Home » POLITICA, PRIMO PIANO » Coronavirus. Regione. Al via progetto per gli over 65 “sconti&sicurezza”: una serie di misure per favorire gli anziani e i più fragili

Coronavirus. Regione. Al via progetto per gli over 65 “sconti&sicurezza”: una serie di misure per favorire gli anziani e i più fragili

Piattaforma informatica di Liguria Digitale per il trattamento di pazienti Covid a domicilio: sinergia tra medici di famiglia e del policlinico San Martino

Genova. “Dai dati di oggi, giovedì 12 novembre, emerge che la curva è in netta decrescita a dimostrazione che le misure prese su Genova hanno funzionato. Ora siamo alla sommità e dovremmo cominciare a scendere
contiamo di arrivare a 0.9 anche perché ci auguriamo una minore pressione dei malati. Oggi abbiamo aperto la tenda davanti all’ospedale del San martino e il saldo delle dimissioni risulta positivo
grazie anche ad altre strutture attivate. Purtroppo crescono le terapie intensive che arrivano a 109 frutto dei molti ricoverati
1472
che sono nei nostri ospedali. Ci aspettiamo che nei prossimi giorni decresca non solo il fattore RT
ma anche il numero dei ricoverati in media intensità e nelle terapie intensive. Oggi abbiamo registrato il massimo numero dei decessi che riguarda per la maggior parte persone oltre i 75 anni ai quali ci siamo rivolti con un piano per andare incontro ai soggetti più fragili. Se li avessimo protetti di più
oggi i decessi sarebbero 3 e non 31”. Lo ha detto il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti nel punto serale sul Covid.

“Per andare incontro agli anziani – ha aggiunto Toti – abbiamo finanziato i custodi sociali
i taxi e una serie di orari privilegiati per gli over 65 che possono andare a fare la spesa avendo uno sconto in alcuni periodi di non affollamento dei negozi per non incontrare altre persone”.

“A questo bisogna aggiungere l’accordo attuativo regionale siglato con i medicina generale – ha detto Toti – che prevede una serie di attività e di supporti
da quello informatico e per questo ringrazio Liguria Digitale
all’esecuzione dei tamponi rapidi attravero un sistema integrato e a un lavoro con i distretti che inizierà nelle prossime ore e successivamente si prevede anche quelli molecolari fino al percorso di presa in carico dei pazienti Covid attraverso la collaborazione con gli esperti delle malattie infettive del San Martino. Una risposta ai cittadini che aspettano a casa da tanto tempo”.

PROGETTO “SCONTI&SICUREZZA DAI 65 ANNI”.

E’ stato presentato questa sera il progetto “Sconti&Sicurezza dai 65 anni”: una serie di misure studiate per gli anziani
al fine di proteggerli e indurli ad andare a fare gli acquisti nelle fasce orarie che
in base alle tipologie di esercizi commerciali
sono quelle meno affollate. Queste sono state messe a punto su proposta di Regione Liguria e con il coordinamento della Camera di Commercio di Genova
la collaborazione del Comune di Genova
ASCOM
Confesercenti
Grande Distribuzione. Il progetto prevede un’operazione scontistica per gli over 65 dal lunedì al venerdì così ripartita:
– Nella fascia oraria 13/16 tutti i supermercati Basko liguri e tutti i discount EKOM e Conad di tutta la Liguria applicano lo sconto del 10% nei reparti di ortofrutta e pane;
– Allo stesso modo tutti i negozi di vicinato di ortofrutta regionali applicano lo sconto del 5% (quelli che aderiscono all’iniziativa avranno il marchio di adesione ‘Sconti&Sicurezza dai 65 anni’);
– Nella fascia oraria 9 – 11
sempre dal lunedì al venerdì
i mercati rionali coperti di Genova di tutte le merceologie alimentari applicheranno lo sconto di almeno il 5%. Il Comune di Genova mette a disposizione degli anziani che acquistano in queste fasce protette almeno 20 euro di spesa
un ticket per la gratuità del parcheggio di un’ora. I ticket saranno consegnati ai commercianti aderenti all’iniziativa (i banchi aderenti esporranno l’apposito marchio di adesione con la scritta ‘Sconti&Sicurezza dai 65 anni’);
Inoltre il mercato ortofrutticolo all’ingrosso di Bolzaneto prevede che nella fascia oraria tra le 10 e le 11 del mattino possano entrare solo gli over 65.

“Dopo le iniziative adottate per favorire un trasporto in sicurezza e la spesa a casa
questa è l’iniziativa che consente di incoraggiare gli spostamenti per le persone più fragili per gli acquisti dei generi alimentari in fasce protette – ha spiegato l’assessore regionale alle Politiche Sociali Ilaria Cavo – Un ringraziamento a chi ha saputo cogliere lo stimolo di Regione Liguria aderendo a questa operazione di scontistica che ha un grande valore sociale. Si parte così nell’augurio che molti esercenti grandi e piccoli possano seguire l’esempio e contribuire alla tutela dei più fragili”.

“Esprimo tutta la mi soddisfazione – ha rimarcato l’assessore regionale allo Sviluppo Economico Andrea Benveduti – per questa iniziativa bella di cooperazione tra amministrazione pubblica e tessuto economico che sono i fili della socialità e della protezione di una fascia a rischio. Una bell’esempio per il quale voglio ringraziare tutti. Solo muovendoci così riusciremo a superare questo momento difficile”.

TELECONSULTO
Parte nel territorio della Asl 3 genovese il Teleconsulto
la piattaforma informatica messa a punto da Liguria Digitale per assicurare una efficace presa in carico dei pazienti domiciliari affetti da Covid-19
grazie alla collaborazione tra medici di famiglia e specialisti del Policlinico San Martino di Genova.

Il progetto
coordinato da Regione Liguria e Liguria Digitale
mette a disposizione una sezione dedicata della piattaforma informatica di Alisa denominata Poliss: grazie a questa nuova funzionalità
condivisa e dedicata
i medici di famiglia potranno registrare i dati anamnestici dei loro pazienti e il relativo diario clinico. I dati saranno consultabili in tempo reale da un team di infettivologi del reparto di Malattie infettive dell’ospedale Policlinico San Martino
diretto dal professor Matteo Bassetti
che potranno effettuare in tempo reale l’attività di consulenza.
Il progetto consentirà
tra l’altro
di ridurre il ricorso inappropriato all’ospedale
assicurare ai pazienti domiciliari un elevato standard di assistenza fornendo
di fatto
le cure secondo i protocolli ospedalieri; in caso di necessità di ricovero ospedaliero
sarà assicurato un canale dedicato per evitare il passaggio dal Pronto soccorso.
L’iniziativa si colloca nell’ambito dell’accordo
primo in Italia
stipulato tra Regione Liguria e medici di Medicina generale per rafforzare il piano di medicina territoriale e rappresenta il consolidamento delle buone pratiche attivate durante la prima fase della epidemia nella quale
grazie alla attiva collaborazione degli infettivologi erano state predisposte e costantemente aggiornate le linee guida terapeutiche assistenziali; uno strumento importante per permettere ai medici di famiglia di assicurare la massima efficacia e uniformità delle cure su tutto il territorio della regione.

«Con questa iniziativa – spiega il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti – si va a potenziare in modo strategico la presa in carico territoriale dei pazienti Covid
con un duplice effetto: da un lato si garantisce sempre di più un monitoraggio costante e altamente qualificato delle condizioni di salute dei pazienti domiciliati
garantendo condizioni di vita migliori a tutte le persone che possono essere curate a casa
dall’altro si alleggerisce la pressione sui pronto soccorso
che in questa fase della seconda ondata si è rivelato l’aspetto più problematico dal punto di vista logistico-sanitario. Tutto questo –precisa Toti – garantendo cure appropriate e un monitoraggio costante grazie alla consulenza del reparto di Malattie infettive e al sistema informatico Poliss.
Con l’avvio del progetto – conclude Toti – si dà ulteriore corpo e sostanza all’accordo tra Regione Liguria e medici di famiglia
che da oggi sono ancora di più in prima linea nella battaglia contro il Covid. Per questo li ringrazio
come ringrazio tutti gli operatori sanitari
i medici e gli infermieri che stanno dando davvero tutto
ogni giorno
per salvare vite».

“Ci siamo messi a disposizione creando una piattaforma che è utilissima per il cittadino – ha aggiunto Enrico Castanini
amministratore unico di Liguria Digitale – Grazie a questa piattaforma si possono saltare passaggi e avere effetti diretti e il tempo che viene guadagnato puo’ far guadagnare tempo ai medici di medicina generale
anche un solo minuto in più per i pazienti è importante”.

Il segretario regionale dei medici di famiglia ha sottolineato “il momento pesante che tutti i medici stanno vivendo
con gli studi pieni. Oggi grazie a questo accordo che discende da un accordo nazionale ci siamo impegnati a fare ai pazienti i test antigenici. E’ un moddo per sgravare gli Istituti di igiene
tenendo conto che per ogni caso Covid abbiamo 10 contatti che hanno bisogno del cosiddetto tampone rapido. Noi ci siamo impegnati a farli a tutti i pazienti che hanno avuto contatti con un positivo entro dieci giorni. In Liguria ci siamo spinti oltre perché attraverso il protocollo con infettivologi per sapere cosa fare con paziente covid semplice e quali medicine dare al paziente più complicato. Grazie al supporto di Liguria Digitale che ha creato piattaforma on line dove inserire i parametri del paziente. Quando si ha bisogno di consulenza basterà cliccare sul tasto per avere un parere specialistico
lo specialista guarderà la nostra cartella e scriverà la sua consulenza. Si tratta di una cosa che un po’ ci sgrava. E si si reputa che deve essere ricoverato è inutile che passi dal pronto soccorso. Siamo partiti con l’ospedale San Martino ma siamo pronti a estendere l’accordo
sono già pronti ad aderire anche Imperia e Rapallo”.

PIANO TAMPONI RAPIDI PRESSO I MEDICI DI MEDICINA GENERALE
In base all’accordo tra Regione Liguria e i medici di medicina generale sarà il piano dei tamponi rapidi destinati ai contatti di caso
presso gli ambulatori dei medici o spazi messi a disposizione dai distretti sanitari. Sarà il sistema CUP attraverso un’apposita piattaforma denominata PIUMA a consentire al medico di famiglia di prenotare in modo automatico il numero di tamponi rapidi necessari al medico.

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PRENOTATE DIRETTAMENTE DAL MMG
La stessa piattaforma consentirà al medico di famiglia e a tutti i medici abilitati
dopo aver prescritto la prestazione
di procedere alla prenotazione in autonomia
attraverso la ricetta dematerializzata
senza che il paziente si rechi alla ASL. Una volta effettuato l’esame
se il paziente è d’accordo
il risultato verrà trasmesso direttamente al medico che lo comunicherà al paziente
senza che questo sia costretto a spostarsi nuovamente.
dandogli i suggerimenti su cosa fare.

LETTERA DI TOTI AI SINDACI

Toti ha scritto a tutti i sindaci della Liguria di valutare
proprio per incentivare la discesa della curva e dare un poco di sollievo agli ospedali
se nel fine settimana sia opportuno chiudere al transito delle perosne alcune aree delle città dove si possono determinare assembramenti. “Ogni sindaco prenderà i suoi provvedimenti – ha concluso Toti – che ritengo auspicabili”.
(C.S.)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2020 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XIV - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!