Home » GENOVA, POLITICA, PRIMO PIANO » Genova. Comune: Barbara Grosso nuovo assessore alla Cultura, con Gregorini manager

Genova. Comune: Barbara Grosso nuovo assessore alla Cultura, con Gregorini manager

Genova. «Voglio migliorare l’offerta culturale di Genova per portarla a essere competitiva con le altre città nazionali e internazionali. Desidero, per Genova, una cultura illuminata, trasversale, policentrica e accessibile a tutti, ma anche internazionale, perché internazionalizzazione culturale significa internazionalizzazione commerciale e produttiva della città».

Si presenta così Barbara Grosso, il nuovo assessore alle politiche culturali di Genova. Il ruolo in Giunta era infatti rimasto vacante dal 20 luglio 2018, quando l’assessore alla cultura di Genova Elisa Serafini aveva presentato le dimissioni all’indomani di un acceso dibattito con il Sindaco Marco Bucci e la Giunta, dichiarando terminato il suo compito.

Dopo poco più di un mese, la Giunta ha deciso di affidare a Barbara Grosso la guida della macchina culturale della città. Barbara Grosso, 49 anni, è laureata in Lingue e Letterature straniere e ha esperienze manageriali in società multinazionali, dove ha sviluppato competenze nel campo della comunicazione e promozione dei prodotti. Dopo aver lavorato in diverse società nell’ambito delle telecomunicazioni, dal 2008 ha ricoperto il ruolo di Ceo presso la scuola di formazione Shenker, area Liguria. Ma ecco un’altra novità in Giunta: il motore della macchina culturale di Genova sarà a due tempi. Al nuovo assessore alle politiche culturali si affiancherà un cultural services manager, che la Giunta ha individuato in Maurizio Gregorini. 59 anni, Gregorini è regista, scrittore e organizzatore culturale. Dopo aver diretto grandi strutture per lo spettacolo e l’intrattenimento, è stato regista televisivo in Mediaset e sceneggiatore di fiction televisive per la Rai. Ha diretto spot, videoclip e un film sperimentale. Ha fondato e diretto la Scuola d’Arte Cinematografica di Genova, il centro per il cinema e la fotografia Lebowski e il magazine culturale online Il Culturista.

«Sono onorato della chiamata del sindaco Bucci – dice Maurizio Gregorini – Insieme a Barbara Grosso vogliamo aumentare il livello dell’offerta culturale della nostra città. Per fare questo dobbiamo creare un sistema culturale organico, efficente, in grado di colmare le discrasie ed esaltando la peculiarità e qualità del tessuto urbano. Punteremo anche a ridurre i costi e sprechi e ad attrarre nuovi investimenti per rendere remunerativo il sistema, incrementando i visitatori». Terza e ultima novità: non un assessore alla cultura, ma alle politiche culturali. «Il suggerimento viene dall’assessore uscente Elisa Serafini – spiega il Sindaco Marco Bucci – Questo per dire in primis che con Elisa Serafini siamo rimasti in buoni rapporti. Questa variazione sul ruolo della carica ha un significato profondo, ed è in linea con la nostra idea: oltre ad organizzare l’assessorato e tenere in piedi manifestazioni, eventi e operare in materia di marketing territoriale, bisogna infatti capire cosa significa fare cultura. La figura del cultural services manager sarà una figura operativa in grado di confluire, facendo rete, le azioni che servono al raggiungimento di una efficiente politica culturale».
(Lara Calogiuri)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!