Home » EVENTI » Cartelle “pazze” del Consorzio di bonifica Stornara e Tara

Cartelle “pazze” del Consorzio di bonifica Stornara e Tara

Taranto. L’esasperazione degli agricoltori ha ormai raggiunto livelli notevoli. Lo evidenzia la Cia, Confederazione Italiana Agricoltori di Taranto, a proposito delle cartelle “pazze” del Consorzio di Bonifica Stornara e Tara.

Nelle scorse settimane la Cia Puglia, insieme alle altre organizzazioni agricole, ha incontrato gli Assessori Regionali Michele Pelillo (Bilancio), Dario Stefàno (Risorse Agroalimentari), Fabiano Amati (Opere Pubbliche) e Lorenzo Nicastro (Ambiente); nel corso dell’incontro le organizzazioni hanno consegnato agli assessori copie delle cartelle esattoriali in cui si evidenzia come il costo dell’acqua per ettaro è lievitato a livelli assurdi, da euro 485,00 a circa euro 1.300,00.

La Cia rileva che dopo l’incontro delle scorse settimane, in cui gli assessori si erano impegnati a fornire una risposta sul da farsi in tempi piuttosto rapidi, ad oggi vi è un nulla di fatto.

Nel corso dell’incontro il presidente regionale della Cia Antonio Barile ha fatto rilevare che tali costi sono aumentati quasi sicuramente a causa della cattiva gestione commissariale del Consorzio Stornara e Tara che ormai va avanti da cinque anni.

Il vicepresidente della Cia di Taranto Francesco Passeri ha fatto rilevare che nella vicinissima Basilicata il costo per ettaro di acqua non supera euro 200,00, per una disponibilità di 10 mesi l’anno.

Nel comprensorio irriguo dello Stornara e Tara l’acqua viene erogata per poco più di 3 mesi l’anno ad un costo notevolmente superiore.

Peraltro, fra 10-15 giorni, con l’aumentare delle temperature, sarà necessario fornire acqua alle colture precoci.

Fino a questo momento non è dato sapere quando e se sarà avviata la stagione irrigua, ed a quali costi.

Le organizzazione agricole da oltre dieci giorni hanno chiesto al Prefetto di Taranto un incontro per sensibilizzarlo sulla questione cartelle esattoriali, ma fino a questo momento non si è svolto.

La Cia chiede un intervento tempestivo che blocchi il pagamento delle cartelle esattoriali, la cui prima rata è ormai prossima alla scadenza; in mancanza, la Cia promuoverà tutte le iniziative sindacali necessarie. Nella foto il Presidente Nazionale della Cia, Giuseppe Politi.



Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!