Home » GENOVA, POLITICA » Genova. Comizio CasaPound, zona rossa alla Foce: rischio scontri

Genova. Comizio CasaPound, zona rossa alla Foce: rischio scontri

Genova. Appuntamento a questa sera, ore 18, in piazza Paolo da Novi: riportiamo in piazza la Genova Antifascista contro tutti i fascismi e i fascisti. Continuiamo a rispondere alle provocazioni di Casa Pound”.

Con queste poche righe l’assemblea antifascista ha deciso di rispondere all’arrivo a Genova del leader di CasaPound Simone di Stefano. Quanto alle polemiche sulla scelta di Genova, Di Stefano ha precisato che «CasaPound è dappertutto e dappertutto parla, perché è nel pieno diritto di parlare in tutte le città, compresa Genova. Che Genova sia una città “rossa” è dato dal fatto che esiste una tradizione popolare molto forte cui noi parliamo, perché CasaPound parla in quegli spazi sociali che erano ritenuti appannaggio esclusivo della sinistra. È giustissimo essere a Genova perché è una città di lavoratori e di portuali».

Centoventi poliziotti schierati e barriere mobili a chiudere le quattro vie di accesso alla discoteca Richmond di via Santa Zita nel quartiere della Foce dove arriverà il candidato premier di Casapound Simone Di Stefano per la chiusura della campagna elettorale genovese del partito di estrema destra. Sono le misure decise questa sera al termine di una riunione che si è tenuta in Questura allo scopo di scongiurare che i militanti di Casapound possano venire a contatto con gli antifascisti e la sinistra antagonista che hanno lanciato un appello alla mobilitazione e convocato un presidio a partire dalle 18 in piazza Paolo Da Novi.

“Reagiremo a quella che è a tutti gli effetti una provocazione” si legge nel lungo appello pubblicato sulla pagina Genova Antifascista. “Facciamo appello a tutti gli antifascisti e a tutte le antifasciste a tutti/e quelli/e che hanno manifestato con noi a tutti quelli/e che sostengono la resistenza antifascista” è l’invito alla mobilitazione. Secondo una prima stima al presidio potrebbero partecipare circa 300-400 manifestanti mentre i militanti di Casapound attesi al Richmond sono un centinaio scarso. Ingente il dispositivo di sicurezza che sta predisponendo la Questura: ad oggi si parla di almeno un centinaio di uomini ma anche del ritorno degli “alari”, le speciali barriere mobili che sono state utilizzate anche per il corteo antifascista del 3 febbraio che ha visto scendere in piazza quasi 5 mila persone. L’obiettivo è evitare che i due gruppi possano venire a contatto.

Domani si terrà una nuova riunione in Questura per definire i dettagli della gestione dell’ordine pubblico. Il livello di attenzione è molto alto visti gli scontri e i momenti di tensione tra antagonisti e forze dell’ordine che si sono verificati nelle scorse settimane nelle principali città italiane in concomitanza con gli appuntamenti elettorali di Casapound. Sono un centinaio i militanti di estrema destra attesi per il comizio e il loro accesso al locale sarà filtrato dagli agenti della Digos. Più difficile prevedere il numero dei partecipanti al presidio. In entrambi i casi non sarebbero previsti arrivi da fuori Liguria.

A seconda dei numeri e delle condizioni meteo è probabile che il presidio si trasformi in un corteo che sfilerà intorno a quella che sarà a tutti gli effetti una zona rossa. A chiuderla, oltre alle barriere mobili già impiegate per chiudere l’accesso a via Montevideo, sede di Casapound, ai cinquemila manifestanti del corteo antifascista del 3 febbraio scorso, ci saranno uomini e mezzi. Nelle quattro vie di accesso al locale sarà anche vietato parcheggiare dal primo pomeriggio a tarda sera. Nelle stesse zone sono previste bonifiche e sigilli ai cassonetti dell’Amiu.
(Lara Calogiuri)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!