Home » NEWS, SAVONA » Albenga, targa ciclomotori, scattate le prime sanzioni

Albenga, targa ciclomotori, scattate le prime sanzioni

Albenga. Prime sanzioni per i ciclomotori senza targa ad Albenga. A partire dallo scorso 14 febbraio, è in vigore l’obbligo, per i ciclomotori, l’obbligo di sostituire il contrassegno di identificazione con la targa e il certificato di idoneità con il certificato di circolazione. Nei giorni scorsi, in seguito a controlli di polizia stradale da parte della Polizia Municipale di Albenga, sono scattate alcune sanzioni a carico di conducenti di ciclomotori che non hanno provveduto ad effettuare la richiesta installazione della targa: a farne le spese, un cittadino residente ad Ortovero ed un cittadino albenganese.

Sono partite le prime sanzioni per i ciclomotori senza targa da parte della polizia municipale di Albenga. In seguito a controlli di polizia stradale sono  scattate alcune sanzioni a carico di conducenti di ciclomotori che non hanno provveduto all’installazione della targa. A farne le spese un cittadino residente a Ortovero di nazionalità marocchina ed un cittadino albenganese.

“Tale disposizione è prevista dal Decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti del 2 Febbraio 2011, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 76 del 2 Aprile 2011”, spiega Gaetano Noé, comandante della Polizia Municipale di Albenga, “che ha fissato un dettagliato calendario secondo quanto previsto dall’art. 14 della legge n. 120 del 29 luglio 2010, che ha disposto che i ciclomotori non in possesso della targa e del certificato di circolazione devono conseguirli secondo una tempistica da definire con un decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti”.

“Inoltre”, nota ancora, “decorsi diciotto mesi dal 13 Agosto, data di entrata in vigore della legge n. 120/2010, chiunque circolerà con un ciclomotore non regolarizzato, privo di targa e certificato di circolazione, sarà soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria da 389 a 1.559 euro. Il 29 Dicembre 2010, il Dipartimento del Tesoro del Ministero dell’Economia e delle Finanze ha autorizzato la fornitura delle targhe: conseguentemente, il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti con il decreto del 2 febbraio 2011 ha finalmente definito la tempistica per completare la regolarizzazione dei ciclomotori già immessi in circolazione prima del 14 luglio 2006”.

“Le scadenze sono state dilazionate per razionalizzare la gestione delle richieste da parte degli uffici competenti. Entro 60 giorni dal 2 aprile 2011 – data di pubblicazione del decreto ministeriale sulla Gazzetta Ufficiale – dovranno essere muniti di targa e certificato di circolazione i ciclomotori il cui contrassegno ha come primo numero “0”, “1” o “2”, entro 120 giorni se il primo numero è “3”, “4” o “5”, entro 180 giorni se il primo numero è “6”, “7” o “8” ed entro 240 giorni, comunque entro il 12 febbraio 2012, se la sequenza numerica del targhino inizia con “9” e la sequenza alfanumerica con “A”. Dal 13 febbraio 2012 non si potrà più circolare con il vecchio contrassegno e con il certificato di idoneità tecnica; per i trasgressori scatterà la sanzione pecuniaria da 389 a 1.559 euro”, conclude il comandante della Polizia Municipale Noé.

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!