Home » NEWS FUORI REGIONE » Degrado dei bagni pubblici di Castellaneta

Degrado dei bagni pubblici di Castellaneta

Castellaneta. “Ancora una volta sono costretto a risollevare un problema più volte ed in più occasioni esposto dal sottoscritto e che ancora nonostante balle e promesse continua a persistere”.

Sono le parole di Michele D’Ambrosio, consigliere comunale di Castellaneta, che torna su un annoso problema.

“Parlo dei bagni pubblici di Castellaneta, quello di via San Francesco ripristinato con 30 mila euro, inaugurato e poi chiuso, unica apertura quando tutto funziona, la mattina del mercoledì giorno di mercato, ma solo quello per uomini, quello per le donne che notoriamente sono più resistenti e abituate al sacrificio è stato trasformato in deposito di materiali – ha continuato D’Ambrosio – Il bagno di piazza Umberto I° invece gode di qualche privilegio in più’, l’apertura e chiusura, quando stanno in contanti, avviene tramite un beneficiario dell’assistenza economica finalizzata, che naturalmente fa i suoi orari”.

“Non si tiene conto che quando ci sono spettacoli, feste, sagre o altri avvenimenti occorre tenere aperto il bagno sino alla fine delle manifestazioni e pulirlo più volte – è la riflessione del consigliere – Ma cosa ancor più grave è che il bagno che dovrebbe essere pulito e disinfettato almeno una volta al giorno, viene lasciato nel più completo degrado e sporcizia col rischio che qualcuno possa contrarre qualche infezione. Alcuni anziani, date le condizioni di sozzume del bagno ed essendo sprovvisti di maschera antigas e stivali per non farsela addosso si vedono costretti ad arrangiarsi come meglio possono. È notorio che il bagno per l’anziano è essenziale nel corso della giornata, ma non solo per l’anziano, serve moltissimo anche ai tanto ricercati turisti di cui molto parlano e nulla fanno per attirarli nel nostro paese. Il turista che sniffa gli aromi del bagno di piazza Umberto e per un motivo qualsiasi è costretto a ritornare una seconda volta, prudentemente si premunisce di catetere”.

“Dagli esercizi commerciali l’amministrazione comunale di Castellaneta oltre la pulizia e l’igiene pretende il bagno, l’antibagno e quello per portatori di handicap, loro invece non solo non riescono a fare un bagno all’altezza dei tempi e delle esigenze, ma non riescono a pulire e disinfettare un bagno come quello di piazza Umberto I° che presenta grosse difficoltà agli anziani autosufficienti, infrequentabile per le donne ed inaccessibile ai portatori di handicap – ha concluso – Oltre ai balli ed ai viaggi di preparazione all’aldilà gli anziani che stanno ancora qua non pretendono un bagno con la bandiera blu ma un bagno pubblico che sia pulito ed igienico come quello del sindaco e della giunta sul palazzo comunale dove si spendono 47 euro al mese solo per  asciugamani, profumo e sapone. Se è attendibile il detto che il bagno pubblico è lo specchio di un paese, a Castellaneta stiamo combinati proprio male”.
(F.G.)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!