Home » MUSICA, PRIMO PIANO » “Il Re del Gancio”. Il format radio ideato e condotto da Giancarlo Passarella continua a proporre con successo giovani e big di ieri e di oggi

“Il Re del Gancio”. Il format radio ideato e condotto da Giancarlo Passarella continua a proporre con successo giovani e big di ieri e di oggi

Firenze. Il format radio “Il Re del Gancio”, ideato e condotto dal super Giancarlo Passarella (e dallo stesso autoprodotto), prosegue di settimana in settimana a proporre con successo giovani artisti (senza chiedere loro di pagare alcun contributo) accanto ai big italiani e stranieri. Il format radio è una striscia, di dieci minuti, originale e propositiva, messa in programmazione dalle emittenti radiofoniche (sono oltre cento e il numero aumenta di giorno in giorno…) che ne han fatta richiesta e alle quali è spedito gratuitamente. Uno show, “Il Re del Gancio”, che si è rivelato di grande aiuto per le piccole radio che faticano a rimanere vive! Non c’è dubbio, Giancarlo Passarella e il suo team, fanno proprio servizio pubblico come la Rai. Ricordiamo che, storicamente, Passarella è stato il primo talent scout radiofonico (nel biennio 1986/87 a Rai Stereo Uno programmava brani tratti da demo su cassetta, scoprendo Ligabue, Bandabardò, Irene Grandi…). Rientrato dal Festival di Sanremo non ha perso tempo per preparare domenica 23 febbraio le prossime puntate che si possono ascoltare dal 24 al 28 febbraio 2014.


Lunedì 24 febbraio il primo brano che Giancarlo ci fa ascoltare è “Move closer”. E’  del cantante ed attore gallese Tom Jones, ovvero Sir Thomas Jones Woodward, nato a il 7 giugno 1940 a Pontypridd. Siamo nel 1989, nel momento più soul di Tom Jones. Alcune volte stare con la persona amata è vivere un sogno in diretta, pieno di brividi: “…When we’re together / Touching each other / And our bodies / Do what we feel…”.  Ricordiamo che oltre ad aver fatto parte del cast di alcune serie televisive, ha interpretato se stesso in alcuni film (“Mars Attacks! “di Tim Burton (1996) e in alcune serie televisive, come “Willy, il principe di Bel Air” e “I Simpson”), e in alcune serie televisive, come This Is Tom Jones. Ventotto gli album pubblicati. Il più recente è del 2012 e s’intitola “Spirit in the Room”.

Il secondo brano, intitolato “Brutti sogni” è dei Willow di Lecco. E’ tratto dal disco del 2007 intitolato “Perdita del Tempo”, che propone una band matura e dedica al progressive dei padri come Le Orme, Il Balletto di Bronzo e Biglietto per l’Inferno: siamo in attesa da mesi del nuovo progetto discografico. La band si è formata nel 2001. Ne fanno parte: Massimiliano “Massy Anfuso” (chitarra e voce); Giovanni “Joey” Galimberti (basso e cori); Fabrizio “Fà” Minichini (tastiere) e Dario Aliotta (batteria).

Martedì 25 febbraio apertura con il brano “Rotolando verso Sud” dei Negrita. E’ il terzo singolo estratto da “L’uomo sogna di volare”, il sesto album della rock band aretina. Siamo nel 2005 e giunge voce che i Negrita se la stiano spassando a Rio de Janeiro e sulle spiagge brasiliane. Quando viene pubblicato questo brano, la sensazione è forte, ma la conferma arriva nel vedere il relativo videoclip. “Negrita live” (2012) è l’ultimo album +DVD.

Secondo brano è “Da Sud a Sud” del gruppo reggae napoletano Jovine, nato nel 1998 da un’idea del cantante, autore e compositore Valerio Jovine e del fratello Massimo, noto come JRM della band partenopea dei 99 Posse. Dal vecchio cd “Senza Limiti” (pubblicato per Rai Trade) questo brano che consegna il progetto Jovine alla ribalta nazionale, dopo diverse esperienze, tra cui Passarella segnala il concerto di spalla nel 1999 ai Simple Minds. Da ricordare che gli Jovine sono autori e interpreti della popolare canzone “O’Reggae ‘e Maradona”.

Primo brano di mercoledì 26 febbraio è “Lay your Hands on Me” dei Bon Jovi. Con oltre 100 milioni di dischi i Bon Jovi (guidati da Giovanni Bongiovanni, naturalizzato americano con il nome di John Frances Bongiovi) sono la storia del rock. Passarella ci fa ascoltare “Lay Your Hands on Me” in una rara versione live … Il nuovo brano dei Bon Jovi è acquistabile anche in Italia in formato digitale da iTunes. “Because We Can” è il primo singolo estratto dall’album, di prossima uscita, “What About Now”, atteso per la prossima primavera.

Secondo brano: “Soffio leggero” del gruppo pugliese URoss (è di di Monopoli). La loro è una musica terapeutica, ma Giuseppe Giannuzzi è anche un poeta. Come URoss & gli Anartisti (progetto rockautorale) nel 2010 hanno pubblicato l’album “29 febbraio – Lo squilibrista” con 11 brani: “Amaro”, “L’Urlo”, “Psychoman”, “La canzone di Natale(anche quando…) – in due parti, “Godot”, “Un tipo chiamato Destino”, “Sciarrabball”, “Avevo una snake”” e “L’eternauta”.  Il pezzo che ci fa ascoltare Passarella è un vecchissimo demo…

“Here it comes again” di Melanie C  è il primo brano di giovedì 27 febbraio. E’ il primo singolo tratto dall’omonimo album (il secondo dell’ex Spice Girls). Pubblicato il 24 febbraio 2003 raggiunse presto la Top 10 inglese, ma anche in quelle degli altri paesi si comportò abbastanza bene. La discografia ufficiale della cantautrice pop britannica comprende cinque album, due DVD musicali, diciotto singoli, ventisei promo e colonne sonore e diciannove video musicali.

Il secondo brano è “Monday Morning” dei The Vox di Ancona (Manuel Rubini, voce/chitarra; Christian Rubini, chitarra solista; Paolo Fioretti, basso; Emanuele Lucci, batteria). Finalisti con questo brano del festival “Sotterranea 2007” (si svolge a San Benedetto del Tronto) ripresentano le dolci melodie un pò beat dei primi anni ’60 inglesi, partendo ovviamente dalla lezione degli intramontabili Beatles.


Venerdì 28 febbraio gli ultimi due brani in scaletta. Il primo è “La vie en rose” di Belinda Carlisle. L’ex front girl delle Go-Go’s diventa parigina: nel 2007 ha pubblicato un cd intitolato “Voilà”, tutto dedicato alle arie più famose nella tradizione d’Oltrealpe: esiste anche la versione da collezionista, assai rara. Nella sua carriera, ha pubblicato 7 album di inediti di studio (l’ultimo nel 2007). Di questi, 3 hanno raggiunto almeno il disco d’oro negli Stati Uniti e 4 hanno ottenuto lo stesso risultato in Gran Bretagna. Il suo album di maggior successo è stato “Heaven on earth”, vincitore di diversi dischi di platino al di là e al di qua dell’Atlantico. Da esso è tratto il classico da cui il long playing prende parte del suo titolo, “Heaven Is a Place on Earth”.

Il secondo brano: è “Luminal” di Tenedle (Firenze / Olanda). Il fiorentino Dimitri Niccolai (in arte Tenedle), musicista, pittore e attore teatrale italiano, ha pubblicato quattro cd con l’U.d.U. Records, prima di trasferirsi ad Haarlem: questo brano è la title track del primo disco “Luminal”, a cui sono seguiti “Alter”, “Grancassa” ed il più recente “Vulcano”.

Se gli artisti giovani proposti ti sono sconosciuti, cerca su MusicalNews.Com altre notizie su di loro: scrivi pertanto WilloW, Jovine, URoss, The Vox e Tenedle nel motore di ricerca che si trova in alto a destra. Scrivi uno di questi nomi accanto alla parola CERCA: se invece volete che la vostra radio del cuore mandi in onda gratuitamente il format Il Re del Gancio, manda una e-mail a info@ilredelgancio.it.

Nelle foto: Giancarlo Passarella e Tenedle negli studi di Canale10; Vulcano il nuovo cd di Tenedle; copertina album “Voilà” di Belinda Carlisle.
(Nino Bellinvia)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!