Home » NEWS FUORI REGIONE » Arance e clementine della Conca d’Oro conquistano, ad Innsbruck, i buyers internazionali

Arance e clementine della Conca d’Oro conquistano, ad Innsbruck, i buyers internazionali

Palagiano (Ta). Arance e clementine della Conca d’Oro in vetrina in Austria, tra sapori e profumi di Puglia, conquistano i buyers internazionali. Grazie al progetto di cooperazione internazionale Leadermed, che ha visto in sinergia i sette Gal pugliesi, ad Innsbruck, a fine novembre, in un’attività di outgoing, sono state coinvolte ben diciotto aziende del comparto agroalimentare.

Sono state selezionate sul territorio regionale, per presentare prodotti d’eccellenza della nostra terra a buyers ed operatori locali del settore, in tutto una quarantina. Un’occasione, siglata dal Gal “Colline Joniche” ed organizzata insieme alla Società Nuovo Spazio Group con sede a Bolzano e Pulsano, che è servita a valorizzare le risorse locali e creare le condizioni per un perfetto scambio tra domanda ed offerta.

Per il Gal “Luoghi del Mito”, su proposta dell’agronomo, nonché consigliere dello stesso Gal, Vincenzo Nardelli, è scesa in campo l’azienda agrumicola “Frisino” di Palagiano: “Un esempio – spiega Nardelli – di come la tradizione si sposi bene con l’innovazione, consentendo ai prodotti di qualità, in questo caso clementine Igp del Golfo di Taranto ed arance dalle diverse varietà, dalla precoce alle tardive, di affermarsi sui mercati ed essere competitivi”.

Un’azienda, la “Frisino”, a conduzione familiare, nata nel 1986, nella quale, da un anno e mezzo circa, hanno portato una ventata di innovazione i figli Francesco e Flavia, rispettivamente di 25 e 27 anni, dopo gli studi compiuti nel nord Italia e in Spagna, a Valencia: qui, il mercato agrumicolo è avanti anni luce, c’è molta ricerca a livello varietale e le aziende sono tutte organizzate in cooperative.

“Con l’innovazione – ha spiegato Francesco – vogliamo valorizzare le nostre arance e clementine e puntare sull’internalizzazione a livello di mercato. Di qui, l’importanza del test market ad Innsbruck, che ci ha permesso di far conoscere all’estero il frutto della Conca d’Oro e sottoscrivere già dei primi ordini non solo con l’Austria, ma anche con la Germania e, persino, con la Russia, relativamente, però, ad una limit edition di olio extravergine d’oliva imbottigliato”. “Una start up sulla quale abbiamo voluto scommettere – spiega Flavia”.

L’azienda “Frisino”, infatti, ha anche realizzato tre diverse collezioni di olio, da posizionare sul mercato in base al target. Per la produzione di olio, l’innovazione ha investito non solo il packaging, ma anche la lavorazione: nella macina i giri dei frangitori sono bassi, l’olio viene estratto solo a freddo e la qualità è altissima: condizione, questa, necessaria, per l’azienda “Frisino”, per affrontare il mercato in Europa.

L’auspicio di Francesco? “Che altri miei coetanei passino dall’essere contadini ad essere imprenditori agricoli. Potremo, in tal modo, metterci insieme e creare cooperative, per essere competitivi col mercato spagnolo, il cui prodotto, in termini di qualità, è di gran lunga inferiore al nostro”.

Nella foro, gli imprenditori Frisino
(Maria Florenzio)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!