Home » LA POSTA, NEWS FUORI REGIONE » Come il primo Natale

Come il primo Natale

Come il primo Natale

Pubblichiamo volentieri gli auguri che ci ha fatto pervenire Marietta Di Sario che ha più volte parlato con noi su queste pagine. E’ una donna 67enne lucana che vive a Carpi (fa parte dell’Unitalsi Consiglio Sotto Sezione Carpi), invalida al 100% agli arti inferiori e superiori, a causa degli effetti devastanti della poliomielite che l’ha colpita quando aveva solamente quattro anni. Da allora è costretta a vivere inchiodata su una sedia a rotelle. Da sola non riesce a compiere neppure il più banale gesto. Dipende completamente, in tutto e per tutto, dagli altri come abbiamo detto altre volte.

Ecco qui di seguito quanto ci ha scritto.

“Anche Giuseppe, dalla Galilea, dalla città di Nàzaret, salì in Giudea alla città di Davide chiamata Betlemme: egli apparteneva infatti alla casa e alla famiglia di Davide. Doveva farsi censire insieme a Maria, sua sposa, che era incinta. Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio”.

Il Vangelo della notte di Natale non ha nulla di poetico, ci racconta di una famiglia che bussa invano alle porte della città di Betlemme alla ricerca di ospitalità, di una donna incinta che è costretta a partorire il suo figlio primogenito in una mangiatoia. 
Potrebbe sembrare il racconto di una storia triste ma in realtà è tra i più bei passi delle Sacre Scritture perché non ci nasconde la miseria, la paura, l’indifferenza della nostra umanità e ci ricorda che dalle macerie di una storia c’è sempre una speranza che può rinascere e questa speranza è Gesù Cristo.

È con questa certezza che i cristiani si apprestano a vivere anche il prossimo Natale. La nostra speranza è viva come la memoria di tut; te le vite spezzate dal Coronavirus, del dolore delle famiglie che hanno perso i propri cari nella solitudine, della sofferenza di chi ha non ha più un lavoro, della stanchezza dei medici e degli infermieri che hanno lottato in prima linea negli ospedali.
Oggi, come nel primo Natale, le città sono più buie e più silenziose, questo ci permetterà di scorgere più facilmente la stella cometa che ci porta a Gesù Bambino.

Oggi i nostri cuori sono più provati ma, si spera, meno distratti e più in orientati all’essenziale. Come ci ha ricordato il Papa, lo scorso marzo, in uno storico momento di preghiera, sul sagrato della Basilica di San Pietro con la piazza vuota: ”Con la tempesta, è caduto il trucco di quegli stereotipi con cui mascheravamo i nostri ‘ego’ sempre preoccupati della propria immagine; ed è rimasta scoperta, ancora una volta, quella (benedetta) appartenenza comune alla quale non possiamo sottrarci: l’appartenenza come fratelli”.

L’invito a vivere da fratelli è l’augurio più importante per questo natale 2020 e per il nuovo anno che siamo chiamati a vivere con speranza.

Nelle foto: UNITALSI; Marietta Di Sario.

Marietta Di Sario (mariettads@libero.it)

Carpi, Natale 2020

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2021 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XIV - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!