Home » GENOVA, PRIMO PIANO » Chiavari. Guardia di Finanza in discoteca: scoperti sette lavoratori in nero, maxi sanzioni

Chiavari. Guardia di Finanza in discoteca: scoperti sette lavoratori in nero, maxi sanzioni

Chiavari. Un obiettivo strategico del Corpo della Guardia di Finanza è quello del contrasto all’impiego del lavoro non regolare.

Il lavoro nero o irregolare consente al datore di lavoro di non sostenere i costi contributivi, mettendo così fuori mercato gli imprenditori onesti e distorcendo le regole della concorrenza.

In tale ambito, gli uomini della Compagnia della Guardia di Finanza di Chiavari hanno individuato 7 lavoratori in nero, intenti a svolgere la propria opera, in una nota discoteca del Levante.

Gli accertamenti, iniziati questa estate, avevano consentito l’identificazione di 37 lavoratori intenti in diverse attività lavorative (camerieri, disk-jockey, ecc.).

Per sette dei 37 lavoratori identificati, non era stata effettuata la comunicazione preventiva di instaurazione del rapporto di lavoro agli uffici competenti dell’INPS o dell’INAIL, né erano stati stipulati i contratti di assunzione, disattendendo, quindi, i prescritti obblighi contributivi in materia previdenziale ed assistenziale.

L’amministratore del locale notturno è ora stato diffidato a sanare le violazioni provvedendo anche a regolarizzare la posizione dei dipendenti in nero.

Per ciascun lavoratore in nero è applicabile una maxi-sanzione fino a 12.000 euro e di 150 euro per ciascun giorno di lavoro irregolare, per un totale di oltre 85 mila euro.

Il datore di lavoro avrà la possibilità di pagare la maxi-sanzione in misura ridotta (pari a 1.500,00 euro per ogni lavoratore e di 37,50 euro per ogni giornata in nero) solo se aderirà alla diffida per la regolarizzazione dei sette lavoratori in nero.

Dall’inizio dell’anno a oggi le Fiamme Gialle di Chiavari, in stretta collaborazione con le Brigate dipendenti di Rapallo e Riva Trigoso, hanno effettuato numerosi controlli nello specifico settore operativo, consentendo l’individuazione ed identificazione di n. 36 lavoratori in nero e/o irregolari, la maggior parte tutti di nazionalità italiana, risultati privi di qualsiasi contratto.

Anche in questi casi, i datori di lavoro non avevano effettuato la comunicazione preventiva di instaurazione del rapporto di lavoro ed avevano, quindi, totalmente disatteso i prescritti obblighi contributivi in materia previdenziale ed assistenziale.




Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!