Home » MUSICA, PRIMO PIANO » “Il Re del Gancio” format radio molto richiesto ideato e condotto da Giancarlo Passarella. Dal 30 maggio al 3 giugno le nuove puntate

“Il Re del Gancio” format radio molto richiesto ideato e condotto da Giancarlo Passarella. Dal 30 maggio al 3 giugno le nuove puntate

Firenze. Il format radio “Il Re del Gancio”, ideato e condotto dal super Giancarlo Passarella (e dallo stesso autoprodotto), prosegue di settimana in settimana a proporre con successo giovani artisti (senza chiedere loro di pagare alcun contributo) che pone accanto ai big italiani e stranieri. Il format radio è una striscia, di dieci minuti, originale e propositiva che è messa in programmazione dalle emittenti radiofoniche (in questo periodo sono oltre cento e il numero aumenta di giorno in giorno…) che ne hanno fatta richiesta e alle quali è spedito gratuitamente.

Uno show, “Il Re del Gancio”, che si è rivelato di grande aiuto per le piccole radio che faticano a rimanere vive! Non c’è dubbio, Giancarlo Passarella fa proprio servizio pubblico come la Rai.

Ricordiamo che, storicamente, Passarella è stato il primo talent scout radiofonico (nel biennio 1986/87 a Rai Stereo Uno programmava brani tratti da demo su cassetta, scoprendo Ligabue, Bandabardò, Irene Grandi…).  Questi gli appuntamenti dal 31 maggio al 3 giugno.

Lunedì 30 maggio

Primo brano che Giancarlo ci presenta è “Xverso “di Tiziano Ferro, cantautore e produttore discografico. L’artista, nato a Latina il 21 febbraio 1980, dal 2005 vive a Londra. Giocando sul suo fisico che aveva al Liceo, ha chiamato “111” (il suo peso forma d’allora!), il suo primo album importante, inciso nel 2003, dal quale è stato estratto come primo singolo “Xverso”, video girato a Cuba dal regista Paolo Monico con fotografia di Max Gatti. Nel corso della sua carriera ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti, tra cui un MTV Europe Music Award nel 2004 come Best Italian Act e un World Music Award come World’s Best Selling Male nel 2010. Nel 2012 ha ricevuto il Premio multiplatino per l’album “L’amore è una cosa semplice”. Dallo mese di maggio dello stesso anno è A testimonial dell’Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia. Nel 2014 è uscita la sua raccolta “TZN – The Best of Tiziano Ferro”. Il suo nuovo disco è atteso a dicembre 2016.

Il secondo brano s’intitola “Manifesto opportunista” dei Damien di Pesaro. Pop indie postpunk originale. Enrico, Ernesto e Damiano sono stati per diverso tempo in tour per promuovere il cd “Art/Art”, lanciato anche grazie a un videoclip, girato da Alberto Baldolini, relativo a “Fi It!”, secondo singolo tratto dal loro cd. Ora incidono per la Suiteside Records. Ultimo album: “Crippled Cute” (Tracklist:On Ice”,Unaware Unaware”,Courtship”,Confidants”,Storyboard”,Lesser Thoughts”, “Twisted Realm”, “Softcore”, “You Bonbonniere”, “Night Rush”, “Starting Fire”).

Martedì 31 maggio

Primo brano di oggi è “Nowhere to run” di Martha Reeves. Brano del 1965 come Martha and the Vandellas: il tentativo era di contrastare la fama delle Supremes e con questo brano la cosa è riuscita, conquistando l’ottavo posto negli States. Da solista ha inciso gli album “Martha Reeves”, “Rainbow”, “For the Rest of My Life”, “We Meet Again”, “Gotta Keep Moving” e “Home To You”.

Secondo brano: “Pai Nai” dei romani Methel & Lord. Sergio Ferrari alias Methel (cantante-compositore) arrangia con Gianmarco Carlucci (alias Lord) musiche di matrice classica che si reggono su un sound elettronico: un bel progetto, anche… fuori di testa. “Pai Nai”, che come un film evoca scenari e ambientazioni immaginarie e disparate, è un album coraggioso, addirittura spericolato per una band al primo album. Ma colpisce nel segno e il risultato è davvero eccellente.

Mercoledì 1 giugno

Primo brano che Passarella ci fa ascoltare è la canzone “Black Night“ del gruppo hard rock Deep Purple. Canzone pubblicata prima come singolo il 5 giugno 1970 e poi inclusa nella versione del 25º anniversario del loro album del 1970 (il quinto) “Deep Purple in Rock”. Il brano arrivò al secondo posto della classifica dei 45 giri in Inghilterra e questo ha rappresentato il più alto successo di vendite della carriera del gruppo in attività nel periodo 1968-1976 e dal 1984 in poi. 93 gli album pubblicati (19 in studio, 40 live e 34 raccolte). Il 16 dicembre 2015 venne annunciata la loro induzione alla Rock and Roll Hall of Fame che si è svolta l’8 aprile 2016 al Barclays Center di Brooklyn. Formazione attuale: Ian Gillan (voce), Steve Morse (chitarra), Don Airey (tastiera), Roger Glover (basso), Ian Paice (batteria).

Il secondo brano del giorno è “Fitness” dei Noi Nati Male di Arezzo. Dopo essersi conquistati spazi in festival ed eventi in giro per l’Italia, ora si affidano anche alle immagini. Dall’album “Imprevisti” è tratto il brano “Fitness”, una perla di saggezza lirica e compositiva. Tanti consigli i loro (come dice Passarella) da seguire. “1989-99… Dieci anni col fiato sul collo!” è l’organica retrospettiva su un decennio di note per i Noi nati male, arrivati al primo cd vero dopo tre demotape e un cd single. Peccato siano un po’ scomparsi.

Giovedì 2 giugno

Primo brano che oggi si ascolta è “Should I Stay or Should I Go?” dei The Clash che è stato un gruppo musicale british punk britannico più acclamato dalla critica nel suo periodo di attività (1976 al 1986). Il brano in ascolto è un evergreen che ha superato decenni e che rappresenterà i Clash ancora per molto tempo. Lo dice Giancarlo Passarella…

Secondo brano della giornata è “L’inferno digitale” della band sassarese Terzamadre che ha una discreta esperienza live temprata anche da concerti con Piero Pelù e Francesco Renga. I suoi componenti adorano il rock pesante (Iron Maiden, Audioslave, Guns’n’Roses..), ma il loro demo propone 13 brani molto pop.

Venerdì 3 giugno

Titolo del primo brano è “Barbara Ann” dei Beach Boys. Un brano molto famoso, originariamente pubblicato dai The Regents nel 1961, ma portato al successo quattro anni dopo dai più conosciuti The Beach Boys (la loro versione raggiunse il secondo posto nelle classifiche statunitensi e il terzo in quelle del Regno Unito) e più tardi da The Who, Skiantos, Blind Guardian,…

Il secondo brano. E ultimo della settimana, è “Libero” (anche video ed EP omonimo online) del cantautore romano Francesco Cremisini. Arde da anni il fuoco sacro nel suo animo: con gli Enemynside sfoga la sua rabbia metal, esibendosi tra il 2000 e il 2001 e, dopo una pausa forzata, nel 2003. Poi anche in altre occasioni nel corso degli anni,  su diversi palchi italiani ed europei accanto ad artisti quali Blaze Bayley (ex Iron Maiden), Tankard e Sabaton e realizzando due album, mentre con il progetto Eros e Tanatos nato nel 2005, si propone in modo originale e ammaliante. Nel 2013 lascia gli Enemynside per esplorare nuovi percorsi artistici e pubblica il singolo del brano “Passione” (contenente la bonus track “Deluso e fragile”), accompagnato dal video del brano omonimo diretto da Francesco De Honestis.

Se gli artisti giovani proposti ti sono sconosciuti, cerca su MusicalNews.Com altre notizie su di loro: scrivi pertanto Damien*, Methel & Lord, Noi Nati Male, Terzamadre e Francesco Cremisini nel motore di ricerca che si trova in alto a destra. Scrivi uno di questi nomi accanto alla parola CERCA: se invece volete che la vostra radio del cuore mandi in onda gratuitamente il format Il Re del Gancio, manda una e-mail a info@ilredelgancio.it.

Nelle foto: Giancarlo Passarella in una intervista televisiva del 2013; la copertina dell’album “Paio Ani” del duo Methel & Lord; Deep Purple nella versione picture disc di “Black Night”.
(Nino Bellinvia)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!