Home » SAVONA, SPETTACOLO » Festival Teatrale di Borgio Verezzi 2018: da Moby Dick al Fu Mattia Pascal

Festival Teatrale di Borgio Verezzi 2018: da Moby Dick al Fu Mattia Pascal

Borgio Verezzi. Un cartellone con tredici spettacoli teatrali, dieci dei quali proposti in prima nazionale, e un Premio Veretium che, alla 48esima edizione, viene per la prima volta eccezionalmente assegnato alla memoria a Luigi De Filippo, ultimo erede della celebre dinastia di attori. È il programma del 52esimo Festival di Borgio Verezzi (Savona), rassegna estiva  che da sabato 7 luglio a domenica 19 agosto 2018, anima il suggestivo Borgo  Del Ponente e le sue caratteristiche Grotte (prevendite al via dal 22 giugno).

Il cartellone promette un Festival ricco di temi, di titoli e di nomi importanti, con una prevalenza delle commedie sui drammi e, in qualche caso, anche con forti contaminazioni musicali. Il cartellone, ancora una volta all’insegna del rinnovamento nella tradizione, con testi contemporanei, spesso inediti o stranieri, ma senza trascurare i classici, conferma la caratteristica del Festival, «quella di essere una vetrina di novità per la stagione invernale», dice il direttore artistico Stefano Delfino. Oltre alla sede storica di piazza Sant’Agostino, sarà coinvolta anche la suggestiva location delle Grotte di Borgio Verezzi, preziosa risorsa naturale e turistica del territorio, nella quale si svolgeranno due eventi speciali.

Diverse, e in qualche caso di grande attualità, le tematiche affrontate, alcune delle quali serie e impegnative, ma trattate con leggerezza: la deontologia giornalistica contro l’arroganza della politica in Squalificati, la spregiudicatezza dello show business in Non si uccidono così anche i cavalli?, le problematiche della terza età in Autunno di fuoco e Quartet, la ricerca dell’Assoluto in Moby Dick, la crisi di identità ne Il fu Mattia Pascal, l’amore ossessivo nel La scuola delle mogli, la condizione dei nuovi single in Casalinghi disperati, la faticosa ma divertente conquista del successo in Le dive dello swing e Debora’s love, il corteggiamento uomo-donna e viceversa in Alle 5 da me, il progressivo superamento dell’incomunicabilità tra maschio e femmina in Il diario di Adamo ed Eva.
(Lara Calogiuri)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!