Home » NEWS FUORI REGIONE » “Il Foglio volante” di giugno 2013

“Il Foglio volante” di giugno 2013

È appena uscito e sarà spedito in questi giorni agli abbonati “Il Foglio volante” di maggio 2013. Il giornale si apre con un pezzo sul Convegno Internazionale di Poesia di Formia e vi compaiono poi, oltre alle solite rubriche, Domenico Adriano, Bastiano, Loretta Bonucci, Fabiano Braccini, Angelo Capoccia, Georges Dumoutiers, Vito Faiuolo, Amerigo Iannacone, Adriana Mondo, Silvana Poccioni, Fryda Rota, Gerardo Vacana.

Ricordiamo che per ricevere copia saggio, ci si può rivolgere a: fogliovolante@libero.it oppure al numero telefonico 0865.90.99.50. Per ricevere regolarmente il giornale in formato cartaceo è necessario abbonarsi. L’abbonamento – che dà diritto a ricevere tre libri omaggio per un prezzo di copertina superiore al costo dell’abbonamento (18 euro) – serve anche a sostenere un mensile letterario e di cultura varia che non ha altre forme di finanziamento.

Riportiamo, qui di seguito, un testo dalla rubrica “Appunti e spunti – Annotazioni linguistiche”, una poesia di Gerardo Vacana, e un epigramma di Bastiano, e, in allegato, una foto del Convegno Internazionale di Poesia di Formia.

Appunti e spunti

Annotazioni linguistiche

di Amerigo Iannacone

Gary Cooper e Gary Baldi

Mi ricordo di uno scenetta televisiva degli anni sessanta, in cui un autore andava a proporre a un dirigente della televisione la realizzazione di uno sceneggiato tratto dal libro Da Quarto al Volturno, in cui il Generale Garibaldi va alla conquista dell’Italia con mille soldati.

«Sì, si può fare, – gli dice il dirigente – ma invece di mille, facciamo 500, mille sono troppi. E che fanno?»

«Partono dalla Liguria e sbarcano in Sicilia.»

«Troppo provinciale. Ambientiamo nel Far West, dove i 500 vanno a cavallo alla conquista del West e combattono contro gli Indiani. E il generale come si chiama?»

«Garibaldi.»

«No, dobbiamo trovare un nome che suoni meglio: facciamo Gary Baldi, come Gary Cooper».

E cosí continuava la scenetta.

Oggi qualcosa del genere sta succedendo – non per barzelletta – nella nostra lingua, dove si leggono all’inglese nomi che inglesi non sono e dove Immanuel Kant diventa Immanuel Kent. Si è sentito in TV, e non da Lino Banfi che gioca a sostituire la E alla A, dicendo “Beri” anziché “Bari” e “mere” invece di “mare”.

Tutto si legge in un supposto inglese, dove la A diventa E, anche se non è vero che in inglese la A si pronunci sempre E. Anche in inglese si pronuncia A quando è in una parola che termina con una o due consonanti, come in “back”: mentre si pronuncia EI se è seguita da consonante con vocale, come in “made”.

Ma per molti, l’importante è cercare di sprovincializzarsi, sia pure dicendo scemenze.

Ave Clara, dulcis canícula, municeps mea

A una cagnolina ciociara abbandonata,

adottata da due amici austriaci

La tua buona stella ti ha fatta adottare,

ancora bambina, da Franziska e Hans,

persone di grande cuore. A Lockenhaus

ovviamente non soffrirai fame, freddo, percosse,

ma nemmeno occhiatacce, forti sgridate,

minacce, che anch’esse toglierebbero

slancio e brio a un temperamento

espansivo e sensibile come il tuo.

Avrai negli occhi profili di monti

e ne sarai contenta

come di immagini di casa.

Vedrai tanta neve, ma essa non ti spaventa,

figlia come sei degli Ernici e dei Simbruini.

Dormirai sonni piú tranquilli che in Ciociaria,

terra che, come l’Abruzzo contiguo, sempre

trema o balla, a volte con tanta frenesia

che diventa, complice l’uomo,

e per le visceri imperscrutabili,

folle, assassina.

Nell’ambiente colto in cui crescerai,

e come si conviene a un’educazione moderna,

imparerai almeno tre lingue:

quella di Dante, di Goethe e di Hugo.

Ma mostrerai presto una predilezione

per il latino la vera, sola lingua materna

di chi, come te, è nata nel Latium antiquum o novum.

(Da padre ignoto, – è vero, ma anche

da una mater dolorosa, abbandonata

con i suoi piccoli in mezzo ai campi,

eroica nel nutrire col poco latte

e il sangue tutta la cucciolata.)

Udirai buona musica,

spesso suonata apposta per te.

Tu ascoltala attenta, interessata,

anche ora che sei piccola, mi raccomando!

Sarai grata e fedele, ne son certo.

La fedeltà è una nostra irrimediabile debolezza,

il nostro vero tallone d’Achille.

È anche una nostra nobiltà, di specie rara.

Una carezza e un altro consiglio,

prima di dirci vale:

abítuati a viaggiare con ogni mezzo

e – noblesse oblige – anche con l’auto

(che, mi dicono, non ami).

È  il solo modo per tornare a rivedere,

magari di rado, i luoghi natali.

Agli uomini e agli animali, non solo fa piacere,

è necessario, vitale.

15 e 20 febbraio 2013

Gerardo Vacana

Gallinaro (FR)

VERSETTI E VERSACCI

di Bastiano

Modernità

Due soli interessi:

la pancia e il sesso.

Tali e quali

agli animali.

20.8.2006

Nelle foto: la testa de Il Foglio Volante; poeti di Francia, Spagna, Marocco, Inghilterra… che hanno partecipato a Formia alla terza edizione del Convengo Internazionale di Poesia (articolo nelle pagine 1 e 2).
(N.B.)

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • del.icio.us
Invia articolo ad un amico Invia articolo ad un amico Stampa questo articolo Stampa questo articolo

IMMAGINI DELLA LIGURIA



Meteo Liguria

Meteo Liguria

CAMBIO VALUTE

Il Widget Convertitore di Valuta è offerto da DailyForex.com - Forex Opinioni - Brokers, Notizie & Analisi

TUTTO CINEMA

© 2007 - 2017 LIGURIA 2000 NEWS - Anno XI - Collegati -

Se trovate qualcosa coperto da copyright comunicatelo al webmaster, provvederemo alla sua rimozione, grazie!