci sono centri, associazioni e istituzioni che possono aiutarle.” Regione Liguria, oltre a patrocinare il trofeo di rugby di Cogoleto, ha fatto in modo che questa iniziativa fosse coinvolta, a margine del Festival di Sanremo, nell’iniziativa nazionale di BasketArtisti Unicusano in collaborazione con la Nazionale Cantanti: artisti, atleti, visitatori e giornalisti si sono  ritrovati per dire no alla violenza  sulle donne con un messaggio sui social network e hanno realizzato un “muro”, una barriera contro la violenza, costruita da mattoni firmati da tutti i personaggi che hanno aderito. Un’iniziativa  fortemente simbolica, a margine della quale si sono tenute conferenze e incontri a cui hanno partecipato anche le rugbiste di Cogoleto, come testimonial. Hanno incontrato a Sanremo i bimbi delle scuole nell’ambito di un progetto di orientamento per i piu’ piccoli contro gli stereotipi di genere. “ Far vedere  a un bambino che un giocatore di rugby non è per forza un uomo, ma puo’ essere una donna, significa trasmettere un messaggio chiave in una fase importante dello sviluppo – conclude l’assessore. Significa  prevenire il germe negativo della violenza e dell’avversità alle donne.” L’iniziativa di Sanremo puo’ essere l’inizio di un percorso che coinvolga nell’orientamento nelle scuole anche lo sport e questa società così vitale.
(Lara Calogiuri)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!