Home » NEWS, SAVONA » Albenga. Zerlottin ha riaperto la paninoteca distrutta da un incendio doloso

Albenga. Zerlottin ha riaperto la paninoteca distrutta da un incendio doloso

Albenga. “Questa apertura – dice Beppe Zerlotin – è un segnale per la città. Spero infatti che il senso civico ed il desiderio di vivere serenamente nella nostra bella Riviera possano avere la meglio sulla volgarità e la violenza che hanno caratterizzato fino ad ora gli anni che stiamo vivendo, anche a livello locale”.

È con questo auspicio che, cinque mesi dopo l’incendio doloso che ne aveva distrutto il locale, “Beppe” ha salutato la riapertura del suo tradizionale chiosco di panini tra piazza del Popolo e piazza Petrarca ad Albenga. Alla inaugurazione c’era una piccola folla di amici e sostenitori, fra cui spiccavano gli “Amici di Carruggi”.  “ La riapertura del piccolo locale di Zerlottin, punto di riferimento della vita notturna albenganese – dice Gino Rapa, uno dei più attivi Fieui di carruggi- è stata possibile grazie all’interessamento dell’autore televisivo Antonio Ricci che ieri a mezzogiorno è venuto proprio di persona a fare i complimenti e gli auguri  a Beppe”. Ma oltre agli Amici di Carruggi ed a Ricci la paninoteca è stata riaperta grazie anche alla raccolta di denaro che ha visto la collaborazione del Pd, di tanti cittadini, di alcuni  professionisti albenganesi (che hanno voluto restare nell’anonimato) e di un gruppo di carcerati . Il loro lavoro è stato coordinato dalla cooperativa “La Galeotta”: i detenuti hanno realizzato interamente gli infissi del chiosco.

Zerlottin è una figura molto nota ed amata nel comprensorio albenganese: grande amico e sostenitore del “Re rosso di Albenga”, Angioletto Viveri, ha sempre partecipato con passione ed attivamente alla vita politica e sociale ingauna. La sua vita ha subito una brusca frenata nel 2005 quando ha perso l’adorato figlio Emiliano, giovane carabiniere, deceduto in un fatale  incidente stradale a Lusignano. Dal 2007 poi, quando venne aggredito da un immigrato extracomunitario, Zerlottin è divenuto in città il paladino  del recupero del centro storico e del rilancio delle tradizioni culturali ingaune, senza però tralasciare il riappropriarsi del territorio e della vita notturna albenganese.  “Sono felice – ha detto Zerlottin – per le tante dimostrazioni di affetto e di stima. Devo ringraziare tutte le persone che mi hanno aiutato. Senza il loro aiuto non avrei potuto ricominciare. Grazie di cuore a tutti”.
 (Claudio Almanzi)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!