Home » CULTURA, GENOVA » Genova. ‘I miei due cuori nomadi’ di Omar Rizq

Genova. ‘I miei due cuori nomadi’ di Omar Rizq

Genova. Due cuori nomadi, tesi tra l’Italia e il vicino Oriente. Due cuori, un cuore: quello di Omar. Figlio di madre italiana e padre palestinese, è solo un bambino quando quest’ultimo, un giorno, all’insaputa della madre, lo porta via da Genova e dall’Italia per crescerlo accanto alla famiglia paterna. Passeranno anni prima del suo definitivo ritorno in Italia, anni in cui Omar vivrà in prima persona un’altra cultura. Un altro mondo. E anche una volta rientrato non potrà non rendere conto di questi suoi due cuori.

Quella del protagonista di questo romanzo è la vera storia del suo autore, Omar Rizq, che qui la racconta con la spontaneità di uno scrittore istintivo e l’incancellabile emozione dell’incredibile esperienza vissuta. È la storia di un bambino genovese conteso da due genitori, due lingue, due mondi. Figlio di padre palestinese e madre italiana, Omar, costretto dal primo a vivere lontano dalla madre per anni e a crescere come “un vero piccolo musulmano”, è stato suo malgrado una delle prime vittime di un contrasto tra culture, tradizioni, religioni che oggi è esploso in maniera drammatica per tutta la collettività europea. Prefazione di Vittorio Coletti, professore di storia della lingua italiana all’Università di Genova.

Il libro è, più in generale, una storia di crescita: si avverte, infatti, il cambiamento che, inevitabilmente, dall’infanzia porta all’adolescenza. “Quando mi sono guardato indietro ho capito che, in retrospettiva, era proprio così. Spesso mi sono trovato a constatare che la prima grande tragedia per una persona è quando, per la prima volta, si rende conto che i genitori sono semplici esseri umani, mortali, fallibili e pieni di insicurezze. La ritengo una tragedia perché ci mette di fronte al fatto che siamo individui a sé, in qualche modo soli al mondo, nel senso che prima o poi lo saremo e dovremo contare solo su noi stessi. In quel momento capiamo che non siamo un’estensione dei nostri genitori ma solo figli, come figli lo sono stati anche loro prima di essere genitori. Ma questo è solo un punto di partenza, non deve essere inteso come un epilogo. Tutto comincia da qui, è in quel momento che, penso, si senta di essere diventati nomadi della vita.”Afferma Omar Rizq. “La mia storia, in fin dei conti, è un cammino, come quello di chiunque, nella vita. Ed è un cammino ancora in essere, sempre in evoluzione e crescita. Però l’aver vissuto queste due vite, due famiglia, culture e case, mi ha fatto capire che, indubbiamente, la casa non è quella fatta di mattoni o una particolare via o quartiere. O meglio, può essere anche quelle cose. Può essere il mare di Genova e della Sicilia come pure il deserto di Dulayl. Può essere gli amici, i cugini, gli affetti, mia madre e mio padre. Tutte queste componenti, rimaste nel cuore e nella mente, mi hanno reso quello che sono oggi, quindi la mia casa è dentro di me insieme ai legami che ho stretto; in definitiva la mia casa sono io stesso ovunque sia. E sentirsi a casa è fare pace con se stessi e la propria natura”. Il volume contiene anche testimonianze (come disegni, lettere e scritti) risalenti all’epoca dei fatti e alcune pagine del diario tenuto dalla madre nei primi mesi lontana dal figlio.

La prefazione è di Vittorio Coletti, professore di Storia della lingua italiana all’Università di Genova. Omar Rizq (Genova, 1984) si è laureato alla Facoltà di Lingue e Letterature straniere nella sua città natale, dove ha poi insegnato per quattro anni lingua araba agli studenti. Attualmente lavora come impiegato, sempre a Genova.

(Lara Calogiuri)


Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!