Home » GENOVA, SPETTACOLO » Genova. Luca Barbareschi e Lunetta Savino in ‘Il Penitente’

Genova. Luca Barbareschi e Lunetta Savino in ‘Il Penitente’

Genova. Un dramma in otto scene per raccontare un dilemma morale e la demolizione sociale di un individuo a mezzo stampa. Luca Barbareschi – nel doppio ruolo di interprete e regista – e Lunetta Savino sono in scena al Teatro della Corte di Genova  dal 12 al 17 marzo con “Il penitente” di David Mamet, premio Pulitzer per Glengarry Gen Ross e due volte nominato all’Oscar per la sceneggiatura.

<<Una lucida analisi del rapporto alterato tra comunicazione, spiritualità e giustizia nella società contemporanea>>, l’ha definita Luca Barbareschi;  accanto a lui in scena Lunetta Savino che interpreta con grande forza espressiva il ruolo della moglie vessata dal rifiuto della società verso chi non si adegua ai comportamenti socialmente accettati.

Uno psichiatra affronta una crisi professionale e morale quando rifiuta di testimoniare in tribunale a favore di un paziente accusato di avere compiuto una strage. Coinvolto da un sospetto di omofobia, ‘il penitente’ subisce una vera gogna mediatica e giudiziaria e viene sbattuto ‘in prima pagina’ spostando sulla sua persona la momentanea riprovazione di un pubblico volubile, alla ricerca costante di un nuovo colpevole sul quale fare ricadere la giustizia sommaria della collettività. L’influenza della stampa, la strumentalizzazione della legge, l’inutilità della psichiatria, sono questi i temi di una pièce che si svolge tra l’ambiente di lavoro e il privato del protagonista. La demolizione sociale di un individuo influisce inevitabilmente sul suo rapporto matrimoniale.

<<Ho scelto questo lavoro di Mamet – afferma Barbareschi -  perché è una lucida analisi del rapporto alterato tra comunicazione, spiritualità e giustizia nella società contemporanea. Il penitente è la vittima dell’inquisizione operata dai media. È ciò che accade all’individuo quando viene attaccato dalla società nella quale vive ed opera, quando la giustizia crea discriminazione per avvalorare una tesi utilizzando a questo fine l’appartenenza religiosa>>.

Il lavoro accende così i riflettori sull’influenza della stampa, sulla strumentalizzazione della legge: temi di una pièce che si svolge tra l’ambiente di lavoro e il vissuto privato del protagonista. La demolizione sociale di un individuo non può non influire, infatti, e inesorabilmente, sul rapporto matrimoniale.
(Lara Calogiuri)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2020 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XIV - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!