Home » NEWS FUORI REGIONE » Barcellona Pozzo di Gotto. Il 10 febbraio, nel Giorno del Ricordo, l’Amministrazione Comunale espone bandiere a mezz’asta in memoria delle vittime delle foibe

Barcellona Pozzo di Gotto. Il 10 febbraio, nel Giorno del Ricordo, l’Amministrazione Comunale espone bandiere a mezz’asta in memoria delle vittime delle foibe

Barcellona Pozzo di Gotto. L’Amministrazione Comunale, sindaco il dott. Roberto Materia, su disposizione della Presidenza del Consiglio dei Ministri, il 10 febbraio, esporrà le bandiere a mezz’asta in segno di mesto ricordo delle vittime delle foibe per rinnovare la memoria storica ed educare le nuove generazioni ai valori della Pace, Giustizia ed Accoglienza.

Il 10 febbraio ricorre, infatti, il Giorno del Ricordo, solennità civile nazionale in memoria delle vittime delle foibe, dell’esodo giuliano-dalmata e delle vicende del confine orientale, istituito con la legge del 30 marzo 2004.n. 92.

Alla fine della seconda guerra mondiale 350.000 italiani d’Istria Fiume e Dalmazia dovettero fuggire dalla furia dell’occupazione slavo-comunista e in quegli anni almeno diecimila persone furono torturate e uccise dai partigiani jugoslavi, i “titini”. Tanti nostri connazionali (ricorda il sindaco Roberto Materia) furono uccisi con livida efferatezza, gettati – spesso ancora vivi – nelle voragini dell’altopiano carsico, le “foibe”.

E ci ha ricordato, inoltre, quanto ha testimoniato Annamaria Muiesan nella Giornata del Ricordo, il 10 febbraio 2006, presso il Politeama Rossetti di Trieste. La stessa due giorni prima, nel corso di una cerimonia vibrante e commovente al Quirinale, aveva ricevuto dal Presidente della Repubblica, insieme ad altri familiari delle vittime, una decorazione alla loro memoria. Sulla medaglia a lei consegnata, piccola nella forma, grande nel significato, è scritto: “La Repubblica Italiana ricorda Domenico Muiesan/1945”.

“Ora non sarà più consentito alla Storia (ha detto Annamaria Museian) di smarrire l’altra metà della Memoria. I nostri deportati, infoibati, fucilati, annegati o lasciati morire di stenti e malattie nei campi di concentramento jugoslavi, non sono più morti di serie B!”.

Nella foto la facciata del municipio di Barcellona Pozzo Gotto
(N.B.)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!