Home » EVENTI, GENOVA, PRIMO PIANO » Alessandro Cavo (Ascom): “La ‘Festa dell’Unità’ va spostata, è un tappo per i turisti”

Alessandro Cavo (Ascom): “La ‘Festa dell’Unità’ va spostata, è un tappo per i turisti”

Genova. Dopo le indiscrezioni e le smentite delle scorse settimane che mettevano in forse la Festa dell’Unità in piazza Caricamento adesso arriva anche un appello, da parte delle associazioni di categoria dei pubblici esercizi genovesi, Fiepet Confesercenti e Fepag Ascom, per bloccare l’evento è per non penalizzare i commercianti di una zona in forte difficoltà a causa di un cantiere destinato a durare oltre otto mesi creando problemi per le attività presenti.

“L’impatto del cantiere è stato fortissimo sin dai primi giorni, con un calo dei corrispettivi di oltre il 50% per gli esercizi più colpiti – spiegano i rappresentanti delle due associazioni – e con queste ricadute non è pensabile riproporre un evento come la Festa dell’Unità che mai si è integrato con le attività commerciali presenti”. Il problema, spiegano deriva dalla lunga durata dell’evento che ha sempre avuto un impatto pesante sui pubblici esercizi e, a maggior ragione, lo avrebbe quest’anno, in un’area già interessata dalla fortissima criticità rappresentata dal cantiere.

“Con i lavori a Caricamento, avere una Festa dell’Unità così ingombrante, senza la fascia di rispetto che avevamo chiesto per i dehors dei bar di Sottoripa, non è un buon biglietto da visita per la città”, accusa  Alessandro Cavo (Ascom). A inizio estate anche Confesercenti aveva puntato il dito contro la manifestazione del centrosinistra, accusata di danneggiare il turismo nella zona già gravata da un cantiere nel bel mezzo della piazza. “Questo è un tappo per i turisti - spiega Cavo – che noi vorremmo far salire sempre più verso il centro storico. Va pensata meglio dal punto di vista urbanistico”.

I rappresentanti della categoria, quindi, chiedono all’amministrazione di concordare gli interventi sul tema delle attività di somministrazione temporanee. “Servono formule che contengano i disagi e la concorrenza sleale nei confronti degli esercizi di somministrazione in sede fissa, i quali già si trovano ad essere fortemente penalizzati nello svolgimento della loro attività – concludono – e sono stati soggetti, negli ultimi anni, a fortissimi aumenti per quanto riguarda la tassazione locale, a partire dalla Tari appena recapitata”.
(Lara Calogiuri)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!