Home » NEWS, PRIMO PIANO » Area Studi Mediobanca: ottimo ritmo di crescita per i Servizi Pubblici genovesi negli ultimi cinque anni

Area Studi Mediobanca: ottimo ritmo di crescita per i Servizi Pubblici genovesi negli ultimi cinque anni

Area Studi Mediobanca pubblica l’indagine 2019 su “I servizi pubblici nei maggiori comuni italiani”. In particolare, lo studio esamina i bilanci di 40 società che gestiscono quattro tipologie di servizio (idrico, igiene urbana, trasporto pubblico locale o tpl e aeroportuale) nei 10 capoluoghi di regione più popolosi d’Italia.     La città di Genova conta 4 società analizzate nella ricerca dell’Area Studi Mediobanca: Iren Acqua, AMIU Genova, AMT e Aeroporto di Genova.

Il capoluogo ligure si posiziona all’ottavo posto per fatturato totale e per numero di dipendenti.

Nel 2017 il fatturato aggregato delle aziende genovesi esaminate è di €482,3 mln, in forte crescita sia rispetto al 2016 (+4,7%) che sui cinque anni (+9%). La società con i ricavi maggiori è Iren Acqua (€162,3 mln), seguita da AMIU (€155,9 mln), AMT (€137,7 mln) e Aeroporto di Genova (€26,4 mln). Dal 2013 al 2017 le società hanno cumulato un risultato netto pari a €162 mln e investimenti per €301 mln. Nel 2017 il numero di dipendenti totali è di 4.374 unità, così ripartiti: AMT 2.238, AMIU 1.652, Iren Acqua278 e Aeroporto di Genova 206.   In generale, si registra una crescita dei ricavi sia sul 2016 che sul 2013 (rispettivamente +0,7% e +6,5%). Le società di tpl possono vantare nel 2017 il maggiore fatturato (€3,1 mld); le aziende aeroportuali i maggiori utili nel quinquennio 2013-2017 (€1,6 mld) e le società idriche i più alti investimenti (€2,7 mld in cinque anni). Tra le città brillano Roma, Milano e Bologna, le cui aziende si collocano ai primi posti sia per fatturato che per utili. Il Comune di Milano (con un patrimonio netto di €1,5 mld) è l’azionista «più ricco» d’Italia, mentre HERA è la società col fatturato maggiore (€1,2 mld). Gli occupati nelle 40 società analizzate sono 76.865, con le aziende di tpl di Roma, Milano e Torino regine per numero di lavoratori. In quanto alla governance, è ancora bassa la presenza femminile (30,6%) e dei Millennials(5,9%) nei board. L’Area Studi Mediobanca presenta oggi l’indagine sui servizi pubblici nei maggiori comuni italiani nel quinquennio 2013-2017. In particolare, lo studio esamina i bilanci di 40 società che gestiscono quattro tipologie di servizio (idrico, igiene urbana, trasporto pubblico locale o tpl e aeroportuale) nei 10 capoluoghi di regione più popolosi d’Italia. L’indagine completa è disponibile per il download sul sito www.mbres.it.

Per informazioni: Fabio Micali - Via Ripamonti, 137 – 20141 Milano – Italia. Tel. +39.02.54123452 – Fax +39.02.54090230; e-mail:fabio.micali@mypr.it


Ricordiamo a tutti i lettori che ‘Ufficio Studi di Mediobanca è un centro di analisi e di ricerca specializzato. Fin dalla costituzione, Mediobanca attribuì un importante valore agli studi economici e finanziari, anche in funzione strumentale alle sue operazioni; il primo di questi (dal titolo volutamente dimesso, Indici e Dati relativi ad investimenti in azioni) fu distribuito il 29 ottobre 1947, in coincidenza con la prima assemblea degli azionisti dell’istituto. Negli anni successivi la ricerca si è sviluppata in due principali filoni: i titoli quotati in Borsa (azionari e a reddito fisso) e i bilanci delle imprese. In entrambe le aree le analisi dell’Ufficio Studi sono venute a costituire strumenti di lavoro insostituibili per un vasto pubblico di uomini di finanza, economisti, ricercatori e responsabili delle istituzioni. I lavori si distinguono per la qualità dell’informazione, la neutralità assoluta delle posizioni e l’originalità dei metodi. Le principali rilevazioni riguardano il calcolo giornaliero dei rendimenti medi delle obbligazioni e un sistema di indicatori per il mercato azionario, l’elaborazione a cadenza annuale di indici di rendimento dei titoli e la raccolta dei dati del mercato finanziario, ivi compresi quelli degli investitori istituzionali (fondi comuni e fondi pensione), e il raffronto internazionale delle Borse valori. Il Calepino dell’azionista, riservato agli azionisti e ai clienti della Banca, è una raccolta di schede di riferimento su tutte le società quotate in Italia. Nel gennaio 2000, con il Calepino on line, è iniziata la distribuzione delle opere tramite internet. Nell’area dei dati d’impresa, l’Ufficio Studi di Mediobanca pubblica annualmente dati aggregati di bilancio e riepiloghi a livello settoriale riferiti alle imprese italiane di grandi dimensioni (con serie storiche aventi inizio negli anni ’60); a questi sono state aggiunte le rilevazioni sulle medie imprese italiane condotte nell’ambito di un accordo di collaborazione con l’Unioncamere che ha portato, in fasi successive, al censimento dell’intero universo. L’edizione annuale delle Principali Società Italiane rappresenta la classifica più autorevole e completa delle imprese in tutti i settori economici, mentre i Dati Cumulativi sono tenuti come prezioso vademecum da un grande numero di imprenditori. L’Ufficio Studi si avvale di metodologie originali, sviluppate interamente in-house; esempi sono costituiti dalle nuove tecniche di ponderazione degli indici elementari, dalla creazione di nuove misurazioni del rischio degli investimenti, dall’elaborazione di schemi originali per la riclassificazione dei dati di bilancio, dalla messa a punto di rilevazioni sui nuovi fenomeni che caratterizzano lo sviluppo delle economie moderne.

Nella foto il logo dell’Area Studi Mediobanca.
(N.B.)




Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2019 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XIII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!