Home » NEWS FUORI REGIONE » Fede e tradizione, protagoniste dell’ottava di Pasqua, al santuario rupestre della Madonn’ Abbasc’

Fede e tradizione, protagoniste dell’ottava di Pasqua, al santuario rupestre della Madonn’ Abbasc’

Mottola (Ta). Complice anche una calda giornata di primavera, per l’ottava di Pasqua, detta anche Domenica in Albis, in molti hanno raggiunto il santuario rupestre della Madonn’ Abbasc’ del 1440, dedicato alla Vergine del Carmelo.

Sono arrivati dal centro urbano di Mottola, ma anche dalla vicina Palagiano, in auto o a piedi, in una sorta di pellegrinaggio devozionale. A farla da padrone, tradizione e fede, in una giornata, che ha fatto calare il sipario sulle iniziative pasquali, organizzate dalla confraternita del Carmine, con l’impegno dell’intero Direttivo.

Unico e suggestivo, il luogo: una cappella ipogea, un santuario a cielo aperto, immerso tra gli ulivi e la macchia mediterranea, che l’associazione “Don Tonino per Amore”, preserva, ripulisce e custodisce con molta cura.

Per l’occasione, la statua della Vergine del Carmelo, dalla chiesa del Carmine di via Mazzini, in mattinata, è stata portata presso il santuario rupestre in contrada Casalrotto. Qui, i confratelli e le consorelle del Carmine, in abito da rito, l’hanno collocata sul piazzale antistante, dove sono state celebrate, nel corso della giornata, ben quattro messe.

A concelebrare quella delle 16,30, il vescovo della Diocesi di Castellaneta, monsignor Claudio Maniago e l’arciprete della Chiesa Madre, don Sario Chiarelli.

Ha parlato del ‹‹perdono verso gli altri – il vescovo -; lo stesso, invocato sulla croce da Gesù, per coloro che lo avevano portato a quel calvario, a dimostrazione di quanto sia grande la misericordia di Dio, che vince sul male. Ed, è proprio da questo santuario – ha concluso mons. Maniago, nella sua omelia – che deve levarsi verso la Madonna, madre accorata, la nostra gioia, il nostro alleluia di cristiani››.

Nei pressi della cappella ipogea, anche uno stand della confraternita, con in vetrina una coppia di paranze in miniatura ed il dvd sui riti della settimana santa, “Tutto è compiuto”, realizzato per la Pasqua 2015.

Attorno alle 20, poi, il simulacro della Vergine è stato riportato in paese. Da Largo Rotonda, dopo i fuochi pirotecnici, attraversando il corso cittadino, è partita una processione, verso la chiesa del Carmine, alle note della banda cittadina “U. Montanaro”, diretta dal M° Barbara Gigante.

In parrocchia, un momento di preghiera, qualche applauso per la Vergine del Carmelo e l’invito di don Sario, ricordando le parole di Maria, ‹‹a fare quello che Gesù ci dice cioè vivere secondo gli insegnamenti del Vangelo››.

Quella della Domenica in Albis è stata anche la prima occasione utile per ammirare la statua della Vergine del Carmelo, risalente al ’700, ritornata al suo antico splendore dopo il recente restauro, operato dai fratelli Alessandro e Piero Buttiglione, confratelli del Carmine.

In foto, un momento della messa
(Maria Florenzio)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!