Home » NEWS FUORI REGIONE » Cerimonia di premiazione del XVI Concorso Internazionale di poesia ‘Il Saggio’ ospite d’eccezione Vincenzo Bocciarelli

Cerimonia di premiazione del XVI Concorso Internazionale di poesia ‘Il Saggio’ ospite d’eccezione Vincenzo Bocciarelli

Eboli. Sabato 28 luglio, nella magnificenza del chiostro di S. Francesco a Eboli (del XIII secolo, rimaneggiato nel XVI, e infine ristrutturato dopo i bombardamenti dell’ultima guerra), si è svolta la cerimonia di premiazione del XVI Concorso ‘Il Saggio’, in un clima di trepidazione per i finalisti che hanno atteso il risultato finale con aria serena, complice l’atmosfera estiva, gli ospiti che si sono avvicendati sul palco, l’entusiasmo suscitato dall’evento culturale.

L’organizzazione è frutto dell’impegno e dell’attività del Centro Culturale Studi Storici, presieduta da Giuseppe Barra, recentemente insignito della nomina di Cavaliere, riconoscimento dovuto all’alto impegno dimostrato nel corso degli anni a favore della cultura e della sua divulgazione, con numerose iniziative, ogni anno, in questo ambito.

Giuseppe Barra, Alessio Scarpa, rispettivamente presidente e segretario del Premio, Cosimo Clemente, Flavia Falcone, Angela Furcas,  e altri ancora, hanno impiegato tutte le loro energie affinché  lo svolgimento delle varie fasi inerenti il concorso, fosse impeccabile.

La direzione artistica è stata affidata  a Mino Remoli.

E’ cominciata così la serata, con una folta partecipazione di pubblico e l’emozione che circolava discreta, come la brezza leggera che sapeva di mare, nel declino di un giorno che è finito in Poesia. I versi sono stati declamati dal noto attore mantovano Vincenzo Bocciarelli, ospite d’eccezione, il quale ha interpretato i testi delle poesie vincitrici, le prime tre delle quattro sezioni previste dal concorso internazionale ‘Il Saggio’.

Ha colpito la platea la voce di questo attore, ma anche il modo spontaneo e semplice di proporsi al pubblico;  alle spalle ha una carriera di tutto rispetto in ambito teatrale e cinematografico, sodalizi con personaggi come Giorgio Strehler, maestro stimatissimo, il cui nome è già sinonimo di teatro per antonomasia.

Un volto pulito di bravo ragazzo, un sorriso schietto e uno sguardo diretto, tutti pregi che derivano da un percorso artistico intenso e ricco di successi.

ll 21 di agosto verrà trasmesso da Rai movie, il film ‘La strada dei colori’, nel quale il Bocciarelli svolge il ruolo di protagonista, auguriamo una lunga e brillante carriera a questo personaggio dello spettacolo, ormai diventato molto popolare, attraverso varie interpretazioni e riconoscimenti di pubblico e critica.

Tra gli ospiti anche una  famiglia di musicisti, i Gibboni che hanno interpretato vari brani di musica in perfetta sincronia, un vero e proprio concerto con pianoforte ed archi, eccellente l’interpretazione di Vivaldi.

Maria Ronca, con la sua splendida voce, ha emozionato il pubblico presente nel chiostro di S. Francesco.

Giuseppe Barra, nell’introdurre l’attenta analisi della giuria, composta da 15 persone, ha sottolineato un particolare che ha favorevolmente impressionato la platea: tra i partecipanti al concorso, c’è stata anche l’adesione di numerosi detenuti provenienti da varie case circondariali.

Un dato di rilievo, di assoluta importanza sul piano culturale, sociale ed umano, un modo davvero positivo di sublimare la dura esperienza della detenzione con l’Arte, a dimostrazione del fatto che non esiste né limite né interdizione in grado di fermare l’estro creativo di un essere umano.

Una mediazione dunque l’Arte, in questa circostanza l’amore per la Poesia, per andare oltre, mettere le ali ad una libertà  costretta in uno spazio di tempo ‘blindato’, in cui si respira il limite..

Si può pertanto viaggiare con l’immaginario, anche quando l’errore mette davanti un semaforo rosso: anche qui la vita concede i suoi appelli, permette la partecipazione ai riti di una società che in definitiva è forse meno lontana di quanto si pensasse.

Aderire con entusiasmo ad un concorso di poesia, e aspettare il verdetto di una giuria che si ferma davanti a questi componimenti poetici, che meritano attenzione, in spiccioli può sembrare naturale desiderio di gettare un ponte tra il silenzio e la parola..

Questa giuria infine decide di premiare l’entusiasmo e l’intraprendenza dei detenuti, aggiungendo una sezione alle quattro già previste dal concorso; e questa non è cronaca consueta nell’iter dei Premi letterari. Non si tratta di superficiale buonismo, è qualcosa che va oltre, è una società che chiama gli assenti,  attraverso la condivisione di momenti importanti, dove il valore cultura assume altre proporzioni, altri significati.

Si potrebbe parlare a lungo della speciale ‘delibera’ della giuria,  ma io preferisco usare un’aggettivazione più semplice, quasi disarmante: sensibilità e lungimiranza.

Un modo originale di spezzare il filo spinato della distanza,  fare sentire  queste persone presenti, non tessere mancanti di un mosaico sociale che tende ad emarginare ‘il diverso’.


Il Premio, come già accennato, ha previsto quattro sezioni:

Versi liberi in lingua Italiana

Versi liberi in vernacolo

Poesia religiosa

la sezione giovani (dai sei ai 18 anni)-

Infine quella speciale, riservata ai 60 detenuti che erano stati in un primo momento esclusi in quanto il punteggio ottenuto dai giurati  non raggiungeva il minimo stabilito dal regolamento.

I tre vincitori di ciascuna sezione:

Sezione in lingua Italiana

1° classificata “I tuoi capelli” di Claudio Tia

2° classificata “ Carezza” di Stefania Donatella Paron

3^ classificata “ L’erta mi affascina” di Virginia Murru

Sezione poesie in vernacolo

1° classificata “El bongiorne del mer” di Elvio Grilli

2° classificata “Canzone” di Alberta Maresca

3^ classificata “Rind ‘e man” di Vincenzo La Manna

Sezione giovani

1° classificata “ Per costruire la mia strada” di Miriam Di Michele

2° classificata “Il Merlo” di Marco Lischi

3^ classificata “Creature della notte” di Adele Campagna

Sezione poesia religiosa

1° classificata “Segnali di fumo” di Cosma Alessandrini

2° classificata “Il ritratto” di Annamaria Cardillo

3^ classificata “…Quiete e fuoco” di Francesco Ruggiero.

Il Premio internazionale ‘Il Saggio’, è patrocinato dalla Presidenza della Repubblica, Consiglio dei Ministri, Camera dei deputati, Senato, Unesco, vari consigli regionali, provinciali e comunali.

Questi i nomi dei giurati:

Alfonso Raimo  – sacerdote

Angela Furcas – critica d’arte

Anna De Gennaro – musicista

Annamaria Adinolfi – insegnante di latino e greco

Carmine Pirozzi – insegnante di italiano e latino

Caterina Vigile – insegnante di biologia

Filomena De Gennaro – direttrice d’orchestra

Flavia Falcone – comunicatrice pubblica, responsabile dell’Ufficio stampa e dell’URP del Comune di Eboli

Geremia Paraggio – ex insegnante, giornalista, storico locale, direttore responsabile del mensile “Il Saggio”

Giuseppe Avigliano – libraio, poeta, direttore della casa editrice “Il Saggio”

Luca Guardabascio – regista cinematografico

Maria Granito – medico, segnalata dalla libreria “Edicolè” come grande lettrice

Ombretta Ciurnelli – ex insegnante, poetessa dialettale, vincitrice di prestigiosi premi di poesia in vernacolo

Roberto Naponiello – promotore finanziario – segnalato da Il Saggio come grande lettore

Rosa Messuti – insegnante di scuola dell’infanzia, responsabile della critica letteraria su “Il Saggio”.

La serata finale è stata dedicata a Umberto Lamanna.

Aspettiamo la prossima edizione del Premio, e siamo certi che gli organizzatori troveranno il modo per rendere indimenticabile questo importante evento culturale.
(Virginia Murru)




Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!