Home » NEWS FUORI REGIONE » All’ATO Puglia onlus il Premio “Palio d’Argento per l’impegno sociale. Un premio Speciale a Mimino Marangi

All’ATO Puglia onlus il Premio “Palio d’Argento per l’impegno sociale. Un premio Speciale a Mimino Marangi

Massafra. Applausi su applausi. Così il pubblico ha saluto la consegna del Premio “Palio d’Argento” (opera creata dall’artista Nicola Andreace) all’ATO Puglia Onlus. Premio conferito nell’ambito del Palio della Mezzaluna dal dott. Martino Carmelo Tamburrano, in qualità di Sindaco e di Presidente pro tempore del Comitato di Patronato del citato Premio, con il contributo dei membri Prof. Cosimo Damiano Fonseca (Accademico dei Lincei), Prof. Pietro D’Alena (Università della Calabria) e prof. Ing. Andria Gregorio (Preside della Facoltà d’Ingegneria sede di Taranto).

Il premio è stato assegnato (motivazione letta dalla coordinatrice Tiziana Gentile) per la sezione “sociale” esaltando l’impegno dell’ATO e la grande valenza sociale del suo operato non solo nella nostra città ed in Puglia. Sta portando, infatti, la cultura della donazione del trapianto anche in campo europeo (ultimamente è stata a Bratislava, Praga, Cracovia, Vienna).

Da ricordare che l’ATO  Puglia Onlus è nata nel 1997 a Massafra con sede operativa nella chiesa di San Leopoldo per iniziativa di alcuni trapiantati di organi desiderosi  di testimoniare i valori della fede per il dono della vita e la gratitudine verso la società attenta ai loro problemi. Pur inserita in un contesto multi regionale, è Massafra la sede della segreteria operativa e il  centro propulsore delle varie attività che oltre a cementare i vincoli di solidarietà tra gli iscritti sollecitano attenzione delle istituzioni pubbliche sanitarie e ospedaliere a tenere in significativo risalto la specifica condizione di “nuovo sano” della persona trapiantata che necessita di essere seguita secondo un preciso piano di controllo. Massafra, come ha reso noto il presidente Giovanni Santoro, ha molti trapiantati e L’ATO, grazie al suo continuo incessante interessamento, dando tutte le informazioni indispensabili e a far raggiungere in modo veloce i centri di trapianto, ha salvato tante vite umane. Con il trapianto (ultimo trapiantato Nicola, tornato giorni fa da Modena) ai nostri giorni si può dire che la morte non è più una cosa inutile, ma si può anche considerare come punto di partenza per altre sette vite. Il presidente dell’ATO Giovanni Santoro nel ritirare il premi0 (l’ha dedicato a tutte le persone che soffrono ed in particolar modo alle famiglie dei donatori) ha voluto ringraziare il Comitato di  tutti i trapiantati presenti e tutte le associazioni di volontariato, ma anche tutte quelle persone, e sono milioni che in Italia e nel mondo operano in silenzio senza mai chiedere niente a nessuno e magari non si vedono neanche. Sono queste le persone (ha affermato) che fanno di una società la vera storia, persone che  bisognerebbe ringraziare tutti i giorni. Per l’occasione, nel rendere noto che  ha ringraziato e presentato i componenti del Consiglio direttivo  regionale da lui presieduto: Antonio Motolese, Patrizia Semeraro, Vincenzo Battista, Fernando Pizzarelli, Cosimo Albanese, Tonia Ivan, Luisa Palmitelli, Mirella Larizza e Giuseppe D’Amore.

Una delle prime trapiantate (Patrizia Semeraro) ed una delle ultime, (Rosaria Giovinazzi), hanno consegnato al presidente dell’Associazione “MassafraNostra, cav. Vincenzo Bommino, un ricordo dell’Ato con un attesto riportante anche la bandiera europea. Apprezzato il particolare ringraziamento del sindaco dott. Martino Tamburrano a Giovanni Santoro ed all’Ato Puglia, il più importante centro della cultura della donazione e non solo in Puglia (ha sedi anche a Brindisi, Foggia, Martina Franca, Orta Nova). Al ringraziamento per aver salvato tante vite umane attraverso il loro lavoro quotidiano, il sindaco ha annunciato la proposta che ATO e Comune stanno portando avanti, è cioè che si possa mettere sulla carta d’identità la “donatore”. Proposta che dovrebbe essere portata a termine entro il prossimo mese.


A sorpresa, subito dopo, un Premio speciale “Palio d’Argento” è stato assegnato al grande collaboratore dell’idea del palio e presidente dell’AGESCI Mimino Marangi (a ritirarlo è stata la figlia Marianna).


Nelle foto di Luigi Serio: consegna del premio “Palio d’Argento” a Giovanni Santoro (al centro della foto) da parte dell’assessore alla Cultura e all’Associazionismo Antonio Cerbino che vediamo tra gli applausi anche del sindaco Martino Tamburrano; consegna del premio a Mimino Marangi ritirato dalla figlia Marianna, A consegnarlo il sindaco Martino Tamburrano.
(Nino Bellinvia)


Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!