Home » STANZA DELLA POESIA » “La vetrina dei poeti”: Eveluna

“La vetrina dei poeti”: Eveluna

Note biografiche di Evelina Lunardi

Evelina Lunardi, in arte Eveluna, è nata il 14 novembre 1945 a Sanremo, dove vive.
Ha condotto per anni trasmissioni radiofoniche culturali.
Si interessa di poesia e narrativa dal 1984, conseguendo ottimi riconoscimenti in concorsi nazionali e internazionali.
Ha pubblicato i seguenti libri. Di poesia: Sensazioni – Libera cavalcata – Verso il 2000 – Truccioli di parole – Coriandoli d’amore – Echi nella tormente – Alfabeto poetico – Poesia nel pugno – Raggiera di emozioni – Nella bruma dei sogni – Bancarella di poesia vol. 1-2-3-4. Di narrativa: Caleidoscopio – Donne in controluce – Vite in ngioco – Novelle minime – Dentro lo specchio, Approdi.
Ha pubblicato, un romanzo a quattro mani dal titolo “L’ultima svolta”.
E’ segretaria del Cenacolo artistico “Poeti nella società”.
Il critico letterario Pasquale Francischetti ha curato una raccolta delle sue opere dal titolo “La Liguria e la vita”.
Promuove da diversi anni Collettive, Personali d’Arte figurativa e letteraria, concorsi letterari.
E’ ideatrice del concorso letterario “Il fantasmino d’oro”.

A MICHELA

A volte, sai,
il silenzio
è pregno
di mille parole,
di cento gesti.
Ora
non posso carezzare
il mio grembo
che ti racchiudeva
e al quale parlavo
sapendo che poi
ci sarebbero stati… silenzi…
Ma ti amo,
bimba,
come quel giorno
che ha colorato di rosa
un attimo d’amore.

ARIA

Aria fredda e pungente
mi urta il viso.
Ripercorro
i viali della scuola,
chiusa nel mio bozzolo,
urtata dal chiassoso vociare
alla ricerca inutile
di mio padre, di mia madre.
Aria pungente e fredda
Mi urta il viso.
Ripercorro
il gelido soffio degli assenti
i dispersi volti
nell’intricato sentiero della vita.
Aria calda e leggera
mi accarezza il viso
lenendo i miei dolori
racchiudendolo tra le mani
le briciole di affetti, sogni
e la forza per continuare a vivere.

ALL’ALBA

Volevo strappare
un evanescente bagliore
all’apparire di un’alba incerta,
ma la luce abbagliante
del mattino l’ha confusa,
dispersa
centrata nel chiarore del giorno
riappropriandosi di un lume
ch’io amavo far mio.
Ha spento una fiaccola
sulla mia strada!
Quanti tizzoni spenti
sul mio cammino
vedo, voltandomi indietro!

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!