Home » CULTURA, GENOVA » Genova. Ristampato dalla casa editrice Fratelli Frilli Editori (II edizione in un mese) il romanzo noir “Indagine al Giambellino” di Matteo Di Giulio

Genova. Ristampato dalla casa editrice Fratelli Frilli Editori (II edizione in un mese) il romanzo noir “Indagine al Giambellino” di Matteo Di Giulio

Genova. La casa editrice Fratelli Frilli Editori ha ristampato in questi giorni nella collana “I Tascabili Noir” (seconda edizione in un mese) il romanzo noir “Indagine al Giambellino” – Un delitto di periferia – (pagine 290), dell’autore milanese Matteo Di Giulio.

In breve il contenuto del romanzo.

Un ex poliziotto condannato a vivere con un proiettile in testa, ma che grazie a quella ferita ha guadagnato le capacità di un mentalista. Un omicidio difficile da risolvere, in una Milano di periferia che annaspa tra passato e presente. Un giallo che si tinge di nero, scavando nei problemi di una città pronta a esplodere: un’indagine a metà tra Conan Doyle e Maurizio De Giovanni, con un pizzico di Gaber e di buon senso. A Milano, nelle case popolari di via Bruzzesi, nel quartiere Giambellino, viene ritrovato il cadavere di un pensionato, Aurelio Corona. Il commissario capo incaricato dell’indagine, Antonio Tasca, anche a causa della diffidenza di chi abita in quei casermoni, fa fatica a raccogliere indizi. Si rivolge quindi a un suo ex sottoposto, Michele Russolani detto il Russo, che oggi gestisce un bar poco distante da dove è avvenuto il delitto. Michele è stato congedato dalla polizia per colpa di una ferita che, anni prima, l’ha quasi ucciso e che gli ha lasciato un brutto ricordo: una pallottola nel cervello, in una zona dove non è operabile e che, se si spostasse anche di pochi millimetri, potrebbe ucciderlo all’istante. Ma quello non è l’unico regalo che ha ricevuto: nell’agguato il Russo ha perso la moglie e da allora sua figlia non gli rivolge più la parola. E non è tutto. Michele è restio ad aiutare il suo ex capo, perché ha molti segreti da nascondere e un carico di rabbia e rancore che lo tormenta. Ma è anche un uomo che crede ancora nella giustizia e nella verità.

Ricordiamo ai lettori che lo scrittore Matteo Di Giulio (anche saggista e traduttore) vive a Milano, dove è nato nel 1976.

Ha pubblicato i romanzi “La Milano d’acqua e sabbia” (Fratelli Frilli Editori, 2009), “Quello che brucia non ritorna”, “I delitti delle sette virtù” e “Figli della stessa rabbia”. Suoi racconti sono apparsi su diverse antologie e su “Velvet – la Repubblica”. Lavora nel mondo dell’editoria.

Per  contatti con l’autore: matteo.digiulio@gmail.com

Per altre notizie o richiesta del libro rivolgersi a Fratelli Frilli Editori S.r.l. – Via Priaruggia, 33/r – 16148 Genova; tel. 0103071280; 3663131664; e-mail: contact@frillieditori.com; info@frillieditori.com

Nella foto l’autore Matteo Di Giulio e la copertina del suo romanzo noir “Indagine al Giambellino”.
(Nino Bellinvia)


Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!