Home » NEWS FUORI REGIONE » 50 anni di attività artistica del Maestro Giuseppe Messina. Un evento straordinario iniziato presso il Nuovo Teatro Mandanici di Barcellona Pozzo di Gotto

50 anni di attività artistica del Maestro Giuseppe Messina. Un evento straordinario iniziato presso il Nuovo Teatro Mandanici di Barcellona Pozzo di Gotto

Barcellona Pozzo di Gotto racconta i 50 anni di attività dell’artista Giuseppe Messina con una triplice mostra di scultura, pittura e grafica, organizzata dal “Movimento per la Divulgazione Culturale”  con il patrocinio della locale Amministrazione Comunale e dell’Università degli studi di Messina, e di cui si parla anche in diversi paesi stranieri (Inghilterra, Argentina,…).

L’inaugurazione, lo scorso 28 gennaio, nel nuovo importante teatro dedicato al musicista barcellonese della prima metà dell’ottocento, Placido Mandanici. Taglio del nastro dell’assessore alla Cultura Ilenia Torre e della scrittrice Graziella Lo Vano. Ai lati il Maestro Giuseppe Messina e il sindaco Roberto Materia. Presenti alcuni componenti del “Comitato d’Onore” e tante altre persone del mondo della cultura. Tutti si sono subito trovati di fronte quatto grandi opere pittoriche di metri 3 X 2 montate su ruote (da destra verso sinistra: “Dio ormai ha deciso di salvare Barabba”, “Natura rigogliosa”, “Sicilia Violentata” e “Monumento a Cerere dea della fertilità”), a una tela di cm 150 X 100 (“Monumento all’acqua”); una “Testa muliebre” in ossidiana; una composizione di bronzo (“Nave con Ulisse contro Scilla”) e l’opera “Mezzobusto nudo di donna allo specchio”.

Nel foyer teatrale ha avuto luogo una vera e propria conferenza, coordinata da Maria Torre, vice presidente del “Movimento per la Divulgazione Culturale”. La stessa Torre, biografa dell’artista, ha messo in risalto la figura di un artista dalle molteplici sfaccettature e interessi (pittura, scultura, poesia, letteratura, cinema, teatro,…), ritornato in Sicilia alla fine degli anni ’70, dopo diversi anni trascorsi a Roma a contatto con esponenti del mondo dell’arte e della cultura.

Uno dopo l’altro sono interventi in tanti. Il sindaco Roberto Materia si è detto contento della grande serata artistico-culturale con l’esposizione nel nuovo Teatro Mandanici delle opere di un barcellonese il cui percorso artista non ha mai deluso le attese di chi ama la cultura.

L’assessore alla Cultura Ilenia Torre e l’assessore ai Grandi Eventi Gianluca Sidoti hanno avuto parole di elogio nei confronti non solo del Maestro Giuseppe Messina, ma nei confronti del comitato d’onore e di tutti quelli che si sono prodigati per la riuscita dell’evento. Di seguito sono intervenuti, portando la propria testimonianza e manifestando affetto e ammirazione: Andrea Italiano (presidente Pro Loco “Alessandro Manganaro”), ha anche portato i saluti dell’editore Pierangelo Giambra della “Giambra Editori” di Terme Vigliatore; Francesco Cardile (presidente di “Messina Oggi”); Caterina Barresi (presidente Associazione “FilicusArte di Milazzo”), ha conferito una targa ricordo al maestro); Rosario Fodale (presidente “Messina web”), Teresa Rizzo (presidente Accademia “Amici della Sapienza”). L’artista milazzese Nino Pracanica ha letto una sua poesia dedicata al Maestro.

Maria Torre ha, quindi, conferito un suo particolare dono al Maestro Giuseppe Messina e subito dopo ha presentato il “Duo Paganini” (Giuseppe Fabio Lisanti e Alessandro Monteleone), che ha eseguito alcuni applauditi brani classici per chitarra e violino. Lisanti e Monteleone sono due stimatissimi maestri che da più di venti anni accompagnano l’artista Giuseppe Messina lungo il suo viaggio culturale, artista che si è detto (come da intervista rilasciata a Enzo Brigandì) “veramente onorato di averli come amici così affettuosi, generosi, disponibili e ricchi di quell’umiltà che per tante persone sembra un elemento in estinzione”.

L’intervento finale è stato quello del Maestro Messina che ha voluto sfatare il detto “Nemo profeta in patria”. Ha fra l’altro detto, infatti, che bisogna smettere di aspettare che il profeta venga da fuori, ma che invece bisogna avere fiducia nei nostri giovani, nei nostri artisti che certamente potranno dare il contributo alla crescita dell’ambiente dove sono nati. E, in conclusione, dopo aver ringraziato tutti quelli che hanno permesso, voluto e organizzato “questo straordinario evento” ha letto il testo della lettera di auguri pervenutagli dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Le opere in esposizioni (sculture, tele, grafiche) si possono visitare dal lunedì al venerdì dalle ore 08,30 alle 13,00 e il martedì e il giovedì anche di pomeriggio, dalle ore 15,30 alle 18,30 fino all’otto febbraio. Alcune di queste opere, e altre, dall’11 al 28 febbraio saranno esposte presso la Galleria “Seme d’Arancia”. Infine, dal 1° al 31 marzo, le opere dell’artista, quelle di piccole dimensioni, saranno esposte presso il “Villino Liberty” di via Roma.

Ricercato il catalogo con le foto delle opere, i testi critici e le testimonianze.

Nel collage (foto di Davide Gitto e Paolo Salleo): momento del taglio del nastro con, da  dx: il sindaco Materia, la scrittrice Lo Vano, l’assessore alla Cultura Torre e l’artista Messina; momento dell’intervento dell’assessore ai Grandi Eventi, Gianluca Sidoti; alcune delle opere in esposizione.
(Nino Bellinvia)


Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!