Home » LA POSTA » Buste raccolta differenziata e proposte del Partito Democratico di Massafra

Buste raccolta differenziata e proposte del Partito Democratico di Massafra

Riceviamo dal Circolo PD Massafra questo comunicato e pubblichiamo.

Massafra. Non è pervenuta ancora nessuna risposta e/o iniziativa da parte del Centro-destra massafrese per risolvere i  problemi ed i disagi causati ai cittadini del Centro storico per il mancato rifornimento di buste  specifiche per la raccolta differenziata.

Ricordiamo che l’utilizzo di appositi sacchetti è fondamentale per la pratica della differenziata, in  quanto non possono essere sostituti con semplici shopper o buste nere: il colore ed il materiale sono  determinanti! Per la plastica, la carta ed il secco residuo vanno utilizzati sacchetti colorati e/o  trasparenti, che consentano agli operatori il controllo visivo all’atto della raccolta; per l’organico si devono usare sacchetti di materiale biodegradabile (a base di amido di mais) che, garantendo una sufficiente resistenza meccanica, non incidano sulla produzione del compost.

A tal fine il sistema “porta a porta “ con i sacchetti risulta essere funzionale ed economico per la  raccolta della frazione differenziata e della frazione umida, a patto che, tutti i cittadini dispongano del kit specifico per la raccolta differenziata.

Alla luce di queste basilari considerazioni vogliamo ricordare al centro – destra che, atteso il suo ruolo istituzionale e politico, è ora che metta in campo azioni concrete per risolvere ed agevolare la consegna delle buste per una corretta raccolta differenziata.

Noi del Partito Democratico proponiamo per la risoluzione del problema, che l’Amministrazione Comunale si attivi a predisporre dei punti di distribuzione del kit per la raccolta differenziata presso gli uffici comunali e/o locali a disposizione del Comune, certamente più accessibili da parte dei cittadini.

Si potrebbero coinvolgere anche le attività commerciali presenti nel Centro Storico. Inoltre, si potrebbe migliorare il servizio, aumentando il numero di buste, portando la durata della fornitura fino a 6 mesi ed ancora si potrebbero installare dei distributori automatici di buste.

Le soluzioni prospettate agevolerebbero tutti i cittadini, soprattutto anziani e/o disabili e comunque cittadini che sprovvisti di un’automobile, sono impossibilitati a recarsi presso l’isola  ecologica, posta fuori dall’abitato e non si porrebbero più i problemi legati al ristretto orario di ritiro sacchetti.

In alternativa si potrebbe cambiare metodo e passare dai sacchetti ai bidoncini come avviene già nei Comuni di Statte, Laterza, Crispiano, Ginosa et c.. .

In vista di un’auspicata espansione a tutta la città della raccolta differenziata è bene che il Comune di Massafra si attrezzi subito e che non perda altro tempo, che metta al centro delle decisioni l’esigenze dei massafresi.

Continuiamo per questo a chiedere all’Amministrazione di promuovere una campagna di sensibilizzazione ecologica sulla raccolta differenziata: solo così è possibile garantire nuovamente una capillare diffusione e, cosa più importante, una maggiore consapevolezza nei cittadini!

Massafra, lì 28 maggio 2013

Circolo Partito Democratico Massafra

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!