Home » NEWS » Celebrazioni per il 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia: i bersaglieri a Campochiesa

Celebrazioni per il 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia: i bersaglieri a Campochiesa

Albenga. Ieri, domenica 3 ottobre, nella frazione di Campochiesa di Albenga, si sono svolte le celebrazioni del 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia, iniziativa organizzata dalla Confraternita dei Disciplinanti di San Giovanni Battista, con il patrocinio di Regione Liguria e Provincia di Savona, e con il patrocinio e la collaborazione del Comune di Albenga.

 La cerimonia, svoltasi nella Piazza della Chiesa intitolata al tenente Secondo Durante (morto alle fornaci di Gorizia il 7 gennaio 1917), presso il monumento ai Caduti, ha avuto inizio alle ore 15.00, con la conduzione del cav. Andrea Bozza. Ospite d’eccezione, la fanfara dei bersaglieri “Medaglia d’Oro Aminto Caretto”, con sede nella Città di Melzo, diretta dal maestro Davide Botticino, così chiamata in onore del Comandante del 3o Reggimento Bersaglieri deceduto nella cosiddetta “battaglia di Natale”, nel 1942 sul fronte del Don.

 Erano rappresentati il Comando Militare Esercito “Liguria”, il Comando Compagnia Carabinieri di Albenga, il Nucleo Elicotteristi, il Comando Compagnia della Guardia di Finanza di Albenga, la Capitaneria di Porto di Alassio, la Polizia Municipale di Albenga. Oltre alle autorità militari, erano altresì presenti l’Assessore regionale Angelo Berlangieri, l’Assessore provinciale Pietro Santi, il sindaco di Albenga Rosy Guarnieri, il vice sindaco Roberto Schneck, gli assessori Mauro Vannucci ed Eraldo Ciangherotti, il presidente del Consiglio Comunale Massimiliano Nucera, i consiglieri Comunali Manlio Boscaglia, Roberto Tomatis, Nicola J. Podio, Enrico Bessone, Vittorio Varalli, Simona Vespo e, nella doppia veste di consigliere comunale e priore della Confraternita dei Disciplinati San Giovanni Battista di Campochiesa, il “padrone di casa” Alberto Passino.

 Alle ore 15.05 ha fatto il suo ingresso in marcia la Fanfara dei Bersaglieri, seguita successivamente dal labaro del Nastro Azzurro e dai labari delle Associazioni d’Arma, quindi dai gonfaloni della Regione Liguria e della Provincia di Savona, che si sono inseriti nello schieramento, e dal gonfalone della Città di Albenga, decorato di Medaglie d’Oro al Valore Militare. Alle ore 15.25, è stato eseguito l’inno di Mameli, che ha preceduto lo spiegamento del Tricolore.

 Quindi, alle ore 15.30, ha avuto inizio la cerimonia in onore dei Caduti. L’assessore della Regione Liguria Angelo Berlangieri, l’assessore della Provincia di Savona Pietro Santi, il sindaco della Città di Albenga Rosy Guarnieri, il comandante della Polizia Municipale di Albenga Gaetano Noè, il presidente del Comitato di Coordinamento delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma Cav. Uff. Lorenzo Campani e il priore della Confraternita dei Disciplinati San Giovanni Battista di Campochiesa Alberto Passino, scesi dal palco, hanno deposto una corona d’alloro presso il Monumento ai Caduti, successivamente accompagnati dall’esecuzione del “Riposo d’Ordinanza” da parte della Fanfara dei Bersaglieri.

 Ha successivamente preso la parola Alberto Passino, priore della Confraternita dei Disciplinati di San Giovanni Battista, che ha portato il proprio saluto ai presenti. Quindi è stata la volta del sindaco di Albenga Rosy Guarnieri. “Porto il saluto di tutta l’Amministrazione Comunale di Albenga, la quale non ha esitato un momento nel concedere la possibilità di realizzare questa manifestazione, e ha accolto con entusiasmo l’invito a partecipare”, ha dichiarato il Sindaco. “Non posso naturalmente promettere che Campochiesa possa tornare, com’era un tempo, sede comunale, ma posso di certo promettere che questa Amministrazione avrà sempre una particolare attenzione per Campochiesa. Il primo progetto che verrà riguarderà il palazzo che ospitava la sede del Comune di Campochiesa, un edificio che vogliamo riportare agli antichi splendori, dandogli una destinazione d’uso per la comunità. Ringrazio tutti i cittadini qui presenti: l’alta affluenza dimostra che queste manifestazioni sono sentite, ed è bene che Albenga continui ad ospitarle. Non bisogna mai dimenticare il passato, per poter creare un futuro migliore”.

 Al termine dei discorsi, il gonfalone della Città di Albenga, seguito dai gonfaloni della Regione Liguria e della Provincia di Savona, quindi dal labaro del Nastro Azzurro e dai labari delle associazioni d’Arma, hanno lasciato l’area della cerimonia. Una serie di marce eseguite dalla Fanfara dei Bersaglieri, molto apprezzate dal pubblico, hanno quindi sancito la fine della cerimonia.

 Terminata la cerimonia, hanno preso il via i festeggiamenti, con la “castagnata” e l’apertura di diverse cantine, nell’ambito di una iniziativa eno-gastronomica finalizzata alla raccolta fondi da destinare al restauro dell’oratorio della Natività di San Giovanni Battista in Campochiesa.

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!