Home » GENOVA, NEWS » Genova. Omicidio del panificio, condanna a 15 anni per l’assassino

Genova. Omicidio del panificio, condanna a 15 anni per l’assassino

Genova. Ha ucciso per cento euro. Un aumento di stipendio che non voleva concedere al suo dipendente.

Il giudice per l’udienza preliminare Massimo Cusatti ha condannato a 15 anni di reclusione Ezyon Veizay, albanese, 34 anni, il titolare del panificio “Il Granaio-Pane Amore e Fantasia” di corso Buenos Aires che lo scorso 5 gennaio ha ammazzato Amadi Diallo, ivoriano di 25 anni, dopo un litigio.

“Mi e’ venuto addosso, continuava a chiedermi soldi. Ho avuto paura e ho perso la testa”. E’ quanto ha raccontato al gip Carla Pastorini, nel corso dell’interrogatorio per la convalida dell’arresto.

Il pubblico ministero Elena Schiavetta aveva chiesto la condanna a 16 anni. Il gup, che ha emesso la sentenza con rito abbreviato, ha ritenuto sussistente l’aggravante dei futili motivi e ha escluso il vizio parziale di mente.

Il legale di Veizay, l’avvocato Stefano Bertone, aveva chiesto invece l’assoluzione perché vi sarebbe un parziale vizio di mente e di valutare la possibilità che l’uomo avesse agito in base alla percezione soggettiva di essere in attuale pericolo di vita.

Secondo quanto appurato dagli agenti della squadra mobile, la vittima voleva un aumento di stipendio e, all’inizio dell’anno, aveva iniziato a pressare il suo datore di lavoro. La mattina del 5 gennaio la discussione era degenerata e Veizay aveva colpito Diallo con tre coltellate e poi, fatale, fu con un colpo di cacciavite allo sterno. A chiamare il 118, era stato proprio Veizay, che, dopo essersi reso conto di ciò che aveva commesso, aveva telefonato anche alla polizia: «Ho ucciso un uomo nel mio negozio, venite a prendermi».

“Una persona meravigliosa, buonissima” è il commento unanime riferito a Erzion Veizay tra i clienti che sono arrivati per comprare pane e focaccia e hanno trovato la polizia. Loro, così come i commercianti della via, sono sotto choc per quanto avvenuto. Nessuno invece conosceva la vittima, Diallo Amani, 25 anni, il dipendente lavorava nel panificio da circa un anno e, secondo quanto appreso, non aveva alcun parente a Genova.
(Lara Calogiuri)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!