Home » NEWS FUORI REGIONE » Dal 22 aprile “Una somma di piccole cose” di Niccolò Fabi

Dal 22 aprile “Una somma di piccole cose” di Niccolò Fabi

Milano. “È un grandissimo regalo potermi permettere di fare un disco svincolato da tematiche commerciali e che vi aggiunge qualità e spessore. È realistico pensare di avere delle buone aspettative, ovviamente da un osservatorio particolare, oltretutto completamente fatto da me, in solitudine, in aperta campagna a Campagnano vicino Roma, e che di solito piace a chi lo fa”.

È il punto di Niccolò Fabi sul suo nuovo album di inediti “Una somma di piccole cose”, in uscita il 22 aprile.

Il titolo dell’album “Una somma di piccole cose” è anche quello della canzone di apertura.

“È la ricerca di una vita migliore, da un punto di vista del godimento e dei piaceri – ha sostenuto – Godere di ogni piccolo istante della propria esistenza, le singole parti per vivere meglio la narrazione dell’uomo disilluso che sceglie di lasciare spazio alla speranza”.

“Ha perso la città” sembra stata scritta apposta per la giornata della terra, l’Earth Day del 22 aprile.

“No di certo, ma è simbolicamente scritta per il territorio, per la natura, e perciò ben augurante – ha accennato – La tematica è per il mondo d’oggi in fuga dalla disumanizzazione delle metropoli”.

In “Facciamo finta” il padre prende in prestito il linguaggio infantile.

“È il pretesto per descrivere un mondo ideale dalla tipica espressione infantile – ha confidato – Ricordo che nei giochi dicevamo di far finta di essere Superman o Batman. La frase apre mondi diversi, e facciamo finta che il mondo sia bellissimo, che succedono cose belle, ma non dobbiamo far finta che purtroppo non è così”.

“Le cose non si mettono bene” degli Hellosocrate è l’unica canzone dell’album non scritta da Fabi.

“È entrata nel disco per una storia bella e troppo triste – ha rivelato – Nasce dalla conoscenza di una band che avevo votato come membro della giuria di Musicultura a Recanati, dove non aveva vinto, ma mi piaceva il modo di scrivere, il cantante Alessandro Dimito che è morto per un tumore, una notizia che mi ha molto colpito: era una grande promessa, con tanta sensibilità. Ho provato a cantare una canzone profetica, omaggio alla loro bella storia”.

Niccolò Fabi ritiene che la canzone sia come un farmaco contro il disagio sociale e il dolore personale e di raccontare la condivisione come unica possibilità di lenire la sofferenza.

“La canzone ha un valore terapeutico, ed è particolarmente indicata per chi non sta bene – ha ribadito – È l’aiuto come cuscino emotivo per chi è in difficoltà, con un linguaggio che lascia aperta la speranza nel loro percorso”.

“Una somma di piccole cose” verrà raccontato da Niccolò Fabi nelle Feltrinelli di alcune città, a partire da Roma (Via Appia Nuova, 427) il 22 aprile, il 23 a Firenze (Piazza della Repubblica), il 24 a Bologna (Piazza Ravegnana, 1), il 26 a Milano (Piazza Piemonte, 2), il 27 a Torino (Stazione Porta Nuova), 28 a Verona (Via Quattro Spade, 2), il 2 maggio a Bari (Via Melo, 119), il 3 a Napoli (Piazza dei Martiri), il 4 a Catania (Via Etnea) e il 6 a Cagliari (Via Paoli).

Nei mesi di maggio e luglio, invece, il cantautore romano sarà in tour accompagnato sul palco da Alberto Bianco, Damir Nefat, Filippo Cornaglia e Matteo Giai; le prime date confermate sono il 18 maggio ad Assisi (Teatro Lyrick), il 21 a Napoli (Teatro Augusteo), il 22 a Roma (Auditorium Parco della Musica, Sala Santa Cecilia), il 23 e 24 a Milano (Auditorium di Milano), il 26 a Bologna (Auditorium Manzoni), il 27 a Torino (Teatro Colosseo), il 30 a Verona (Teatro Romano), il 14 luglio a Mantova (Piazza Castello), il 20 a Rovereto (Campana dei Caduti), il 21 a Fiesole (Teatro Romano), il 23 a Lecce (Anfiteatro Romano), il 25 a Palermo (Teatro di Verdura) e il 29 luglio a Pescara (Arena Teatro D’Annunzio).

“Sto pensando a qualcosa di molto forte, emozionante – ha anticipato – Ho con me un gruppo nuovo, dalla grandissima sensibilità, molto giovani, con una forza espressiva che mi ha intrigato”.

Niccolò Fabi prenderà parte al Concerto Primo Maggio di Taranto.

“Le motivazioni per la scelta di Taranto sono degne di significato – ha concluso – La cosa più forte è il riscatto di una città del Sud.
(Franco Gigante)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!