Home » CULTURA » Cultura. ‘Contro i figli’ di Lina Meruane (La nuova Frontiera), recensione a cura della prof. Renata Rusca Zargar

Cultura. ‘Contro i figli’ di Lina Meruane (La nuova Frontiera), recensione a cura della prof. Renata Rusca Zargar

Contro i figli, Lina Meruane, La nuova Frontiera, 2019, pagg. 218, euro 15,00

In questo testo, l’autrice prende in esame l’atavica questione della maternità e la pressione sociale sulle donne perché sfornino dei figli. Si scaglia persino contro i figli stessi quando essi diventano tiranni di genitori incapaci e/o indifferenti. Un tempo, avere figli (che spesso morivano da piccoli) era la garanzia che la specie umana avrebbe continuato ad esistere: istinto di sopravvivenza e lotta contro la morte. Oggi, con quasi otto miliardi di persone sulla Terra e una medicina salvifica di giovani e vecchi, avere molti figli significa, probabilmente, condannarci all’estinzione perché non ci sarà abbastanza spazio su questo Pianeta mal usato. Così, le parole dell’autrice sono di grande interesse per dare un taglio a idee preconcette neppure utili all’umanità stessa. La maternità non deve essere un diritto e neppure un dovere ma una libera scelta di una coppia consapevole.

Nel testo, sono analizzate, inoltre, molte questioni particolari come, ad esempio, se una “vera madre” debba dare il latte materno o possa usare quello artificiale e se la cura del figlio tocchi sempre alla madre quando il padre si senta sollevato da tale impegno. La madre lavoratrice risulta così, oltre che dal lavoro, schiacciata dagli impegni domestici, dall’educazione dei figli e, aggiungerei, dall’assistenza agli anziani. Una madre-macchina, afferma l’autrice. La madre, infatti, sembra al centro di tutto, senza aiuti o con aiuti dispensati come favori dai parenti. Neppure lo Stato si è mai reso conto di quanto sia ingiusto che la società, per funzionare, abbia bisogno del lavoro sottopagato delle donne e del loro sacrificio di madri, di mogli, di figlie.
Io ho deciso liberamente, insieme al futuro padre, di avere dei figli: a un certo punto, ho desiderato vedere la persona che amavo in un’altra creatura. Infatti, quando gli avevo mandato un telegramma (lui non era in Italia) per confermare il nostro progetto, avevo usato le parole: “Ok piccolo Zahoor”.

Altrettanto liberamente (per la seconda figlia anche contro le indicazioni del medico), ho deciso di allattare per un lunghissimo periodo. Credo nell’allattamento al seno, quando è possibile, e nel mio caso lo era.

I figli sono, appunto, un progetto di madre e padre, da pensare e da vivere insieme.

Ad esempio, dato che io sono dormigliona e non mi svegliavo facilmente di notte, il padre delle mie figlie, le prendeva e me le metteva al fianco per essere allattate, poi le rimetteva nel lettino. Oppure, negli anni, quando le figlie stavano male di notte, si alzava sempre lui: io venivo informata la mattina dopo. Nelle foto che abbiamo di qualche pranzo conviviale, lui ha sempre addosso una figlia che mangia con lui. Ci sarebbero mille altri esempi del fatto che lui abbia compreso di essere una delle due parti coinvolte.  Anch’io, naturalmente, mi sono occupata tantissimo di loro: il punto è che non sono state mie o sue, e abbiamo condiviso, negli anni, nonostante tante nostre differenze culturali, il bello e il brutto.
Anche come casalinga, ho portato avanti le mie idee e il mio compagno le ha rispettate perché le ha considerate giuste. Infatti, io sono stata, in passato, una sessantottina militante che ha lottato per i diritti di tutti gli esseri umani. Sono orgogliosa di ciò. Ho imparato tutto, allora, i miei diritti e anche i miei doveri, ai quali do molto peso. Per questo, in casa nostra, nessuno pensa che fare le pulizie o cucinare sia il lavoro di qualcuno in particolare. A mio marito piace fare le pulizie e anche cucinare e fare il pane in casa.

Io non ho mai cucinato una torta (ho provato a 12 anni, quando ero una cuoca di belle speranze, ho carbonizzato tutto e le mie esperienze sono finite lì). Se mi facesse piacere, però, cucinerei qualunque cosa, non è un punto di prestigio: preferisco, di solito, leggere e scrivere.
In famiglia, abbiamo sempre mangiato, come tutti, anche se si cucinava qualcosa di speciale solo quando arrivavano in massa tutti i miei parenti a pranzo (ogni festa comandata). Allora, era proprio bello anche perché mangiare è pur sempre un piacere della vita.

Così come mio marito si dà da fare in casa, io lo aiuto nel suo lavoro, dato che ha un negozio e posso rendermi utile.

Ormai, siamo verso la fine della vita e considero il bilancio di tanti anni di convivenza molto positivo. Per questo, approvo tutto ciò che ha scritto l’autrice del testo.

Spero che questo libro possano leggerlo e comprenderlo molte donne perché sono loro, soprattutto, che educano i maschi e possono cambiare la mentalità all’origine.

Quanto allo Stato, invece, non credo che possa migliorare, considerata l’ignoranza imperante tra i politici al giorno d’oggi e la totale mancanza di visioni e di progetti futuri. Anzi, alcuni politici sono più sessisti e maschilisti che ai miei tempi! Come sempre, bisogna arrangiarsi da sé e provare a votare meglio in futuro (sempre che esista ancora un meglio!).
(Renata Rusca Zargar)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2020 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XIV - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!