Home » NEWS FUORI REGIONE » 6 dicembre: festa di San Nicola. Inizia il periodo natalizio

6 dicembre: festa di San Nicola. Inizia il periodo natalizio

Massafra. Il 6 dicembre la Chiesa celebra la festa di San Nicola, primo vero passo verso il Natale. Il suo culto è il più esteso dopo quelli della Beata Vergine Maria e di Gesù : è un valore di tante comunità pugliesi; dell’Italia Meridionale (ma anche Settentrionale); del Nuovo Continente; dell’Europa mediterranea, orientale e del Nord (si pensi alla Grecia, alla Russia, ai Paesi scandinavi, …).

San Nicola, che nel mondo slavo è chiamato Mikula (assimilandolo allora a San Michele Arcangelo), nacque a Pàtara ed intorno al 300 d. C., sotto Diocleziano, divenne Vescovo di Myra nell’attuale Turchia; ricco di famiglia, aveva in grande considerazione le condizioni del suo prossimo più delle proprie, come dimostrano numerosi episodi della sua vita. Tra i più rilevanti ve ne sono due in particolare : un giorno Nicola introdusse nella casa di un pover’uomo padre di tre figlie altrettanti sacchetti colmi di monete d’oro, affinché queste potessero avere una dote sufficiente per il matrimonio. In un’altra occasione chiamò i sacerdoti della sua regione per farli andare in giro con dei sacchi contenenti regali da distribuire ai bambini.

E’ così che prese corpo la figura di Babbo Natale, che dalla tradizione olandese si è poi diffusa in tutto il mondo (il nome “nederlandese” del Santo è Sinter Klass che importato negli Stati Uniti è diventato Santa Claus).

Come detto nell’incipit, il culto di San Nicola è profondamente sentito in Puglia ed il legame con la nostra regione è sigillato dalla presenza delle sue reliquie a Bari. Nel 1087 alcuni marinai partirono alla volta di Myra per impossessarsi delle sue spoglie, la loro missione fu coronata da successo ed il 9 maggio fecero ritorno salutati dall’esultanza della popolazione. In seguito venne eretta la Basilica in cui Nicola riposa da allora, a suggello di una leggenda secondo la quale egli stesso, di passaggio a Bari per un viaggio a Roma, avrebbe scelto la città a tal fine.

Proprio a memoria della traslazione dei resti mortali di San Nicola, nel capoluogo di regione si festeggia anche la data del 9 maggio, e lo stesso accade in Russia.

Ormai San Nicola è universalmente detto di Bari, tanto che per molti è San Nicóla, pronunciato con la <<o>> chiusa tipica della parlata barese, come simpaticamente affermato da Luciano De Crescenzo nel suo libro Tutti Santi me compreso.

A Massafra si può considerare la chiesa rupestre della Candelora, in cui sono presenti due affreschi raffiguranti San Nicola da Bari : il primo con un frammento d’iscrizione <N(I)COLA …>, mentre il secondo <SCS NICOLAUS>.

La Basilica barese è meta di numerosi pellegrinaggi a testimonianza del profondo affetto della gente nei confronti del Santo. Tutto ciò consente di affermare che il significato del suo nome (derivante dal greco <<Νικόλαος>>, latinizzato in <<Nicolaus>>) risponde alla sua fama, Nicola infatti può essere considerato un <<vincitore del popolo>>.

Nella foto : chiesa rupestre di San Nicola a Mottola (TA)
(Nicola Fabio Assi)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!