Home » GENOVA, SPETTACOLO » Genova. ‘La leggenda di Moby Dick’ al teatro dell’Arca

Genova. ‘La leggenda di Moby Dick’ al teatro dell’Arca

Genova. Venerdì 8 dicembre, alle ore 20.30, il capolavoro di Herman Melville tornerà a salpare a Genova con ‘La leggenda di Moby Dick’ in scena al Teatro dell’Arca all’interno del Carcere di Marassi. Dopo l’acquisto del biglietto, sarà necessario fornire nome, cognome, numero carta d’identità, al fine di poter accedere all’interno della struttura penitenziaria.

Lo spettacolo  vuole  omaggiare un altro epico racconto di mare messo in scena al Porto Antico nel 1992 in occasione proprio delle Colombiadi: “Ulisse e la balena bianca” che un magistrale Vittorio Gassman interpretò in questi luoghi proprio 25 anni fa.

Il capitano Achab è il protagonista indiscusso del romanzo di Melville. Ma è Ismaele, Igor Chierici, a raccontare tutta la storia e svelare al pubblico come sono andate realmente le cose sul Pequod. Moby Dick, la grande balena bianca, è un miraggio costante del carismatico Achab, così presente da convincere tutto il suo equipaggio a sposare l’unica vera causa per la quale valga la pena combattere per mare: annientare quello che il Capitano definisce un vero e proprio mostro. Ogni singolo membro dell’imbarcazione è deciso, anche Ismaele, ma le notti sono lunghe e le traversate per gli oceani di tutto il mondo alla ricerca del grande capodoglio, sono altrettanto stancanti. Sul ponte di coperta, inchiodato all’albero maestro, splende costantemente il doblone d’oro che Achab ha promesso al marinaio che per primo avvisterà Moby Dick. I giorni passano e il comandante diventa sempre più ombroso, sempre più chiuso in se stesso. Ismaele e l’intera ciurma non attendono altro che il grande momento che ben presto arriverà a segnare la morte di tutto l’equipaggio fedele e di Achab. Solo Ismaele, dice, concludendo il suo racconto: Io solo mi sono salvato: per potervelo raccontare.

La leggenda di Moby Dick, spettacolo che trae la linfa vitale dal capolavoro di Herman Melville, si rivela un nuovo pregevole esempio di teatro. Ancor più coinvolgente ed intenso dello spettacolo tratto dal monologo di Alessandro Baricco, il nuovo lavoro del duo Chierici e Cicolella, attori e registi dello spettacolo, attrae e conquista con un’energia che vede il pubblico farsi parte attiva della scrittura scenica della rappresentazione. In scena il gruppo Taiko Kyo Shin Do, suonatori di tamburi giapponesi che danno voce alla ciurma del Pequod e alle battute di caccia a balene e capodogli. Nota ormai la bravura di Igor Chierici, attore giovane in grado di stupire con la sua presenza scenica, gli interventi del gruppo Taiko Kyo Shin Do si rivelano il vero pezzo forte dello spettacolo.Tempo e spazio sono, dunque, pronti a rimescolarsi, a impastarsi in un’unica onda: dal mare della Genova dei giorni nostri, il pubblico si ritroverà – sottolinea Chierici – seduto sulla prua della baleniera, tra botti e arpioni, raccontati da tubi al neon. Bagliori accecanti nella notte, come un baleno, come una balena: «termini che ho voluto accostare», rivela l’attore.
(Lara Calogiuri)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!