Home » BACHECA WEB, GENOVA, PRIMO PIANO » Genova. Prevenzione del carcinoma al seno, approvato l’uso di due farmaci

Genova. Prevenzione del carcinoma al seno, approvato l’uso di due farmaci

Genova. In un decennio le diagnosi di tumore in Liguria sono aumentate del 40%. Questo incremento dell’incidenza è inferiore rispetto al dato nazionale (+47%). Nel 2017 nella Regione sono stati stimati 11.950 nuovi casi (6.200 uomini e 5.750 donne), nel 2008 erano 8.535 (4.620 uomini e 3.915 donne).

I 3 tumori più frequenti fra i liguri sono quelli del colon retto (1.750), seno (1.600) e polmone (1.350). È la fotografia dell’universo cancro in tempo reale raccolta nel volume “I numeri del cancro in Italia 2017” realizzato dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM), dall’Associazione Italiana Registri Tumori (AIRTUM) e dalla Fondazione AIOM.“Ogni giorno nel nostro territorio vengono diagnosticati più di 30 nuovi casi – afferma la prof.ssa Lucia Del Mastro, membro del Direttivo Nazionale AIOM e Responsabile della Breast Unit dell’IRCCS Ospedale Policlinico San Martino di Genova.

Quello che veniva un tempo considerato un male incurabile è divenuto in moltissimi casi una patologia da cui si può guarire o con cui si può convivere a lungo con una buona qualità di vita. Oggi abbiamo a disposizione armi efficaci per combattere il cancro, come l’immuno-oncologia e le terapie target che si aggiungono a chemioterapia, chirurgia e radioterapia. Tutto questo, unito alle campagne di prevenzione promosse con forza anche da AIOM, si traduce nel costante incremento dei cittadini vivi dopo la diagnosi, che nella nostra Regione sono quasi 108mila.

Queste persone presentano molteplici necessità, non solo di carattere clinico, a cui il sistema sanitario deve saper rispondere”. Lo scorso 7 dicembre sono state approvate da AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) le richieste di inserimento nella legge 96, n°648 dei farmaci Raloxifene e Tamoxifene con indicazioni diverse da quelle precedentemente autorizzate grazie alla ricerca del Galliera.Il Raloxifene, infatti, è da sempre utilizzato nella prevenzione e nel trattamento dell’osteoporosi post-menopausale per ridurre il rischio di frattura vertebrale, mentre il Tamoxifene nel trattamento del carcinoma della mammella.

Il Prof. Andrea De Censi, primario della Struttura Complessa di Oncologia Medica del Galliera di Genova, avvalendosi della collaborazione di due farmaciste contrattiste con la passione per la ricerca (Dott.ssa Alessia Cesario e Dott.ssa Silvia Noonan), ha sviluppato un dossier clinico che ha portato la Commissione tecnico scientifica di AIFA ad approvare l’uso dei due farmaci fuori indicazione per la prevenzione del carcinoma mammario per le donne di età compresa tra i 35 ed i 69 anni in pre e post-menopausa considerate ad alto rischio di insorgenza di cancro al seno secondo il modello di Gail e Tyrer Cuzick.  Si tratta di modelli di rischio basati sull’età, la familiarità di primo grado per carcinoma mammario, l’età al primo figlio e la presenza di biopsie per patologia benigna.

“Si tratta del primo esempio di Paese Europeo dopo la Gran Bretagna e il Nord America dove questi due farmaci verranno dispensati a totale carico del SSN e non più considerati fuori indicazione in ambito preventivo nel cancro alla mammella” – afferma De Censi – Questa opportunità ha una notevole rilevanza in quanto offre a queste donne nuovi approcci terapeutici efficaci a basso costo.”
(Lara Calogiuri)


Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!