Home » NEWS, PRIMO PIANO » Coronavirus, Regione Liguria, 24 i casi positivi in Liguria. Ad oggi 4 i deceduti. 469 pazienti in sorveglianza attiva Da domani al via sperimentazione di un farmaco ad hoc

Coronavirus, Regione Liguria, 24 i casi positivi in Liguria. Ad oggi 4 i deceduti. 469 pazienti in sorveglianza attiva Da domani al via sperimentazione di un farmaco ad hoc

Genova. “I pazienti positivi in Liguria sono 24 di questi 14 ospedalizzati. Sono inoltre 4 le persone decedute e 6 le persone guarite”.

Lo ha comunicato questa sera il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti nel corso del punto stampa di aggiornamento sull’emergenza coronavirus in Liguria a cui hanno preso parte anche la vicepresidente e assessore alla sanità Sonia Viale, l’assessore regionale alla Protezione civile Giacomo Giampedrone, il commissario di Alisa Walter Locatelli, il responsabile prevenzione di ALISA Filippo Ansaldi e il direttore della Clinica di Malattie Infettive del Policlinico San Martino di Genova Matteo Bassetti.

“Si tratta – ha spiegato il presidente Toti – di numeri al momento contenuti, ma l’obiettivo del team sanitario è quello di ricostruire la catena epidemiologica dei soggetti. Persone che si sono aggirate in Liguria su cui si deve ricostruire il tracciato. Fino ad oggi comunque le misure di contenimento adottate hanno funzionato abbastanza bene”.

“Quello a cui stiamo lavorando – ha continuato Toti – è l’individuazione di strutture in Liguria dove effettuare le quarantene con un certo numero di stanze attrezzate. Per questo è previsto domattina un incontro presso la Prefettura di Genova per cercare di trovare soluzioni idonee con la collaborazione dei sindaci”.

PACCHETTO DI MISURE ECONOMICHE

Il presidente Toti ha comunicato che lunedì prossimo Regione Liguria presenterà un pacchetto di misure economiche di sostegno delle famiglie e delle imprese. A questo si aggiungerà la richiesta al governo di misure speciali per sostenere i settori più colpiti. A cominciare dal settore turistico-alberghiero per cui verrà richiesta la sospensione dei pagamenti e poi il settore del commercio, delle fiere e degli spettacoli per cui si chiederà liquidità e ammortizzatori sociali.

PROTEZIONE CIVILE

Sono partiti gli ospiti dell’hotel di Diano Marina dove una coppia di coniugi è stata trovata positiva al coronavirus. La protezione civile regionale ha organizzato i pullman per riportare i turisti al loro domicilio. “Siamo riusciti a mantenere – ha detto l’assessore regionale alla Protezione civile Giacomo Giampedrone – la media delle 24 ore per riaccompagnare a casa gli ospiti dell’hotel di Diano, provenienti da Brembate e dal Bermamasco. Oltretutto abbiamo utilizzato una nuova modalità perché abbiamo chiesto al tour operator che li aveva portati la collaborazione per riportarli al loro domicilio, per sgravare la Croce Rossa impegnata anche altrove. Una disponibilità, quella del tour operator, che può aver aperto altre modalità di operare in questi casi.

NAVE GNV
“Si sta lavorando anche per trovare una soluzione per l’equipaggio della nave GNV – ha continuato l’assessore Giampedrone – e domattina potremo dare la notizia dell’individuazione di una struttura idonea, verificata dalla ASL, dove collocare l’equipaggio”.

CASI POSITIVI IN LIGURIA: totale 24
Ospedalizzati complessivi: 14
Asl 1 -2
Asl 2 – 4
Ospedale Policlinico San Martino – 7
Asl 5 – 1

Al domicilio: 10

Pazienti in sorveglianza attiva: 469 totali.
Asl 1 – 42
Asl 2 – 230
Asl 3 – 83
Asl 4 – 42
Asl 5 – 72

DATI 112

chiamate dalla mezzanotte alle 17 di oggi (in parentesi il dato delle 24 ore dalle ore 17:00 del 4 alle 17:00 del 5 marzo)

Chiamate totali alla Centrale 112 Liguria: 1573 (2647)
Chiamate gestite: 1431 (2293)
• Transitate al PSAP2 (centrali di secondo livello): 863 (1397)
• Filtrate: 568 (896)
Informazioni: 128 (179)
Altro: 142 (354)
Chiamate passate alle cinque centrali dell’emergenza sanitaria: 597 (903)
• 118 Genova: 267 (385)
• 118 Savona: 100 (158)
• 118 Imperia: 94 (135)
• 118 La Spezia: 76 (118)
• 118: Lavagna: 44 (72)
• Altri fuori Regione: 16 (35)

Dati delle chiamate per Coronavirus : totali 181 (257)
64 (111) sono state trasferite alle 5 centrali 118 della Liguria
64 (84) sono state trasferite ai reperibili di igiene delle diverse ASL dicendo agli utenti di rimanere a casa, non recarsi in PS e che verranno ricontattati
60 (89) che volevano solo informazioni

L’assessore alla sanità Sonia Viale ha ricordato che “il Covid-19 è una malattia che possibilmente si cura a casa per la maggior parte dei malati che possono essere assistiti e monitorati. Il paziente si porta in terapia intensiva o in Malattie infettive solo quando serve”.

“Anche per quello accaduto ieri sera con un paziente che si è recato al pronto soccorso dell’ospedale della Spezia – ha aggiunto Viale – bisogna ricordare che non ci si deve presentare al pronto soccorso, quando si hanno i sintomi, ma chiamare il medico di medicina generale o il 112. Il test relativo al paziente 8in questione ha dato comunque esito negativo”. In questo momento – ha detto l’assessore alla sanità – Abbiamo necessità di implementare le unità di rianimazione e la necessità di trovare i luoghi per la sorveglianza attiva e c’è un lavoro da fare con la protezione civile. Fino ad oggi siamo riusciti a mitigare l’impatto dell’epidemia, mettendo in atto azioni efficaci. Per questo continua la collaborazione con i medici della medicina territoriale per supportare gli uffici di igiene. Inoltre vogliamo anche mandare un messaggio positivo agli anziani che stanno bene che sono la nostra forza e il sostegno per tante famiglie che non devono sentirsi dimenticati, rispetto al passaggio contenuto nel decreto del governo in cui li si invita a restare a casa. Col professor Palummeri abbiamo messo a punto un vademecum per invitarli a mantenere vivi gli interessi. E se possibile uscire, perché la vita all’aria aperta non è un pericolo”.

ASSUNZIONE PERSONALE

“Abbiamo dato in carico agli uffici – ha continuato Viale – di accogliere domande di assunzione. Una procedura che avevamo già deciso di portare avanti e che, alla luce dei provvedimenti nazionali, può essere maggiormente sostenuta. Inoltre stiamo lavorando anche sul rientro dalla quiescenza dei medici alla luce della decisione che Regione Liguria aveva assunto e che ora ha anche una copertura nazionale”.

MAPPATURA DEI NUCLEI TURISTICI

Il presidente Toti insieme all’assessore al turismo Berrino hanno scritto alle associazioni di categorie per chiedere la collaborazione delle strutture alberghiere e poter mappare i nuclei turistici a maggior rischio.
“Naturalmente – ha detto Toti – nessuno pretende che gli albergatori si trasformino in ufficiali di polizia giudiziaria, ma una certa collaborazione puà essere utile anche per la ricostruzione di eventuali link epidemiologici”.

Filippo Ansaldi, responsabile prevenzione di Alisa ha sottolineato “i continui cambiamenti epidemiologici e l’assunzione di un protocollo un protocollo per rendere più lineare un percorso dei pazienti a casa e garantire la loro gestione in sicurezza. Abbiamo imparato dall’ esperienza di altre regioni che il 70% dei pazienti può rimanere a casa e ci stiamo muovendo in questo senso”.

Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive del San Martino ha comunicato che “da domani sarà utilizzato un farmaco sperimentale arrivato oggi che potrà essere utilizzato sui pazienti. La situazione del San Martino raccoglie i casi più gravi con 4 persone in terapia intensiva, di cui i tre di ieri stabili e il paziente zero che sta molto meglio”. “Da questa malattia – ha detto Bassetti – si guarisce, lo vediamo anche in pazienti anziani”.
(C.S.)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2020 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XIV - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!