Home » GENOVA, PRIMO PIANO, SAVONA » Alassio, Residence San Rocco: Marco Melgrati ancora una volta esce indenne con la Magistratura

Alassio, Residence San Rocco: Marco Melgrati ancora una volta esce indenne con la Magistratura

Genova. Oggi la Corte di Appello di Genova ha disposto l’assoluzione in relazione al reato contestato all’architetto Marco Melgrati di concorso in lottizzazione abusiva con particolare riferimento alla tempistica di ogni attività relativamente al cantiere interessato (residence San Rocco di Alassio)  da parte dell’architetto Melgrati quale professionista al tempo direttore dei lavori. Infatti Melgrati si era dimesso tempestivamente nel dicembre 2004 non appena venuto a conoscenza dell’intenzione dell’imprenditore Isidoro Meraviglia di aderire ad una legge dello Stato in condono edilizio, per chiedere il cambio di destinazione d’uso (senza opere) da residence alberghiero, RTA a civile abitazione per gli alloggi già esistenti, se pur con uso residence. Parzialmente assolto anche il geometra Silvio Dotta.

“Avrei preferito l’assoluzione con formula piena non legata alla tempistica del presunto reato che non ho commesso – dichiara il consigliere regionale Marco Melgrati – Infatti quando sono venuto a conoscenza dell’intenzione dell’imprenditore di aderire al condono edilizio seppure senza opere, avevo subito rassegnato le dimissioni, ancora prima che Meraviglia presentasse il condono edilizio”.

“Personalmente – continua il consigliere regionale del Pdl – sono convinto e persuaso che non esista questo reato di lottizzazione abusiva, al limite la Procura avrebbe potuto contestare la validità del condono edilizio. Oggi per il combinato disposto dell’articolato della Legge regionale n.1/2008 coordinato con la Legge regionale 2/2008, detta Legge Ruggeri sugli Alberghi, di fatto i residence sono svincolati dal vincolo alberghiero. Dal febbraio 2008, per effetto di queste due leggi regionali, il residence San Rocco avrebbe potuto chiedere “normalmente” il cambio di destinazione d’uso in alloggi, e ottenerlo, addirittura con un D.I.A., perché per effetto della legge regionale quello che era un cambio di destinazione d’suo da albergo ad alloggi è diventato un mero frazionamento di un unità immobiliare in più unità, con il pagamento di circa 70 Euro al metro quadrato, e l’obbligo di un posto auto per ogni unità immobiliare derivata dal frazionamento”.

Marco Melgrati conclude: “Chiederò ai miei legali di ricorrere in Cassazione, nonostante l’intervenuta assoluzione per termini, perché ritengo di pretendere e meritare una assoluzione piena per non aver commesso il fatto; lo stesso dicasi per il geometra Silvio Dotta, che si è visto assolvere per uno dei reati contestati. ritengo Dotta assolutamente innocente perché chiamato dall’imprenditore a certificare a catasto uno stato di fatto, che esisteva, già da prima del condono, e cioè gli alloggi esistenti. Anche per Dotta sono sicuro che la Cassazione non potrà che riformare questa sentenza, che peraltro ha già ridimensionato la sentenza del Tribunale di Savona, dove avevo incredibilmente subito una condanna per un reato già in allora prescritto”.


Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!