Home » CULTURA, GENOVA, PRIMO PIANO » Genova. Giovane orchestra genovese e ricordo delle deportazioni

Genova. Giovane orchestra genovese e ricordo delle deportazioni

Genova. C’erano duemila persone lo scorso 3 novembre a ricordare la deportazione degli ebrei genovesi. Giovani, anziani, ebrei cristiani e musulmani: italiani, nuovi europei, ma anche i giovani profughi sbarcati da poco sulle coste italiane e ospitati nelle strutture di accoglienza in attesa della risposta alla richiesta di asilo.

Hanno marciato insieme alla Comunità di Sant’Egidio e alla Comunità Ebraica di Genova, ripercorrendo i luoghi dove furono catturati gli ebrei 72 anni fa. Era il 2 novembre 1943: le SS entrarono nella sinagoga e costrinsero il custode a convocare tutta la comunità per il giorno seguente. Il 3 novembre scattò la retata: quella mattina e i giorni seguenti furono catturate 261 persone. Finirono tutte ad Auschwitz, di queste tornarono a casa solo in 13.

Ogni anno, dal 2010, la Comunità di Sant’Egidio, la Comunità Ebraica e il Centro culturale Primo Levi convocano la città in una marcia che ripercorre il tragitto compiuto dalle donne, uomini, bambini che furono catturati quella mattina del ‘43. Alla marcia hanno partecipato anche il Prefetto, i rappresentanti degli enti locali e della Curia arcivescovile, i presidenti della Comunità Ebraica e del Centro Primo Levi. Giuseppe Momigliano, rabbino capo di Genova e presidente dell’Assemblea rabbinica italiana, ha ringraziato per la vicinanza e ha guardato alle persone raccolte nella sinagoga: “Oggi – ha detto – ricordando la Shoah, diventiamo più sensibili alle difficoltà della gente del nostro tempo.

Al Teatro Carlo Felice di Genova, alle ore 21 il dodicesimo concerto della Stagione GOG 2017-2018. Per questo appuntamento ritorna, dopo quasi dieci anni assenza il duo pianistico composto da Paola Biondi e Debora Brunialti che per questo speciale concerto dedicato agli 80 anni del compositore Azio Corghi si avvarranno della collaborazione di Guido Barbieri. Torna invece al Teatro Altrove della Maddalena lo spettacolo Anémic Cinéma, per rendere omaggio al cinema e alla sua epopea, fucina di sogni e speranze di una generazione perduta.

Nel giorno della memoria nella Sala del Consiglio Metropolitano di Palazzo Doria Spinola (Largo Eros Lanfranco 1), alle 15.30, al via un convegno sulla deportazione dei militari italiani nei lager nazisti.

L’incontro sarà presieduto dal presidente ILSREC Giacomo Ronzitti e concluso da un intervento del ministro della Difesa Roberta Pinotti. Alle 21.15 i musicisti del Collettivo Wurtz – Alessandro Bacher, Tommaso Rolando, Rocco Spigno e Agostino Macor – saliranno sul palco dell’Altrove per accompagnare la proiezione: L’uomo con la macchina da presa di Dziga Vertov.
(Lara Calogiuri)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!