Home » BACHECA WEB, GENOVA » Genova. Riapre l’asilo notturno Massoero dopo dieci anni

Genova. Riapre l’asilo notturno Massoero dopo dieci anni

Genova. L’asilo notturno L. Massoero, storico edificio destinato all’accoglienza notturna dei senza dimora nel centro storico di Genova, riapre i battenti.

A conclusione di ingenti lavori di ristrutturazione e di risanamento conservativo, durati circa dieci anni, l’edificio, oggetto del lascito – agli inizi del secolo scorso – del benefattore Luigi Massoero, viene restituito ai genovesi e rimesso finalmente in funzione a partire da lunedì 21 maggio 2018.

ll Massoero, con ingresso su via del Molo e accesso sul retro da vico Malatti, è una delle più grandi strutture di accoglienza notturna per senza tetto sul territorio genovese: è capace di accogliere 36 persone (24 uomini e 12 donne) in 10 stanze. È dotato di locali spaziosi e di alti soffitti con volte in pietra, che testimoniano le sue origini di deposito di grano e cereali.

«Sono molto emozionata all’idea di inaugurare il nuovo Massoero dopo dieci anni e restituirlo alla città rinnovato – afferma Francesca Fassio, assessore alle Politiche educative e dell’istruzione, alle Politiche socio-sanitarie e alla Casa del Comune di Genova – il Massoero è un pezzo di storia di Genova, rappresenta i genovesi, la loro generosità e la loro capacità di inclusione. La sua fisionomia attuale si inserisce perfettamente in un quartiere che negli anni è stato interessato da una profonda riqualificazione. Ringrazio tutti coloro che ci hanno lavorato e che hanno reso possibile questa ripartenza. È il primo passo di un processo virtuoso che interesserà via via la realtà dei senza dimora in tutti gli aspetti che la caratterizzano».

I senza dimora sono accolti, anziché in affollate camerate, in stanze da due, tre o quattro letti, ciascuna dotata di servizi igienici con doccia. Per la prima volta, l’Asilo notturno è predisposto per accogliere anche le donne: esiste infatti una sezione femminile, separata da quella destinata agli uomini e presidiata da una operatrice dedicata; i turni (da tre/quattro operatori) sono stati rinforzati, con l’acquisizione di due nuovi operatori del Comune di Genova.

Il Progetto GE.3.2.2.a servizi a bassa soglia per l’inclusione dei Senza dimora o assimilati (stranieri in emergenza abitativa estrema) è stato finanziato dall’Unione europea con 2.100.000 euro. L’operazione finanzia i servizi di accompagnamento educativo forniti dalla struttura Massoero per le persone senza dimora e assimilati. Queste persone vengono prese in carico da parte dell’Ufficio Cittadini Senza Territorio che li accompagna verso l’uscita da una situazione di esclusione e di marginalità; la struttura è un asilo che ospita questa fascia di utenza e l’accompagna con mirati percorsi educativi, verso un concreto avvicinamento a condizioni di vita migliori.
(Lara Calogiuri)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!