Home » CRONACA, GENOVA, PRIMO PIANO » Genova. Guardia medica, è allarme sicurezza: aggredita una dottoressa

Genova. Guardia medica, è allarme sicurezza: aggredita una dottoressa

Genova. L’ultimo caso sabato scorso: una dottoressa trentenne va a casa di una paziente che lamenta dolori addominali, in zona Carignano. La signora cerca di farsi prescrivere un esame, cosa che la guardia medica non può fare. All’improvviso uno scatto d’ira e l’aggressione, da dietro, a mani nude. Il medico riesce a fuggire e chiama i carabinieri, dove poi sporgerà denuncia.

“La mia collega se l’è cavata con una prognosi di cinque giorni. Poi si è capito che era un caso particolare, perché era una paziente psichiatrica. Ma per noi questo è un grosso campanello d’allarme”. A svelare l’episodio, solo l’ultimo della serie, è Andrea Carraro, vice presidente genovese della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale che raduna sia i medici della mutua sia i servizi di continuità assistenziale (in pratica le guardie mediche), attivi soprattutto di notte. “Sono persone che lavorano in situazioni delicate, spesso sole, molte volte sono donne giovani, ancora più vulnerabili”, spiega.

Una vera emergenza sicurezza per i medici della notte che in Liguria è avvertita soprattutto lontano dal capoluogo. “A Genova la maggior parte dei medici ha ancora a disposizione un autista – spiega Carraro – ma a Savona e nel Tigullio li hanno tolti, quindi dobbiamo girare soli, senza alcuna protezione”. Come reagire? Qualcuno ha deciso di fare da sé: “Alcune dottoresse si sono iscritte a corsi di autodifesa – dice Carraro – ma non è la strada per risolvere il problema”.
(Lara Calogiuri)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!