Home » ARTE, SAVONA » “Mauro garibaldino (per caso)” con Mauro Pirovano e i Liguriani venerdì 18 al Teatro Gassman

“Mauro garibaldino (per caso)” con Mauro Pirovano e i Liguriani venerdì 18 al Teatro Gassman

Borgio Verezzi. Anteprima della stagione di prosa organizzata dal Comune di Borgio Verezzi, venerdì 18 novembre al Cinema Teatro Vittorio Gassman. In cartellone “Mauro garibaldino (per caso)”, evento teatral-musicale con Mauro Pirovano, già componente dei Broncoviz e protagonista di molte fiction tv, e il gruppo musicale dei Liguriani (ore 21, ingresso libero).

Nel corso della serata sarà presentata la stagione di prosa “I Venerdì del Gassman”, che dal 16 dicembre 2011 al 13 aprile 2012 proporrà otto spettacoli mai rappresentati in provincia di Savona, programmati sempre il venerdì e prodotti da alcune delle più importanti compagnie della Liguria. Il programma è stato messo a punto da Stefano Delfino, direttore artistico del Festival che da 45 anni porta ogni estate a Borgio Verezzi il meglio del teatro italiano.

“Mauro garibaldino (per caso)” è un divertente omaggio a chi ha unito l’Italia, un’allegra incursione tra alcuni “Padri del Risorgimento”, per una volta deposti dal piedistallo e raccontati nella loro quotidianità, fatta di vizi e di virtù, da Mauro, un popolano diventato amico di Garibaldi per puro caso. Il tutto accompagnato da canti e musiche risorgimentali arrangiati dai Liguriani. Lo spettacolo è promosso dalla Regione Liguria, dalla Provincia di Savona e dal Comune di Borgio Verezzi nell’ambito della rassegna regionale “Insieme in Liguria” ed è stato inserito dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri nel cartellone ufficiale delle manifestazioni per il 150° dell’Unità d’Italia.

La serata costituirà il prologo della stagione invernale di prosa, che torna al Gassman dopo tre anni di assenza con un cartellone che, seppur diverso da quello del festival estivo, ad esso si lega attraverso la presenza di alcuni dei suoi più recenti protagonisti: Pino Petruzzelli, Salvatore Rancatore, Antonio Zavatteri e i registi Matteo Tarasco e Laura Sicignano.

Ad alzare il sipario sarà il 16 dicembre “Io sono il mio lavoro (Storie di uomini e di vini)” di e con Pino Petruzzelli del Centro Teatro Ipotesi di Genova, spettacolo che sarà preceduto da una degustazione di vini dell’azienda BioVio di Albenga. Il 6 gennaio sarà la volta della “Guerra di Klamm” di Kai Hensel, produzione del Teatro Stabile di Genova – Compagnia Gank interpretata da Antonio Zavatteri per la regia di Filippo Dini.  Venerdì 20 gennaio il Teatro Instabile di Imperia presenterà “Finale di partita” di Beckett, mentre il  10 febbraio la Compagnia Salamander di Savona sarà  al Gassman con il thriller “Turno di notte”.

Il  24 febbraio andrà in scena l’unico spettacolo non ligure della stagione: “Prigioniero di me stesso”, ricavato dai diari di un  giovane austico, Birger Sellin, prodotto da Arte e Spettacolo Domovoj di Roma e interpretato da Salvatore Rancatore per la regia di Matteo Tarasco.

La Fondazione Luzzati – Teatro della Tosse di Genova farà tappa due volte a Borgio: il 9 marzo con “Box 3D”, testo comico sulle dipendenze dell’uomo moderno (internet, l’i-phone, il cellulare, lo shopping) portato in scena da Alessandro Bergallo per la regia di Emanuele Conte,  e il 23 marzo con “Idiota, un tradimento”, tratto da “L’idiota” di Dostoevskij con Enrico Campanati e la regia di Carmen Giordano.

Conclusione il 13 aprile con “La Strega”, trasposizione del romanzo “La chimera” di Sebastiano Vassalli prodotta dal Teatro Cargo di Genova con Fiammetta Bellone e la regia di Laura Sicignano.

Biglietto unico : €. 15,00 Abbonamento a 8 spettacoli €. 104,00 (€. 13,00 per spettacolo).

Per informazioni e prenotazioni: Tel. 019.6185543, lunedì – venerdì dalle 10 alle 12, biglietteria@comuneborgioverezzi.it.

La stagione invernale del Teatro Gassman è organizzata dal Comune di Borgio Verezzi e sostenuta dalla Banca di Credito Cooperativo di Pianfei e Rocca de’ Baldi.

Fra l’altro, ospite della serata inaugurale del 18 novembre sarà lo staff dell’agriturismo “Da Caxetta” di Borgio Verezzi, vincitore ad oggi di quattro sfide consecutive alla trasmissione “La Prova del Cuoco” di Rai Uno.

“Mauro garibaldino (per caso)”

Il 4 febbraio del 1834, a Genova, un giovane ricercato come sovversivo sfugge all’arresto rifugiandosi nella bottega di Natalina Pozzo, la besagnina di piazza Sarzano. In quella bottega, un bimbo di sei anni, Giovanni Battista, figlio della Natalina, salvando la vita al “sovversivo” Giuseppe Garibaldi cambierà la storia d’Italia. Vent’anni dopo il Generale si ripresenta in quella bottega e, da quel momento, nasce una profonda amicizia con quel bimbo ormai diventato uomo. Il mite Giovanni Battista, pacifista, ipocondriaco e superstizioso, ribattezzato con il nome di battaglia di “Mauro”, diventa quindi testimone della vita avventurosa dell’Eroe dei due Mondi. I canti dell’epoca risorgimentale (arrangiati dai Liguriani) accompagnano le parole del protagonista, che passa dalla descrizione di  New York, così come lui ingenuamente l’immagina, al ritratto, insolito e personalissimo, di Peppino Garibaldi: dalla quotidianità di Caprera ai travagliati amori, dall’antipatia per Cavour al dolore per la cessione di Nizza alla Francia.


Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2018 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XII - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!