Home » SAVONA, SPETTACOLO » Albenga. Esordio col botto per la rassegna di teatro dialettale di San Giorgio

Albenga. Esordio col botto per la rassegna di teatro dialettale di San Giorgio

Albenga.  Grande successo per lo spettacolo di apertura della 21ᵃ rassegna di teatro dialettale a San Giorgio. Nel salone parrocchiale “Don Pelle” è stata la famosa Compagnia “San Fruttuoso” una delle più antiche e prestigiose compagnie del teatro dialettale genovese, capitanata da Giorgio Oddone, ad aprire il cartellone con “47, o mortu ch’o parla”.

I divertenti tre atti di Enrico Scaravelli, con la regia di Daniele Pellegrino, sono stati rappresentati con bravura e la compagnia, applauditissima, è stata presentata con maestria dalla perfetta padrona di casa, Silvia Bazzano, figlia dell’ideatore della rassegna teatrale di San Giorgio, Elmo Bazzano. Grande la soddisfazione alla fine per il presidente del comitato San Giorgio di Albenga, Alessandro Alessandri che ci ha anche elencato e presentato le prossime commedie in programma.

Sabato 16 novembre in scena ci sarà la Compagnia “I Villezzanti” che presenteranno la commedia in tre atti di Ugo Palmerini: “ O Barbe de Sozeia”. La regia sarà di Anna Nicora.

Il 23 novembre sarà la volta di : “Moae seguaa…poae incertu” una divertente commedia in tre atti di Stefano Palmucci, con la regia di Maurizio Silvestri, messa in scena dalla “Compagnia Sopra il palco”.

Infine il 30 novembre, a chiudere la rassegna teatrale di San Giorgio, sarà la Compagnia SAD che presenterà “Chi dice donna dice danno” di J. Tell. La regia sarà di Bruno Peytrignet.
(Claudio Almanzi)


Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

LEGA DEL FILO D’ORO

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2019 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XIII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!