Home » CULTURA, GENOVA, SAVONA » Cristoforo Colombo non è nato a Genova, ma a Savona

Cristoforo Colombo non è nato a Genova, ma a Savona

Per gli appassionati di storia (e non solo) segnaliamo uno studioso molto attento e preparato, Franco Icardi, autore del libro “Navigare rende curiosi. Cristoforo Colombo e Amerigo Vespucci (secondo i loro scritti autografi e le testimonianze di chi li conobbe personalmente)”, che,  nel suo accurato e inedito lavoro, propone i documenti che fanno risalire la nascita del grande navigatore a Savona. 

Se andate a Genova e chiedete della casa natale di Cristoforo Colombo vi mostrano la casa di un lanaiolo o tessitore che porta lo stesso nome – è un omonimo -, ma più giovane di 16 anni dello scopritore dell’America. Se invece volete conoscere il vero Colombo dovete andare a leggere i suoi scritti autografi, ciò che di lui riportano i documenti reali spagnoli, le testimonianze dei suoi famigliari e delle persone che lo conobbero personalmente. E’ ciò che ha fatto Franco Icardi e che riferisce nel suo libro: “Navigare rende curiosi”.

Qui vengono riportati i documenti reali spagnoli e quelli dell’Archivio Segreto dell’Ordine Cavalleresco di Santiago che parlano della nascita di Cristoforo Colombo a Savona. Il Ligure scrive di essere “andato per mare fin dalla giovanissima età” e di aver navigato per 27 anni consecutivi. Sono i suoi anni di giovane capitano corsaro al soldo del francese Renato d’Angiò quando attacca navi spagnole-aragonesi nel Mediterraneo. Poi nell’Atlantico prende parte il 13 agosto 1476 all’assalto di cinque navi genovesi.

Poi Cristoforo si stabilisce in Portogallo dove si sposa ed ha figli. Naviga sin oltre l’Islanda alla ricerca delle terre scoperte dai Vichinghi sin oltre la Groenlandia. Sempre in compagnia del fratello Bartolomeo giunge in Guinea.

Ora Colombo conosce i venti alisei e le correnti oceaniche. Ha un sogno: quello di attraversare l’Atlantico per giungere nelle Indie.

Non potendo realizzare questo progetto con il re del Portogallo si rivolge altrove. Perde sette anni insistendo presso i grandi di Castiglia. E solo quando i Re Cattolici spagnoli hanno cacciato dalla loro terra gli ultimi mori musulmani di Granada può contare su due caravelle ed una nao. Le caravelle “fanno acqua dalla chiglia per colpa della cattiva calafatura realizzata a Palos”, e la nave da trasporto, la Santa Maria, è una nao di Biscaglia che alcuni amici del porto di Santa Maria  gli hanno messo a disposizione. Così Cristoforo parte alla volta del Cina e dell’India, ma trova “l’America“.

Scopre un Mondo Nuovo che permette alla vecchia Europa di uscire dal suo isolamento e dai suoi pregiudizi. Apre così le porte ad una nuova era, quella moderna che ha come base l’esperienza diretta delle cose viste e sperimentate. In questa impresa è coadiuvato dal banchiere-mercante fiorentino Amerigo Vespucci che con quattro viaggi – due su navi spagnole e due su navi portoghesi – completa le scoperte in Sud America. Egli con i suoi scritti e le sue carte geografiche fa conoscere questo nuovo continente in tutta Europa a tal punto che un cartografo tedesco dà il nome di America alle nuove terre. È l’occasione di essere fieri di questi due nostri concittadini che rendono famosa l’Italia nel mondo. Ricordiamoci che con Colombo e Vespucci il Medioevo è finito definitivamente.

Franco Icardi
L’autore è nato a Cengio (Savona). Ha lavorato sino all’agosto 2010 nella Biblioteca Civica di Cairo Montenotte dopo aver conseguito il diploma da bibliotecario presso la Biblioteca Apostolica Vaticana. I suoi anni giovani li ha passati a studiare anche in Belgio ed all’Università di Lione in Francia. Ha seguito corsi di antropologia, etnologia e linguistica all’Università di Abidjan in Costa d’Avorio.
Dall’agosto 1970 al 1985 ha lavorato in Africa Occidentale, ed in seguito a Roma come Consigliere Generale di una società internazionale che è presente nei cinque continenti. È appassionato di storia locale e nel 2009 ha pubblicato la 2a edizione del libro “Gli antichi Liguri e le Ligurie, la Val Bormida e Roccavignale. Alla ricerca delle radici comuni dall’età della pietra ad oggi”. Nel suo libro “Navigare rende curiosi. Cristoforo Colombo e Amerigo Vespucci (secondo i loro scritti autografi e le testimonianze di chi li conobbe personalmente)”, Franco Icardi presenta il frutto di una ricerca di tre anni attraverso gli archivi spagnoli, portoghesi ed italiani che gli hanno fatto scoprire la figura di Colombo nel suo contesto storico ed in quello delle grandi esplorazioni geografiche.
(Vincenzo Bolia)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!