Home » CULTURA » Al Teatro Comunale di Massafra si parla di Cristina Trivulzio di Belgioioso

Al Teatro Comunale di Massafra si parla di Cristina Trivulzio di Belgioioso

Massafra. Importante serata nell’ambito dei 150 dell’Unità d’Italia. Presso il Teatro Comunale di Massafra, venerdì, 15 aprile (ore 18.30), la prof.ssa Jolanda Leccese, terrà una relazione incentrata su Cristina Trivuulzio di Belgioso (Principessa italiana, Grande Dama de la rue d’Aniou, patriota del Risorgimento). La serata è organizza dall’Alliance Francaise di Taranto con il Comune di Massafra, la Fidapa, e la Consulta delle Associazioni di Massafra. Ricordiamo ai lettori che Cristina Trivulzio di Belgioiso è stata una delle tante donne che hanno contribuito a realizzare l’unita della nostra nazione. Una dama dal cuore d’oro e dall’indubbio coraggio. Era una nobildonna milanese vissuta nella prima metà dell’ottocento, quando Milano era sotto il dominio austriaco e l’Italia Unita non rappresentava che un “sogno” per molti patrioti. La Contessa di Belgiojoso è stata una vera e propria protagonista del Risorgimento, finanziando  insurrezioni e partecipando attivamente alle varie ribellioni susseguitesi nei moti pre-unitari, dalle Cinque giornate di Milano alla Repubblica Romana. E’ stata anche una riformatrice sociale, ha usato le sue ricchezze per realizzare asili e scuole per i figli dei contadini lombardi. Scrittrice, fondò anche due giornali.Concluderà la serata il “Coro adulti” della Scuola Media “Niccolò Andria” di Massafra.
 (N.B.)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!